Pagina 3 di 3

Re: Ri-opinioni da slackware ad arch.

Inviato: sab giu 23, 2012 11:00
da Ortew
Plaoo ha scritto:
Ortew ha scritto:Comunque sia ringrazio tutti quelli che hanno risposto, soprattutto per la pazienza. Non ho mai trovato un forum così, quando ero "novellino" e non sapevo su che distro buttarmi, chiesi consiglio in un forum (non faccio nomi), dove la spunta "trattare con arroganza tutti i nuovi arrivati" era impostata di default. Grazie a tutti! :D

:lol: :lol: :lol: ricordati che siamo fannulloni, ogni nuovo fannullone è ben accetto, anche se non c'è ne importa nulla.


:badgrin: :badgrin: :badgrin: :badgrin: :badgrin:

Re: Ri-opinioni da slackware ad arch.

Inviato: sab giu 23, 2012 14:42
da tornadomig
mica hai voglia di farmi sapere quale e' quel forum? ho qualche sospetto. va bene anche via pm se credi.

grazie e scusa.


e comunque qui la gentilezza e la comprensione e' sempre stata un "must", un punto di riferimento. :thumbright:

Re: Ri-opinioni da slackware ad arch.

Inviato: sab giu 23, 2012 18:48
da hashbang
Ortew ha scritto:Il rimpiazzamento sta solo nel fatto che arch possiede un gestore dei pacchetti "automatico"?
La gestione automatica delle dipendenze non è sempre un vantaggio.
Ha i suoi pro e i suoi contro.
APT, Pacman, IPS ecc sono molto comodi, ma sono package manager che danno per scontato che tu sappia cosa stai facendo.
Sono strumenti potenti e pratici, ma che necessitano di un uso accorto.
Con questo non voglio dire che siano strumenti poco utili, anzi...
Dico solo che IMHO si potranno sfruttare al massimo le loro enormi potenzialità, dopo aver preso mano con i meccanismi delle dipendenze e della gestione dei pacchetti. Ed IMHO non c'e niente di meglio di una distro che ti permette di fare pratica, gestendo manualmente il tutto.
Slackware non avendo nessun package manager che gestisce dipendenze, ti permette di imparare, come ha detto jimmy_page_89, a tenere traccia di ciò che installi e a mantenere la tua distro pulita, qualora determinati pacchetti non ti servissero più.
Il mio consiglio è di iniziare a prendere confidenza con la gestione di Slackware. Una volta che ti sarai fatto le ossa, avrai vita facile con qualunque package manager automatizzato.

Ortew ha scritto:La vita su linux, non la voglio "facile". Motivo per il quale ho abbandonato ubuntu e altre distro di quel genere..
Allora IMHO hai scelto la distro sbagliata.
Per quanto la si dipinga come impossibile, difficile, da smanettoni ecc, Slackware è IMHO la distro GNU/Linux più pulita, semplice e meno problematica esistente.
Paradossalmente, si hanno più problemi con le distribuzioni "easy", che con lei.
Persino con la -current viaggi tranquillo.

Re: Ri-opinioni da slackware ad arch.

Inviato: lun giu 25, 2012 0:40
da creppolo
io credo che slackware sia la distro ottimale per chi inizia e per chi vuole un sistema stabile e sicuro: altre distro attirano l'attenzione e vanno provate, meritano di sicuro l'attenzione e sono molto funzionali, tra tutte debian, redhat e arch. Ma io sono su slack (dopo averle provate) per la semplicità con cui posso configurare il mio sistema e la "professionalità" dell'utenza che frequenta il foum, disponibile oltre misura con tutti. Se impari ( .. e se l'ho fatto io..) poche cose riesci a divincolarti tra i problemi e inizi a entrare nel funzionamento di slack, con un po di pazienza diventi padrone dei tuoi errori e sistemi le cose... con poche altre distro mi son trovato cosi bene e mai ho trovato un'accoglienza come in slacky.eu: ecco perchè uso slackware ! :D :thumbright: