Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Slackware per un server PRO e CONTRO

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda Plaoo » mer ago 31, 2011 0:45

Apro questa discussione perchè sull altra stavamo andando OT (http://www.slacky.eu/forum/viewtopic.php?f=2&t=34691).
Usare slackware per un server che ne pensate?
Vantaggi e svantaggi.
Il canale ufficiale di slacky.eu si trova sui server irc.syrolnet.org canale #slackware
Avatar utente
Plaoo
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 809
Iscritto il: gio apr 10, 2008 16:40
Località: Ittiri (SS)
Slackware: 14 64
Kernel: 3.2.9
Desktop: KDE

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda notsafe » mer ago 31, 2011 8:18

rispondo qui alla richiesta di esempio nella precedente discussione.
Caso che che mi è capitato (e che prescinde da Slackware): qualche anno fa abbiamo avuto alcuni problemi con named che "improvvisamente" si uccidevano.
Dopo un pò di analisi,abbiamo compreso il problema: da una certa versione in poi (ora non mi ricordo esattamente quale,si parla di almeno 3 anni fa) il comportamento di default di named in presenza di una doppia zona è quello di fermare completamente il processo,mentre prima semplicemente veniva eseguito un secondo load (e quest'ultimo "vinceva" su quello precedente): questo cambiamento,oltre a darci ovvi problemi di disservizio,ci ha obbligato a modificare gli script di distribuzione delle zone (implementando un algoritmo di controllo sulla eventuale presenza di stesse zone in due include diversi)
notsafe
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 451
Iscritto il: mar mar 21, 2006 11:00

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda miklos » mer ago 31, 2011 8:24

Secondo me Slackware non avendo ufficialmente la compatibilità con prodotti proprietari (Oracle, Ibm etc etc etc) non è adatta in tante situazioni enterprise.
In più non ha nessun tipo di certificazione(correggetemi se sbaglio), in pratica a livello burocratico non verrà mai adottata in contesti di alto livello.
Però a parte questo, fino a quando si parla di server basati su software opensource(quindi compilabile in un apposito ambiente di build) non trovo grossi svantaggi.
ho visto cose che voi astemi non potete immaginare
miklos
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1222
Iscritto il: lun lug 16, 2007 16:39
Località: Roma
Slackware: 14.1 64bit
Kernel: 3.12.6
Desktop: openbox 3.5.2

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda krisis » mer ago 31, 2011 8:47

In realtà se parliamo di server va bene quasi qualsiasi distribuzione.
Tutto dipende dal gruppo di sistemisti che gestisce il ced.

Avere o meno un packet manager che mi risolva le dipendenze automaticamente non è un prerequisito se il server dovrà restare immutato per i prossimi tre anni (tranne gli aggiornamenti di sicurezza).
La mancanza di pam in slackware invece è molto più rognosa se si ha intenzione di usare metodi di autenticazione più evoluti come ldap+kerberos,ma anche in questo caso se il team di sistemisti ha deciso di usare slackware sapendone le limitazioni sapranno anche come risolvere il problema.

Le uniche distribuzioni da installare su di un server che vanno evitate come la peste sono le rolling , le current e qualsiasi altra tipologia che faccia aggiornamenti massivi quasi giornalieri che non preveda un ramo stable con un lungo periodo di supporto.

In alcuni ambiti particolari invece la scelta della distribuzione è obbligatoria :
    Se devi usare il database oracle su di un installazione linux devi usare centos , redhat , unbreakable linux o suse.
    Se devi usare weblogic o websphere su di un installazione linux devi usare centos , redhat , unbreakable linux o suse.
    Se devi usare sap o siebel su di un installazione linux devi usare redhat o suse.
Se devi usare hardware con certificazioni di compatibilità verso linux e vuoi usufruire del supporto tecnico devi usare una distribuzione certificata, l'esempio migliore che possa fare è la Dell : se hai problemi di compatibilità o funzionalità del sistema operativo riconducibili all'hardware ed usi una distribuzione non certificata il supporto può tranquillamente chiuderti la telefonata in faccia (a meno di accordi preliminari ben precisi)
Ma anche in questi casi se il team di sistemisti ha deciso diversamente sapendo a cosa andava incontro sa anche come risolversi il problema.

Non c'è esattamente un meglio o un peggio fra le distribuzioni , c'è invece "sistemista consapevole e sistemista scalzacani".
Avatar utente
krisis
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1120
Iscritto il: mar gen 25, 2005 0:00
Località: Roma
Distribuzione: debian

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda fgcl2k » mer ago 31, 2011 10:27

notsafe ha scritto:rispondo qui alla richiesta di esempio nella precedente discussione.
Caso che che mi è capitato (e che prescinde da Slackware): qualche anno fa abbiamo avuto alcuni problemi con named che "improvvisamente" si uccidevano.
Dopo un pò di analisi,abbiamo compreso il problema: da una certa versione in poi (ora non mi ricordo esattamente quale,si parla di almeno 3 anni fa) il comportamento di default di named in presenza di una doppia zona è quello di fermare completamente il processo,mentre prima semplicemente veniva eseguito un secondo load (e quest'ultimo "vinceva" su quello precedente): questo cambiamento,oltre a darci ovvi problemi di disservizio,ci ha obbligato a modificare gli script di distribuzione delle zone (implementando un algoritmo di controllo sulla eventuale presenza di stesse zone in due include diversi)

Ok, ho capito cosa intendi dire. Anche installando una versione stabile di Slackware potevo avere un aggiornamento di sicurezza che mi faceva passare alla nuova versione di bind che presentava un comportamento diverso. Una distribuzione come Debian o Centos (ma anche Ubuntu, credo) che effettua i backport delle fix di sicurezza sulle vecchie versioni non avrebbe avuto questo problema.
Avatar utente
fgcl2k
Linux 2.0
Linux 2.0
 
Messaggi: 130
Iscritto il: gio ott 29, 2009 10:14
Nome Cognome: Federico
Slackware: 14.1 (64bit)
Kernel: 3.10.17
Desktop: KDE 4.13.3

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda Meskalamdug » mer ago 31, 2011 17:29

Slackware ha sui server vantaggi e svantaggi
il primo vantaggio è che è semplice,pulita,senza fronzoli
con tutto quello che ne consegue.
Lo svantaggio è che manca un repository serio per
installare pacchetti,quindi facendo un pdc con ldap
e i relativi tools...vi dovete compilare tutto a mano
con quello che ne segue :D
Poi ovviamente tutto dipende dal contesto..io come
server di posta slackware la vedrei benissimo,o anche
come server dns,o http,o kdc kerberos,anzi la vedrei
meglio di tante altre distro.
Mentre la vedrei dura per fare un sso...
Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 3586
Iscritto il: gio mag 13, 2004 23:00

Re: Slackware per un server PRO e CONTRO

Messaggioda ZeroUno » mer ago 31, 2011 17:48

Slackware non verrà mai usata in grandi ambienti perchè... non si paga.
Che paradosso, vero?

Però se non funziona qualcosa la ditta può dire al fornitore: "io ti sto pagando! risolvilo o sono guai!"

Se uso slackware e non so risolvergli il problema il massimo che può succedere è che la ditta ti licenzi, ma il problema gli rimane, e spesso gli costa molto di più tenersi il problema che pagare il supporto redhat o sun o ibm o addirittura microsoft, a seconda dei casi.

E se il fornitore non riesce a risolvere i guai la ditta va per vie legali (e riesce a rifarsi un bel po' di quello che ha perso a causa del guaio)



Ecco come funziona il mondo... anche nell'opensource (eh si, perchè redhat te lo puoi installare gratis ed usare liberamente. quello che paghi è il supporto e le patch)
Packages finder: slakfinder.org | Slackpkg+, per aggiungere repository a slackpkg
Codice: Seleziona tutto
1011010 1100101 1110010 1101111 - 0100000 - 1010101 1101110 1101111
Avatar utente
ZeroUno
Staff
Staff
 
Messaggi: 4398
Iscritto il: ven giu 02, 2006 13:52
Località: Roma / Castelli
Nome Cognome: Matteo Rossini
Slackware: current
Kernel: slack-current
Desktop: ktown-latest
Distribuzione: 01000000-current


Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti