Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Hardware High end per studi di registrazione .

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda kobaiachi » mar apr 26, 2011 16:10

Ieri sono stato a trovare un amico che ha uno studio di registrazione abbastanza conosciuto, ma quando mi ha fatto vedere l'hardware che gestiva tutto lo studio sono rimasto un po perplesso si trattava infatti di un solo G5 con 4 schede DSP di protools instllate sopra e soli 4 HD come sistema di storage, il tutto poi collegato ad un patch panel dove erano collegati anche gli altri sistemi rack (circa una 20 di pezzi tra compressori , peramolificatori etc etc )
in tale configurazione mi diceva che l'hardware raggiungeva la cifra di circa 30K euro .


ora io mi chiedevo come è possibile che un g5 riesca a gestire tutto ?
Sinceramente mi aspettavo un sistema in cluster per l'analisi e l'elaborazione dell audio e collegamenti in fibra verso lo storage .

effettivamente poi mi sono reso conto poi facendo due calcoli che per registrare i flussi audio non serve tanta banda di accesso al disco e che quindi anche un sistema sata in raid 1 puo bastare rimane il problema del processing dell audio che a quanto ho capito pero è delegato alle schede di protools e agli altri sistemi rack .

ora la domanda è che tipo di configurazione e questa possiamo definirla una configurazione High end oppure è una soluzione Mid range ?

So che alcuni di voi sono ottimi musicisti Dj e magari c'e anche qualche tecnico del suono .

come funziona l'informatica Hig end nel mondo degli studi di registrazione ?

effettivamente quali sono gli hardware essenziali ?
che potenza di calcolo serve ?

i sistemi principali devono essere basati su soluzioni Mac o basta l'uso di macchine con processori PowerPC ?


Spero che qualcuno di voi mi chiarisca un po di idee ..

un saluto a tutti

Kobaiachi
kobaiachi
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1368
Iscritto il: mer lug 13, 2005 23:00
Località: roma

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda kobaiachi » mer apr 27, 2011 19:59

Dopo avere navigato in po in rete mi sono fatto un po di idee ..

la cosa interessante è che al momento non c'e una soluzione free sovrapponibile a software come Pro tools, logic ed altri .

Mi sono invece imbattuto in una serie di programmi specializzati come Jack, Audacity, Ardour, RoseGarden, Muse, Hydrogen, Qsynt, Rackaarack etc etc )

Ora la domanda è a parte gli hardware dedicati (schede di elaborazione audio e effetti a rack )

se doveste fare una soluzione Opensource per uno studio professionale di Musica quali programmi tra questi scegliereste e perche ?

é propio vero che mac ha la supremazia in questo campo o basta fare un unico front-end grafico per i programmi sopracitati per competere con Protools, logic e gli altri ?.

che ne pensate ?
kobaiachi
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1368
Iscritto il: mer lug 13, 2005 23:00
Località: roma

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda hashbang » mer apr 27, 2011 20:32

Audacity lo sconsiglio....è un wave editor molto povero (hai presente Nero Wave Editor? Uguale). Può anche andare bene per registrazioni "casalinghe", ma se vuoi qualcosa di professionale, cioè una DAW, Ardour è la soluzione. Buon prodotto anche RoseGarden. Muse, QSynth e gli altri non li conosco.
Ma a quanto ne so, Ardour è il top in ambito open source.
Esiste anche Linux MultiMedia Studio (LMMS) che potremmo definirlo un clone di FL Studio.
Logic, IMHO è un prodotto alla pari di FL Studio (forse anche un pò meno). Il vero mostro (in senso positivo) è Pro Tools di AVID. Peccato che non ci sia per Linux :(
Adoro il pragmatismo della lingua giapponese, è l'unica in cui per dire ad una ragazza che la ami le dici "suki". (cit.)
Avatar utente
hashbang
Packager
Packager
 
Messaggi: 1833
Iscritto il: ven giu 04, 2010 9:27
Località: Lecce
Nome Cognome: Luca De Pandis
Distribuzione: Windows 8.1 Pro

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda kobaiachi » mer apr 27, 2011 22:18

Ma quindi se ti chiedessero di realizzare uno studio professionale di Registrazione (Tipo Abbey Road) Escludendo dalla parte software soluzioni propietarie .

Considerando che Effetti, campionatori, compressori, etc etc è tutta roba Hardware che ovviamente non puo mancare .

Con linux ed i programmi di musica attualmente Presenti si potrebbe pensare di poter fornire una soluzione professionale usando solo software Opensource,
Leggevo in un altro forum che Pro tools = Rosegarden + Ardour + jack si potrebbe quindi pensare ad un front end per questi software che permetta all utente abituato ad usare protools di avere una interfaccia friendly?
pero poi sta roba puo gestire le schede DSP dedicate al processing dei flussi musicali come fa pro-tools ?


sono ancora molto confuso pero qualche idea me la sono fatta, che dite chi ne sa qualcosa di piu mi aiuta a schiarirmi le idee ?
kobaiachi
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1368
Iscritto il: mer lug 13, 2005 23:00
Località: roma

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda rik70 » gio apr 28, 2011 14:04

Ciao,

chiarisco subito che non sono un professionista, però posso dirti che con Linux ci "suono".

Con la slack che ho nel profilo, kernel ck, P4 2.8Ghz e un giga di ram, riesco - con una modestissima SoundBlaster - ad avere una latenza di 2.5ms che mi permette di suonare in realtime.
(Edit: 2.5ms a 48khz, 1.3 millisecondi a 96khz !)

Utilizzo Ardour, jackd, i plugin ladspa e lv2, set_rlimits per i permessi - dato che su Slackware siamo senza PAM - e la drum machine Hydrogen.


Entro nella scheda audio passando per un tubescreamer, e dall'altro capo del cavo ho una fender stratocaster.
Poi via ardour, grazie ai 'plugs', mi creo uno stack che comprende: 1 emulatore di amplificatore a valvole ---> chorus/flanger/delay ----> 1 cabinet emulator ----> 1 riverbero e qualche filtro passa alto/basso per tagliare le frequenze che alla 'guitar' non servono.

E registro pure :-D senza alcun tipo di buffer underrun o come si dice/scrive.

Immagino quindi cosa si possa fare con hardware di livello professionale.

Alle tue domande però non so rispondere, in particolare se Ardour sia in grado di gestire via interfaccia i rack esterni: sarebbe interessante sapere che connessioni hanno e che periferiche occorrano.

Ad ogni modo, se non hai già visto prova a buttare un occhio qui:

http://eracks.com/products/Studio/

Bye
rik70
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1239
Iscritto il: gio mar 10, 2011 9:21
Slackware: 14.1
Kernel: generic-smp
Desktop: Xfce

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda EmaDaCuz » dom mag 01, 2011 14:10

Prodotti SERI open source per la produzione audio non esistono. L'unico degno di nota e' Ardour, ma purtroppo il 99% dei plugin inclusi fanno schifo e/o non funzionano. Hydrogen e' una buona drum machine, ma non esporta (o almeno io non riesco a settare i parametri giusti) a 24 bit... quindi niente. Lavorare con audio a 16 bit e' semplicemente fuori discussione.
In generale, il problema non e' l'interfaccia di questo o quel programma, semplicemente molti prodotti closed funzionano meglio. Prima di tutto la stabilita' e' ottima per quasi tutti i programmi (ci sono delle combinazioni che danno qualche problema, tipo Cubase 4+(Snow) Leopard), il rendering e' di un altro pianeta e i plugin in dotazione sono plugin seri, non mezze cioffeche come i LADSPA. Altra cosa, i software closed funzionano out of the box, attacchi qualsiasi cosa al volo e con due click funziona. Con Ardour, ad esempio, ero solito perdere 10 minuti solo per selezionare la scheda audio che mi serviva in quel momento. E questo per me e' gia' abbastanza per tagliare fuori l'unico programma degno di nota dal gruppo di software ideali per la produzione audio.

Sulla questione "serve un Mac?" io dico di si', anche se ci sono molti guru che utilizzano workstation windows based. Poi i software li puoi scegliere a piacimento. Pro Tools e' l'ideale per l'utilizzo di puro audio, sulla gestione dei virtual instruments e' un po' scarso. Io adoro Ableton Live, ma come detto ce ne sono di tutti i gusti. Una cosa: comparare Fruity Loops a Logic mi sembra un' eresia...

Per concludere, il fatto che negli studi professionali si usino un sacco di outboard e' un falso mito. Oggi almeno il 50% della produzione e' fatta con plugins; ci sono ancora molti ingegneri del suono della vecchia scuola che mixano/producono/masterizzano con outboards, ma molti di loro hanno dichiarato che lo fanno perche' sono abituati a quel workflow e non perche' i plugins non vadano bene (anzi).
Quindi, dando una risposta alla domanda iniziale, l'informatica high end negli studi di registrazione e', di solito, un MacPro imbottito di RAM, 1 disco dedicato ai software (di solito Pro Tools e Logic), 1 disco dedicato alle librerie (plugins e suoni), 1 disco dedicato ai progetti. Se si usa Pro Tools HD, come scheda audio bisogna utilizzare una scheda dedicata di AVID. Poi ci attacchi tutto quello che vuoi. Ma ripeto, ci sono tanti studi ottimi in cui i computer sono quello che sono, ma solitamente sono gestiti da amanti dell'outboard.
Avatar utente
EmaDaCuz
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 863
Iscritto il: sab gen 28, 2006 15:47
Località: Nijmegen, NL
Slackware: 12.0 - ma a Trieste
Kernel: 2.6.25
Desktop: Fluxbox
Distribuzione: Debian e Arch

Re: Hardware High end per studi di registrazione .

Messaggioda hashbang » dom mag 01, 2011 15:36

EmaDaCuz ha scritto:Una cosa: comparare Fruity Loops a Logic mi sembra un' eresia...
Guarda, forse se parliamo di dotazione di plugin di default, FLStudio può sembrare un giocattolo. Però ti assicuro che si aggiungono plugin, FLStudio può diventare realmente professionale. Ed è anche uno strumento utilizzato da molti produttori Hip Hop americani conosciuti, come Soulja Boy oppure di produttori techno/house/trance (se non ricordo male, lo usa BassHunter).
Adoro il pragmatismo della lingua giapponese, è l'unica in cui per dire ad una ragazza che la ami le dici "suki". (cit.)
Avatar utente
hashbang
Packager
Packager
 
Messaggi: 1833
Iscritto il: ven giu 04, 2010 9:27
Località: Lecce
Nome Cognome: Luca De Pandis
Distribuzione: Windows 8.1 Pro


Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti