Pagina 2 di 27

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: mer ago 14, 2013 15:11
da masalapianta
kimotori ha scritto:Studiare dici? Sai quanti "studiosi" ho visto illogicamente

non basta studiare, bisogna anche capire ed avere il coraggio di fare le scelte giuste; la verità rende liberi, ma la verità non è gratis, bisogna studiare
dietro "antonio"?

eh? chi è antonio

Per studiare bisogna anche averne la predisposizione.

no, basta avere la voglia e la volontà
E se esistono persone come quei fan.. siamo messi male..

fan di chi?
Per quanto riguarda Keynes, da profano, in quanto non ho le conoscenze che hai tu @masalapianta, penso anche io che abbia ragione, la schiavitù del petrolio permette a chi gestisce tale risorsa a rendere nulla una legge così "perfetta", allontanarsi dal petrolio è già un piccolo passo, speriamo solo che non si inventi un sistema alternativo simil-petrolio magari con il difetto di essere irreversibile...

eh??? che diamine c'entra il petrolio con l'economia keynesiana??
Oggi il petrolio è come il dazio che si pagava per la circumnavigazione, il piccolo dettaglio che detta legge.

il petrolio, dal punto di vista dell'attuale crisi economica, c'entra come i cavoli a merenda
La moneta appartiene al popolo... (una volta), come fare se effetivamente, questo euro... permettimi, è anticostituzionale?

l'euro in se no, ma il fiscal compact ed annesso pareggio di bilancio si, come ha ben chiarito il professor Guarino (uno dei massimi giuristi italiani), va contro l'articolo 1 della costituzione:
http://www.ilfoglio.it/soloqui/16128
http://ioamolitalia.it/sovranita-moneta ... egale.html

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: mer ago 14, 2013 16:57
da kimotori
OT Per antonio mi riferivo al "politico... vota antonio vota antonio".. un chiaro riferimento al film di totò.
ma il nesso era con l' attuale politico di fama mondiale italiano, l' unico e l' irriducibile "...sono invincibile!!!...." :)
Mi chiedevo come mai tanti ragazzi intelligenti che conosco, nel mio quartiere, ne diventino fan. E se c'è gente intelligente che diventa fan di un "invincibile" come fa ad accorgersi che c'è qualcosa di sbagliato nell' euro? Evidentemente è persona debole... perdona la similitudine ma era l' unico argomento che avevo in cantiere, come esempio della stupidità umana.

Mi è parso di capire che in questo decennio ci sono stati dei cambiamenti lenti ma essenziali e che noi comuni mortali, non ce ne siamo nemmeno resi conto.
Un pò come la rana dentro il bollitore che pian piano aumenta la temperatura dell' acqua, fino a far morire il suo ospite.
Piano piano... distraendolo con il gossip :)

Per il discorso petrolio, se non ho capito male... ed inizio ad avere qualche dubbio... l' economia keynesiana sarebbe stata perfetta se non si fosse mai presentato il difetto dell' inflazione e della disoccupazione, apparso contemporaneamente, e... credevo, si fosse presentato per via del petrolio (sarà per il suo aumento indiscriminato nei secoli dei secoli :)).E per questo abbandonato.
Forse non ho capito na mazza? Come mai si presentarono tutte e due i casi di inflazione e disoccupazione? cosa lo scatenò?

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: gio ago 15, 2013 0:27
da masalapianta
lezioni di buon senso e democrazia da un leghista (anche questo è riuscito a fare il PD):
https://www.youtube.com/watch?v=JnBLdeA--sY

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: gio ago 15, 2013 1:57
da kimotori
:badgrin: :lol: :lol: :lol:
è follia.. ma tutti andiamo per quella direzione, mi fa piacere se ne parli così, da domani voto lega!! :)
Fuori dall' euro!! Ma tanto il pd e pd-l non lo faranno mai..

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 9:26
da masalapianta
kimotori ha scritto:Per il discorso petrolio, se non ho capito male... ed inizio ad avere qualche dubbio... l' economia keynesiana sarebbe stata perfetta se non si fosse mai presentato il difetto dell' inflazione e della disoccupazione, apparso contemporaneamente, e... credevo, si fosse presentato per via del petrolio (sarà per il suo aumento indiscriminato nei secoli dei secoli :)).E per questo abbandonato.
Forse non ho capito na mazza? Come mai si presentarono tutte e due i casi di inflazione e disoccupazione? cosa lo scatenò?

è esattamente così, fino agli anni '70 Keynes funzionava alla perfezione (anche il cosiddetto miracolo italiano, la mirabolante crescita che ebbe l'Italia era dovuta a politiche economiche keynesiane e svalutazioni competitive), poi arrivò la crisi del petrolio, i prezzi del greggio andarono alle stelle, nonostante le politiche tutt'altro che espansive dei paesi; in sostanza anche quando lo stato non spendeva a deficit, l'inflazione permaneva, perchè era sostenuta dal prezzo del petrolio che, come materia prima fondamentale, si rifletteva anche sui prezzi di molti altri beni; il problema era che, normalmente lo stato, smettendo di spendere a deficit, inietta meno soldi nell'economia, quindi la gente ha meno soldi da spendere, quindi la domanda cala, quindi i prezzi (cioè l'inflazione) calano, ma con il petrolio le cose sono diverse, per i seguenti motivi:

1) la maggior parte dei paesi, come l'Italia, non produce più (perchè una volta avevamo i nostri pozzi: http://www.youtube.com/watch?v=7wQQUjrwCv8 poi qualcuno decise che fosse meglio legarci mani e piedi a nazioni estere) petrolio quindi, dovendo importarlo, è molto più difficile incidere sul suo prezzo facendo in modo che gli acquirenti abbiano meno soldi, perchè ci sono acquirenti anche fuori dall'Italia e li lo stato non ha controllo.
2) i produttori di petrolio son pochi e tendono a fare cartello quindi, anche se fai calare la domanda, l'offerta resta alta perchè tanto chi offre sa che la gente ha comunque bisogno di petrolio.

oggi le cose sono cambiate rispetto alla crisi petrolifera degli anni '70: il mercato è maggiormente regolamentato e, paesi come l'Italia, dipendono meno dal petrolio (oggi buona parte dell'energia prodottta in Italia non sfrutta gli idrocarburi), quindi difficilmente oggi, delle politiche economiche keynesiane , sarebbero messe in dubbio da una crisi petrolifera.

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 11:49
da masalapianta
e dopo le lezioni di democrazia da un leghista, abbiamo le lezioni di democrazia da una fascista omofoba (il cui discorso è lucido ed impeccabile):

https://www.youtube.com/watch?v=8FFAvTFDS3g

.

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 14:50
da masalapianta
la Francia come sta messa? scopriamolo:
http://www.today.it/mondo/francia-crisi ... liche.html

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 15:15
da masalapianta
.
per quelli che "noi siamo i cattivi evasori ed i tedeschi sono onesti":

Immagine
http://www.soldionline.it/notizie/econo ... repubblica

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 15:24
da masalapianta
.
l'integrità dei giornalisti di repubblica e la finta ripresa:

Immagine

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: ven ago 16, 2013 18:34
da masalapianta

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: mar ago 20, 2013 9:18
da masalapianta
Immagine

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: mer ago 21, 2013 10:54
da masalapianta

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: mer ago 21, 2013 14:48
da masalapianta

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: gio ago 22, 2013 11:51
da masalapianta
.
Saldi delle partite correnti a confronto (notare come quello italiano si impenni a seguito dall'uscita dallo SME e quindi dal regime di cambi fissi e come poi vada a picco a seguito dell'entrata nell'euro; notare poi come la situazione tedesca sia speculare alla nostra, non vi fa venire in mente nulla?):

Immagine

Re: ancora sulla crisi europea

Inviato: gio ago 22, 2013 17:05
da masalapianta