Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Domanda veloce su batteria portatile

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda -sf » sab set 17, 2011 13:31

Ciao a tutti, mi sto informando per cambiare la batteria del mio notebook e, visti i prezzi delle batterie originali, ho cercato "strade alternative".

Ho trovato una batteria che stando alla descrizione del venditore dovrebbe essere compatibile con il mio notebook HP, nella descrizione viene citato il mio modello ma nelle specifiche della batteria riportano:
- 11.1 V
- 47 Wh

Mentre sulla mia batteria originale il voltaggio è 10.8V;
Partendo dal presupposto che in ambito batterie non capisco una fava, questa piccola differenza nel voltaggio può portare danni al mio notebook? Se no, cambia qualcosa in termini di durata della batteria?

Leggendo qua e la per la rete ho trovato inoltre guide che spiegano come cambiare le celle della batteria in maniera "artigianale".
Non conoscendo a fondo l'argomento sono rimasto un pò perplesso, c'è qualcuno che l'ha fatto? E' un operazione fattibile o tanto vale prendere una batteria gia assemblata?

Grazie!


ps/piccolo OT: corre voce che portando la batteria a temperature basse (mettendola in frigo/freezer) questa ritorni ad avere un pò più di vita, aumentando la durata della carica :-k verità o leggenda metropolitana? :^o
Avatar utente
-sf
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 209
Iscritto il: ven lug 15, 2011 0:20
Slackware: 13.37
Kernel: 2.6.37.6-smp
Desktop: KDE

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda Blallo » sab set 17, 2011 15:28

Le batterie in freezer, ne ho provate un paio, non tornano ad avere neppure un po' di vita. Ora, se ad altri succede, vorrà dire che cambierò freezer :P

Cambiare le batterie interne può essere dannoso per te, per il portatile stesso e in più rischi di non far funzionare più il rilevatore di carica. Risultato: il pc segna sempre batteria esausta con tutte le "comodità" del caso.

Per i voltaggi non so aiutarti..
Io sono il detective Arsenio Magret, e porto sempre la camicia TATUATA!
Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
 
Messaggi: 3243
Iscritto il: ven ott 12, 2007 10:37
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.1 / 12.2
Kernel: 3.12.2-ck
Desktop: Openbox

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda murdock » sab set 17, 2011 17:32

0.3 Volts in più non mi sembrano un'esagerazione, generalmente il voltaggio segnato su batterie e trasformatori non è preciso, può anche oscillare in più o in meno anche fino a 1 Volt.
Mi spiego, un alimentatore per notebook che ho qui, nominale è un 19V, se lo misuro con un tester, mi segna 19.49V.
Certo che poi, se la batteria da 11.1V va a produrre 12V alla lunga potrebbe essere un problema.

Puoi rimpiazzare le celle della tua vecchia batteria a patto che le nuove celle siano compatibili con le vecchie, cioè facendo in modo che ogni modulo batteria nuovo corrisponda per voltaggio ed ampere a quello da sostituire; E' però un'operazione complessa, le batterie sono pressofuse, aprirle è un bel problema, una volta poi "rifarcite" per chiuderle bisogna usare nastro isolante o colla, questo fa ben capire che il prodotto finale non è certo un granché.

Alcune batterie (NiCD e NiMh) possono esser ripristinate con una scossa data da un grosso condensatore (almeno 250.000uF) caricato; ciò vaporizza i ponti conduttivi in corto, ripristinando di fatto l'elemento.
Inutile dire che oggi, con i controlli di carica ed altra elettronica all'interno della batteria, ciò può ovviamente danneggiarla, l'operazione andrebbe eseguita su ogni elemento a batteria aperta con gli inconvenienti di cui sopra.

Saluti,
MuRdOcK
Avatar utente
murdock
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 452
Iscritto il: ven mag 25, 2007 11:58
Slackware: 64 14.1
Kernel: 3.16,3
Desktop: KDE 4.14,1

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda -sf » sab set 17, 2011 20:33

Grazie per le risposte.

Il fatto delle batterie in frigo/freezer ero dubbioso anche io, eventualmente proverò giusto per togliermi la curiosità :D

Per quanto riguarda il ripristino mi parli di batterie NiCD e NiMh, ma le batterie dei portatili non sono generalmente al litio? (o ioni di litio, perdona la mia ignoranza in materia!)

Comunque tornando alla batteria sostitutiva, 0.3V in più non costituiscono un problema?
Il notebook in questione ha quasi 3 anni e non credo che "vivrà" ancora tanto a lungo; i possibili danni a lungo termine di cui mi parli quali sono? e sopratutto dopo quanto tempo potrebbero apparire?

Grazie mille!
Avatar utente
-sf
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 209
Iscritto il: ven lug 15, 2011 0:20
Slackware: 13.37
Kernel: 2.6.37.6-smp
Desktop: KDE

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda metrofox » sab set 17, 2011 20:48

Se la batteria è agli ioni di litio allora per congelarla devi portarla a -40°C e la maggior parte dei freezer non ci arriva.
Avatar utente
metrofox
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 758
Iscritto il: gio ago 07, 2008 11:29
Slackware: slackware64-current
Kernel: 3.4.4-ck3
Desktop: FluxBox-1.3.1
Distribuzione: FreeBSD-8.1(amd64)

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda robbybby » sab set 17, 2011 20:58

0.3 V in più non sono un problema, semplicemente perché non sono 0.3 V in più.
La batterie al litio hanno una tensione che varia molto durante la scarica. La tensione nominale è di circa 3.7 V ad elemento. Alcuni la segnano come 3.7 V (3.7 * 3 = 11.1), e altri come 3.6 V (3.6 * 3 = 10.8). Ecco da dove viene la differenza.
Avatar utente
robbybby
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1178
Iscritto il: sab dic 16, 2006 10:48
Località: Fra Trantor e Terminus
Slackware: 13.1 / 64 bit
Kernel: 3.3.x
Desktop: KDE 4.4.5

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda murdock » sab set 17, 2011 22:04

A prescindere dai calcoli per elemento, che per eseguirlo bisognerebbe conoscere (IMHO) il numero di elementi all'interno della batteria (potrebbero essere 9 da 1.25V (11.25V totali e non 11.1V dichiarati), la tensione varia sì durante la scarica, ma in diminuendo. Le NiMh invece, che io sappia, tendono a dare una tensione sempre uguale fino alla fine della carica.
Insomma, possono essere 0.3V in più come possono essere anche 1,2V in più, come dicevo prima, la tensione in uscita dichiarata non è sempre precisa, potrebbe anche essere precisamente 10.8V o 11V, per intenderci; in una batteria composta ad esempio da 6 elementi, è difficile che tutti e 6 gli stessi erogano lo stesso identico voltaggio preciso.
Mettiamo che la batteria compatibile produce 12V, alla lunga potrebbe logorare circuiti abituati a ricevere 11V da anni (anche questo è da considerare), normalmente il logorìo potrebbe portare problemi a distanza di anni, come anche subito (nel caso che vi sia nel circuito qualche piccolo difetto che, anche senza la sollecitazione, si sarebbe guastato comunque a breve).
Per quanto mi riguarda userei la batteria compatibile da 11.1V senza problemi, oltretutto in genere la batteria alimenta un portatile per poco tempo della vita dello stesso, quindi si potrebbe parlare di un MTBF di decenni, volendo.

Saluti,
MuRdOcK
Avatar utente
murdock
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 452
Iscritto il: ven mag 25, 2007 11:58
Slackware: 64 14.1
Kernel: 3.16,3
Desktop: KDE 4.14,1

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda robbybby » dom set 18, 2011 4:10

murdock ha scritto:A prescindere dai calcoli per elemento, che per eseguirlo bisognerebbe conoscere (IMHO) il numero di elementi all'interno della batteria (potrebbero essere 9 da 1.25V (11.25V totali e non 11.1V dichiarati), l

E qui, mi dispiace, ma ti sbagli. La tensione per ogni elemento dipende solo dall'elettrochimica dello stesso. Per gli elementi al litio, essa è 3.6 V (o 3.7 che dir si voglia), quindi gli elementi sono 3, e la tensione è quella indicata. Per quelli NiCd, o NiMH, la tensione per ogni elemento è di 1.2 V (in realtà, qualcosina in più, mi sembra 1.215, o qualcosa del genere).

PS: il computer non vede direttamente la batteria, ma c'è sempre interposto un bel circuito di alimentazione (la stessa cosa succede coi cellulari, le macchine fotografiche, ecc.), e, a quello, 0.3 V di differenza gli fanno solo il solletico :)
Avatar utente
robbybby
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1178
Iscritto il: sab dic 16, 2006 10:48
Località: Fra Trantor e Terminus
Slackware: 13.1 / 64 bit
Kernel: 3.3.x
Desktop: KDE 4.4.5

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda murdock » dom set 18, 2011 4:36

I battery pack (package) dei portatili contengono più batterie singole ma i voltaggi che indichi non sono certo costanti, ci possono essere 3 batterie da 3.6V come 9 da 1.5V o altro, dipende dalla batteria (o pack, meglio) dal suo voltaggio e dalle sue caratteristiche. Almeno questo sulle Ni-Cd e Ni-Mh.
Capisco quello che dici per quanto concerne i battery pack al litio, ma anche qui, il numero di "celle" è variabile a seconda di quanti mAh si vogliono, i voltaggi coincidono. Insomma, non ci siamo capiti o come al solito io parlo d'altro. :)

Il fatto che ci sia un circuito di alimentazione interposto tra batteria e dispositivo non è certo una cosa che ho negato, anzi, l'ho considerato eccome. Tuttavia non è il circuito di alimentazione a dire al computer quanta carica rimane, diciamo che è un circuito logico all'interno (ma anche qui, dipende dove è) del su menzionato, ma questo è un'altro discorso...
A guardar bene, non ho neanche affermato che una differenza di 0.3V è un problema reale, dipende.

Saluti,
MuRdOcK
Avatar utente
murdock
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 452
Iscritto il: ven mag 25, 2007 11:58
Slackware: 64 14.1
Kernel: 3.16,3
Desktop: KDE 4.14,1

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda robbybby » dom set 18, 2011 8:01

murdock ha scritto:A guardar bene, non ho neanche affermato che una differenza di 0.3V è un problema reale, dipende.

Mai detto questo, anzi, mi pare che tu avessi affermato che 0.3 V non creano problemi, infatti:
murdock ha scritto:Per quanto mi riguarda userei la batteria compatibile da 11.1V senza problemi


Comunque, ripeto, la tensione del singolo elemento dipende solo dall'elettrochimica. Tutti gli elementi al litio hanno una tensione (molto incostante) di 3.6 V, quelli NiCd, e NiMH da 1.2 V, quelli al piombo-acido di 2 V, ecc. La capacità della batteria non dipende dal numero di elementi che la compongono, dato che sono in serie, ma dalla loro dimensione (sic!).
Avatar utente
robbybby
Linux 3.x
Linux 3.x
 
Messaggi: 1178
Iscritto il: sab dic 16, 2006 10:48
Località: Fra Trantor e Terminus
Slackware: 13.1 / 64 bit
Kernel: 3.3.x
Desktop: KDE 4.4.5

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda murdock » lun set 19, 2011 3:03

Sì, ora capisco, hai ragione.
Ricordavo diversamente, non so perché.

Ciao e grazie, ;)
MuRdOcK
Avatar utente
murdock
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 452
Iscritto il: ven mag 25, 2007 11:58
Slackware: 64 14.1
Kernel: 3.16,3
Desktop: KDE 4.14,1

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda wakkokid » lun set 19, 2011 10:49

murdock ha scritto:I battery pack (package) dei portatili contengono più batterie singole ma i voltaggi che indichi non sono certo costanti, ci possono essere 3 batterie da 3.6V come 9 da 1.5V o altro, dipende dalla batteria (o pack, meglio) dal suo voltaggio e dalle sue caratteristiche. Almeno questo sulle Ni-Cd e Ni-Mh.


Al giorno d'oggi tutte le batterie dei portatili sono a polimeri di litio.
Come dici tu, il voltaggio nominale dipende solo dalla composizione chimica della batteria. Ma il voltaggio delle lypo non è incostante (non cambia da batteria a batteria o altro), varia a seconda della carica immagazzinata:
Quand'è completamente carica la batteria ha un voltaggio di circa 4.25V (caricandola ulteriormente potrebbe sfiammare), quand'è scarica circa 3.45V (più la si scarica, più si rischia di danneggiarla: la maggior parte dei device elettronici indica la batteria scarica a 3.4V o 3.5).

Quindi, la batteria che l'autore del thread vuole comprare è adatta (come già detto), essendo la differenza una mera questione di standard (considerano il voltaggio nominale 3.6 anziché 3.7).
Ad ogni modo, essendo da 11.1V ha 3 elementi in serie (11.1/3.7=3), a piena carica darà un voltaggio di 12.75V e a fine carica di 10.2V, con una differenza di 1.25V.
Nessun problema per quello scostamento di 0.3V, dunque :thumbright:
Avatar utente
wakkokid
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 339
Iscritto il: gio gen 27, 2005 0:00
Kernel: 2.6.3*
Desktop: Kde4
Distribuzione: Debian

Re: Domanda veloce su batteria portatile

Messaggioda wakkokid » lun set 19, 2011 10:56

robbybby ha scritto:. La capacità della batteria non dipende dal numero di elementi che la compongono, dato che sono in serie, ma dalla loro dimensione (sic!).

Questo non è corretto: gli elementi sono sia in serie, sia in parallelo.
Nel modellismo c'è una sigla apposita per indicare le configurazioni. Una batteria lypo 2S2P è una batteria composta da 4 elementi: 2 blocchi da 2 elementi in serie (quindi di voltaggio nominale 7.4V) posti in parallelo per raddoppiare la capacità.

La batteria del PC che sto utilizzando è "a 6 celle", ma con un voltaggio da 11.1V (quindi ci possono essere solo 3 elementi in serie, non 6 che darebbero una tensione nominale di 22.2V). Questo vuol dire che sono due gruppi in parallelo di tre elementi in serie. Seguendo la notazione del modellismo, sarebbe una batteria 3S2P.

Le batterie a durata maggiore tante volte vengono indicate come "a 9 celle": ciò aumenterebbe la capacità proprio perché ci sarebbero tre gruppi in parallelo anziché due.

Il parallelo si rende necessario poiché le batterie da notebook (diversamente da quelle dei cellulari) sono assemblate con componenti standard: il 99% delle batterie monta elementi li-ion 18650 (provate a cercare su ebay, se volete sostituirveli in casa).
Non potendo aumentare più di tanto la capacità dei singoli elementi (senza modificarne la geometria), ne mettono diversi in parallelo.
Avatar utente
wakkokid
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 339
Iscritto il: gio gen 27, 2005 0:00
Kernel: 2.6.3*
Desktop: Kde4
Distribuzione: Debian


Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite