Percorso di lavoro

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
lordalbert
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 72
Iscritto il: ven lug 29, 2005 0:00

Percorso di lavoro

Messaggioda lordalbert » dom mag 10, 2015 23:57

Ciao ragazzi.
Sono un ragazzo neolaureato attualmente impegnato in uno stage, ma sto cercando di cambiare azienda perchè dove sono ora non mi stanno insegnando nulla e passo le giornate ad aspettare che arrivino le 18 per poter uscire.
Ora mi si presentano diverse scelte, sia lato sistemistico che programmazione. Io ho interesse per entrambe le aree, e vorrei essere un professionista con ampie conoscenze, sia di un ramo che dell'altro. Tralasciando poi tutte le varie sottocategorie presenti (dai sistemi embedded, piuttosto che sviluppo web, etc). Vorrei capire il lavoro che più mi piace. Per capirlo credo sia importante fare un periodo di lavoro serio e vedere come ci si trova.

Quello che mi frena, però, sarebbe il ricominciare da capo, e "buttare" tutta l'esperienza fatta in precedenza. Se per esempio adesso gestisco server e mi occupo del corretto funzionamento della rete, e fra 3 anni decido di cambiare e fare programmazione... dovrò ricominciare da 0, immagino. Perchè anche se posso avere conoscenze di programmazione, non ho esperienza. E se mi presento a 30 anni con 0 esperienza di programmazione ma 5 anni di esperienza come amministratore server, avrò ugualmente 0 esperienza nel fare quello che cercano loro. E quindi a questo punto preferiranno un neolaureato 25enne.

In questo senso, si rischia di percorrere un bivio da cui non è più possibile tornare indietro, se non ripercorrendo tutta la gavetta, con tutti quei contratti poco vantaggiosi tipici dei neolaureati?

Ma lo stesso dovrebbe valere per la programmazione. Se io ho 5 anni di esperienza in PHP e poi desidero cambiare e programmare in Java?
Un conto se fai un cambiamento all'interno della stessa azienda. Nelle grosse aziende di consulenza questo avviene. Ma se cambi azienda?


Voi che sicuramente avrete più esperienza di me, che sapete dirmi a riguardo?

Avatar utente
lablinux
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1095
Iscritto il: gio nov 27, 2008 12:23
Desktop: Gnome
Distribuzione: Debian testing
Località: Rho

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda lablinux » lun mag 11, 2015 14:29

lordalbert ha scritto:Un conto se fai un cambiamento all'interno della stessa azienda. Nelle grosse aziende di consulenza questo avviene. Ma se cambi azienda?


Non è assolutamente cosi. Difficilmente una azienda italiana (non so all'estero) investe sul personale interno. Fai una cosa la fai bene, la fai "per sempre"
Sei giovane, di tempo per maturare esperienze in più ambiti lo hai. In alcune aziende(piccole e medie) fai sia programmatore che sistemista.

Un consiglio in qualunque ambito ti scatenerai, non fermarti al primo strumento che utilizzi, ma analizza anche gli altri. Facevi l'esempio di php, nessuno ti obbliga a non provare a risolvere gli stessi problemi (anche a casa) con un altro linguaggio. Sei un sistemista windows? A casa prova linux/*BSD.

In bocca al lupo per qualsiasi sarà la tua scelta.

Avatar utente
brg
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 442
Iscritto il: sab mar 12, 2011 14:20
Slackware: 14.2
Kernel: 4.4.38
Desktop: KDE4
Località: Montecatini
Contatta:

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda brg » lun mag 11, 2015 15:16

Concordo con quanto detto da lablinux anche se al momento sono in una situazione non troppo differente dalla tua. Pensa che ad un colloquio di lavoro mi avevano selezionato oltre che per le qualifiche richieste (titolo di studio ecc.), anche perché avevo segnalato che avevo maneggiato sistemi linux e collaborato ad alcuni progetti open source:l'azienda progettava dispositivi che funzionavano su sistemi linux embedded, per questo erano interessati.

Avatar utente
lablinux
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1095
Iscritto il: gio nov 27, 2008 12:23
Desktop: Gnome
Distribuzione: Debian testing
Località: Rho

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda lablinux » lun mag 11, 2015 15:47

bhe, le richieste di lavoro sono sempre piuttoso bizzare. Cercano un sistemista linux e chiedono che sappia programmare in osx e richiesta conoscenza ambienti windows e linguagio sql... inglese e tedesco parlato e scritto, ovviamente neo laureto con esperienza... :banghead: :banghead: :banghead: ...paga base.

lordalbert
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 72
Iscritto il: ven lug 29, 2005 0:00

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda lordalbert » lun mag 11, 2015 17:15

lablinux ha scritto:
lordalbert ha scritto:Un conto se fai un cambiamento all'interno della stessa azienda. Nelle grosse aziende di consulenza questo avviene. Ma se cambi azienda?


Non è assolutamente cosi. Difficilmente una azienda italiana (non so all'estero) investe sul personale interno. Fai una cosa la fai bene, la fai "per sempre"
Sei giovane, di tempo per maturare esperienze in più ambiti lo hai. In alcune aziende(piccole e medie) fai sia programmatore che sistemista.

Un consiglio in qualunque ambito ti scatenerai, non fermarti al primo strumento che utilizzi, ma analizza anche gli altri. Facevi l'esempio di php, nessuno ti obbliga a non provare a risolvere gli stessi problemi (anche a casa) con un altro linguaggio. Sei un sistemista windows? A casa prova linux/*BSD.

In bocca al lupo per qualsiasi sarà la tua scelta.


Grazie mille! E' un po' quello che speravo sentirmi dire! :)
Da quel che so, le aziende che fanno formazione interna sono le multinazionali americane di consulenza, tipo Accenture. Però... il problema è che ti rimane poco tempo per farti formazione autonoma a casa e sperimentare con altri sistemi.

Se invece una azienda ti lascia anche una vita fuori dal lavoro, se sei appassionato, dedichi del tempo a sperimentare tecnologie, linguaggi e sistemi nuovi. Ed è quello che spero di riuscire a fare, anche solo per passione e interesse personale, non esclusivamente per fini lavorativi.

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3894
Iscritto il: ven mag 14, 2004 0:00

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda Meskalamdug » mer mag 13, 2015 0:30

lablinux ha scritto:bhe, le richieste di lavoro sono sempre piuttoso bizzare. Cercano un sistemista linux e chiedono che sappia programmare in osx e richiesta conoscenza ambienti windows e linguagio sql... inglese e tedesco parlato e scritto, ovviamente neo laureto con esperienza... :banghead: :banghead: :banghead: ...paga base.

Ah!Ah! Come minimo :)
Paga da junior per competenze da senior,sarà una mia idea e spero di sbagliarmi, ma non cercheranno
diverse figure in una sola persona per risparmiare sul personale?
Renderà bene poi uno che debba programmare,fare da sistemista e magari gestire anche la rete?
Non sarebbero meglio diverse figure ognuna con la sua specializzazione? Che ne pensate?

Avatar utente
414N
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2895
Iscritto il: mer feb 13, 2008 16:19
Slackware: 14.2
Kernel: 4.4.19
Desktop: KDE4
Località: Bulagna
Contatta:

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda 414N » gio mag 14, 2015 16:36

Meskalamdug ha scritto:Ah!Ah! Come minimo :)
Paga da junior per competenze da senior,sarà una mia idea e spero di sbagliarmi, ma non cercheranno
diverse figure in una sola persona per risparmiare sul personale?
Renderà bene poi uno che debba programmare,fare da sistemista e magari gestire anche la rete?
Non sarebbero meglio diverse figure ognuna con la sua specializzazione? Che ne pensate?

Concordo in pieno, ritrovandomi proprio nella situazione da te descritta.
Alla fine della fiera non si riesce a fare bene né l'uno né l'altro.

Avatar utente
Toni
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 996
Iscritto il: lun gen 30, 2006 22:08
Slackware: slackware-14
Kernel: 3.10.5
Desktop: i3
Località: milano

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda Toni » sab mag 23, 2015 21:04

Impara a programmare di sicuro in futuro ti si apriranno molte più possibilità.

(Fare il sistemista è palloso, anche se questo non è il posto giusto dove dirlo ;) ).

Sono iscritto in questo forum da un bel pò di anni (ero praticamente uno studente quando mi iscrissi, adesso sono un programmatore).

Tutti cercano programmatori che sanno scrivere ottimo codice (Anche se in italia la situazione lavorativa la conosciamo tutti) se ti scassi troppo le palle potresti decidere di emigrare.

Che tipo di laurea hai?

lordalbert
Linux 0.x
Linux 0.x
Messaggi: 72
Iscritto il: ven lug 29, 2005 0:00

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda lordalbert » dom mag 24, 2015 23:23

Ho finito la magistrale (3+2), in informatica
Nel frattempo mi ha chiamato l'accenture e in 24 ore dalla chiamata di colloquio mi ha fatto colloquio + risposta positiva.
E ha fissato il primo giorno di lavoro (che sarà domani) a circa una settimana! Non mi aspettavo tempi così rapidi.

Vado a scoprire il vero mondo del lavoro. Vado a farmi esperienza, imparare il più possibile. Mi mettono in un reparto di progettazione dei sistemi. Hanno detto che sono richieste sia competenze sistemistiche sia di programmazione, e secondo loro sono idoneo a questo lavoro.

Speriamo di poter raccontare cose positive :lol: Io son fiducioso, secondo me sarà una esperienza positiva!

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3894
Iscritto il: ven mag 14, 2004 0:00

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda Meskalamdug » lun mag 25, 2015 2:33

lordalbert ha scritto:Ho finito la magistrale (3+2), in informatica
Nel frattempo mi ha chiamato l'accenture e in 24 ore dalla chiamata di colloquio mi ha fatto colloquio + risposta positiva.
E ha fissato il primo giorno di lavoro (che sarà domani) a circa una settimana! Non mi aspettavo tempi così rapidi.

Vado a scoprire il vero mondo del lavoro. Vado a farmi esperienza, imparare il più possibile. Mi mettono in un reparto di progettazione dei sistemi. Hanno detto che sono richieste sia competenze sistemistiche sia di programmazione, e secondo loro sono idoneo a questo lavoro.

Speriamo di poter raccontare cose positive :lol: Io son fiducioso, secondo me sarà una esperienza positiva!

Auguroni,in Accenture sarà un po dura visto che i ritmi sono diciamo..estensivi,ma è tutta esperienza che farai che ti darà conoscenza,sapienza informatica e questa esperienza sul CV peserà parecchio e le aziende future che lo vedranno
la terranno in considerazione.

Avatar utente
EmaDaCuz
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 877
Iscritto il: sab gen 28, 2006 15:47
Slackware: 12.0 - ma a Trieste
Kernel: 2.6.25
Desktop: Fluxbox
Distribuzione: Debian e Arch
Località: Nijmegen, NL
Contatta:

Re: Percorso di lavoro

Messaggioda EmaDaCuz » lun mag 25, 2015 9:09

Da non informatico, mi limito a dare un parere personale basato sulla mia esperienza in ambito accademico/universitario e sulle collaborazioni che ho avuto, e continuo ad avere, con industrie veramente grandi.
Otto anni fa, mi sono laureato in chimica farmaceutica, ma con un tesi in chimica dei polimeri. Dottorato in biofisica/nanotecnologie, post doc in biochimica e adesso sono assistant professor in scienze biomediche e biologia. Ho cambiato "specializzazione" diverse volte, ho sempre assecondato e coltivato i miei interessi e non ho mai deciso di specializzarmi. All'inizio e' un dramma, soprattutto le industrie ti vedono come un ibrido che sa fare tutto bene ma niente benissimo... poi capiscono che la flessibilità mentale e la conoscenza anche superficiale di diverse branche della disciplina sono un vantaggio. Alla fine sei pagato per risolvere problemi, come li risolvi non importa. Più esperienza hai, più sei libero mentalmente nell'approcciare un problema da diversi angoli (thinking out of the box, direbbero gli anglofoni).

TL;DR Fai quello che ti piace, il lavoro non deve essere una tortura. E nella tragica situazione lavorativa attuale, hai anche tempo per coltivare i tuoi interessi.