Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Slackware e l'etica Linux

Forum dedicato ai Porting ufficiali e non di Slackware, vedi Slack/390, ARMedslack, Slamd64, Slackintosh, Ocsid, Sloox, Zenwalk, How-Tux, Slax etc etc

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Specificare nome e versione del porting.
2) Specificare se discussione/suggerimento o richiesta d'aiuto.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda conraid » gio ott 02, 2008 14:24

luigi91 ha scritto:P.P.S: Finora posso vantare una sola easter egg vera e propria sul file css di wordpress 2.5.1 sulla skin base ;) Dateci un occhio se avete tempo.


Ma Daisy Bell?? E che vanto sarebbe? :-k

E cosa c'entra telnet con... ok abbandono :-)
Avatar utente
conraid
Staff
Staff
 
Messaggi: 12023
Iscritto il: mer lug 13, 2005 23:00
Località: Livorno
Nome Cognome: Corrado Franco
Slackware: current

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda puzuma » gio ott 02, 2008 15:13

conraid ha scritto:E cosa c'entra telnet con...


Non so se è quello che intendeva luigi91 ma, volendo, con telnet puoi collegarti alla porta SMTP e mandare a mano i comandi del protocollo (HELO, etc ...). In realtà oggi come oggi è impossibile riuscirci in quanto sui server mail mettono timeout strettissimi e credo che nessuno sia così veloce nel digitare :-k
The quiet ones are the ones who change the world. The loud ones only take the credit.
Avatar utente
puzuma
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 481
Iscritto il: mar lug 04, 2006 16:14
Località: Udine
Nome Cognome: Stefano Salvador
Slackware: current
Kernel: 2.6.32.2
Desktop: KDE 4.4.0

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda Blizzard » gio ott 02, 2008 15:14

ciao,
faccio una precisazione circa ANSI C che come si deduce dal nome "ANSI" è uno standard che descrive il linguaggio C.
Esistono varie definizione del linguaggio C ma se ti attieni alla standardizzazione ANSI sarai sicuro di scrivere programmi portabili ovunque.
Ad esempio scrivere codice POSIX permetterà ai tuoi programmi di essere compilati sulla stragrande maggioranza dei sistemi UNIX/unix-like.

Scusa la franchezza, comunque questa discussione non mi "piace" molto per il semplice motivo che, per carità! IMHO, non mi sembra tu abbia le conoscenze di un sistema linux tali da affrontarla.

Prima avevi citato paragoni tra shell e console di windows ad esempio. Sono due cose confrontabili solo fin quando ne apri una e lanci comandi vari ma a livello di architettura, complessità e anche in parte logica di funzionamento sono due cose nettamente differenti e quasi inconfrontabili.
Anche i sistemi *nix in sè, sfruttano un approccio totalmente diverso dai sistemi Ms.

Per quanto riguarda il modo di utilizzo di un sistema *nix, dipende da sin troppi fattori.
Telnet è un client e si trova su tutti gli OS. Che uno sappia loggarsi o meno su un server pop3 è un fatto indipendente dal fatto che usi windows o linux.
E su linux esistono client per le email avanzatissimi e clickomani. Quasi tutte le applicazioni ora hanno una seconda faccia a portata di click.

Per partizionare puoi utilizzare GParted. Completamente grafico. Per creare lo spazio tiri la barretta senza neanche scrivere, se vuoi i MB da destinare alla partizione.
Se poi usi fdisk, cfdisk ecc... sono fatti tuoi (e ci sarebbero varie ragioni per usarlo, ad esempio se non hai un pc tale da avere una interfaccia grafica).

Ti consiglio vivamente di metterti una slack. Se non vuoi sporcare il tuo pc puoi anche trovarne uno vecchio ed usato. Cominciare ad utilizzare il sistema e a leggerne architettura ecc...
Ormai di sistemi MS-like è rimasto solo windows. tutti i sistemi professionali sono derivati da UNIX o hanno la certificazione UNIX. MacOS è BSD (uno dei primi fork di UNIX). Solaris è comunque uno unix. Aix ecc... tutti unix
Ci sarà un motivo!

Impara ad utilizzare la shell. SUL SERIO! no cd ed echo. Impara lo shell scripting e il controllo del sistema. Capirai anche qui le differenze che ci sono con cmd.exe e il perchè alcune cose sono tediose via interfaccia grafica, anche se è *fatta bene come quella di windows

PRIMA DI DISCUTERE CONFRONTANDO DUE SISTEMI COSI' DIVERSI DEVI STUDIARLI UN MINIMO TECNICAMENTE

Da ex utente di windows (più di 6 anni)
ti accontenti finchè hai pazienza. E finchè non hai intenet (caso personale di sclero virus)

Gio

* un po ironica, scusa ma explorer non lo ritengo molto fatto bene. Soprattutto per la difficoltà di personalizzazione. :S
Avatar utente
Blizzard
Master
Master
 
Messaggi: 1509
Iscritto il: mar gen 02, 2007 22:53
Nome Cognome: Giovanni Santostefano
Slackware: 12.2
Kernel: 2.6.27.7-smp
Desktop: Fluxbox

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda puzuma » gio ott 02, 2008 15:20

Mario Vanoni ha scritto:ANSI C e le utilities UNIX (sh, awk, sed, tr ecc.)
se li governi alla perfezione,
non hai problemi con altri linguaggi.
Sono sempre e solo discendenti,
le idee base risalgono a MVS/VMS/Multics/UNIX ...


non per svalutate il C che è sicuramente il linguaggio più importante nella storia della programmazione, ma non è vero che tutti gli altri linguaggi sono derivati dal C.

ad esempio i linguaggi funzionali sono stati teorizzati e sviluppati quasi in contemporanea con il C e hanno davvero poco da spartire (chi ha vissuto quel periodo mi dice di ricordare ancora le guerre di religione a riguardo).

anche tutti i linguaggi orientati agli oggetti sono delle bestie diverse, se conosci bene il C difficilmente scriverai un buon programma in Java.

detto questo conoscere vb.net (che è un linguaggio inguardabile) e non aver mai sentito parlare del C desta un po' di perplessità.
The quiet ones are the ones who change the world. The loud ones only take the credit.
Avatar utente
puzuma
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 481
Iscritto il: mar lug 04, 2006 16:14
Località: Udine
Nome Cognome: Stefano Salvador
Slackware: current
Kernel: 2.6.32.2
Desktop: KDE 4.4.0

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda conraid » gio ott 02, 2008 15:28

puzuma ha scritto:
conraid ha scritto:E cosa c'entra telnet con...


Non so se è quello che intendeva luigi91 ma, volendo, con telnet puoi collegarti alla porta SMTP e mandare a mano i comandi del protocollo (HELO, etc ...). In realtà oggi come oggi è impossibile riuscirci in quanto sui server mail mettono timeout strettissimi e credo che nessuno sia così veloce nel digitare :-k


Lo so puzuma questa, ma cosa c'entra con le righe di comando? Questo lo fai grazie a telnet, non grazie al prompt di Windows, è come dire che i comandi ftp sono uguali, etc...
ma come vedi avevo iniziato e mi sono fermato :-)
Avatar utente
conraid
Staff
Staff
 
Messaggi: 12023
Iscritto il: mer lug 13, 2005 23:00
Località: Livorno
Nome Cognome: Corrado Franco
Slackware: current

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda navajo » gio ott 02, 2008 15:29

Scusami luigi91 però ti devo dire di fermarti un attimo.. Stai dicendo cose totalmente fuori senso, lo dico per te.
Segui i consigli di blizzard. È solo per non farti poi quotare ogni cosa che scrivi. Sopratutto per quanto riguarda linux.
poi, per quanto riguarda windows, per esempio, windowsXP è sicuramente il più stabile della famiglia di m$, ma ti ricordo che win95 il primo win98 e me crashavano già al boot. non mi va neanche di starti a rispondere su telnet e il resto delle castronerie che hai detto sui comandi shell.
Prima di confrontare due sistemi, devi conoscerli tutte e due, almeno allo stesso modo. Io da eterno newbbie, cerco prima di parlare, di sapere, e qando non riesco a trovare le risposte, chiedo. Ci vuole anche un pochino di umiltà...
Ultima modifica di navajo il gio ott 02, 2008 15:41, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
navajo
Staff
Staff
 
Messaggi: 3830
Iscritto il: gio gen 08, 2004 0:00
Località: Roma
Nome Cognome: Massimiliano
Slackware: 13.37 (x86_64)
Kernel: 2.6.37.6
Desktop: KDE 4.7.0 (Alien)

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda luigi91 » gio ott 02, 2008 15:37

Blizzard ha scritto:ciao,
faccio una precisazione circa ANSI C che come si deduce dal nome "ANSI" è uno standard che descrive il linguaggio C.
Esistono varie definizione del linguaggio C ma se ti attieni alla standardizzazione ANSI sarai sicuro di scrivere programmi portabili ovunque.
Ad esempio scrivere codice POSIX permetterà ai tuoi programmi di essere compilati sulla stragrande maggioranza dei sistemi UNIX/unix-like.

Scusa la franchezza, comunque questa discussione non mi "piace" molto per il semplice motivo che, per carità! IMHO, non mi sembra tu abbia le conoscenze di un sistema linux tali da affrontarla.

Prima avevi citato paragoni tra shell e console di windows ad esempio. Sono due cose confrontabili solo fin quando ne apri una e lanci comandi vari ma a livello di architettura, complessità e anche in parte logica di funzionamento sono due cose nettamente differenti e quasi inconfrontabili.
Anche i sistemi *nix in sè, sfruttano un approccio totalmente diverso dai sistemi Ms.

Per quanto riguarda il modo di utilizzo di un sistema *nix, dipende da sin troppi fattori.
Telnet è un client e si trova su tutti gli OS. Che uno sappia loggarsi o meno su un server pop3 è un fatto indipendente dal fatto che usi windows o linux.
E su linux esistono client per le email avanzatissimi e clickomani. Quasi tutte le applicazioni ora hanno una seconda faccia a portata di click.

Per partizionare puoi utilizzare GParted. Completamente grafico. Per creare lo spazio tiri la barretta senza neanche scrivere, se vuoi i MB da destinare alla partizione.
Se poi usi fdisk, cfdisk ecc... sono fatti tuoi (e ci sarebbero varie ragioni per usarlo, ad esempio se non hai un pc tale da avere una interfaccia grafica).

Ti consiglio vivamente di metterti una slack. Se non vuoi sporcare il tuo pc puoi anche trovarne uno vecchio ed usato. Cominciare ad utilizzare il sistema e a leggerne architettura ecc...
Ormai di sistemi MS-like è rimasto solo windows. tutti i sistemi professionali sono derivati da UNIX o hanno la certificazione UNIX. MacOS è BSD (uno dei primi fork di UNIX). Solaris è comunque uno unix. Aix ecc... tutti unix
Ci sarà un motivo!

Impara ad utilizzare la shell. SUL SERIO! no cd ed echo. Impara lo shell scripting e il controllo del sistema. Capirai anche qui le differenze che ci sono con cmd.exe e il perchè alcune cose sono tediose via interfaccia grafica, anche se è *fatta bene come quella di windows

PRIMA DI DISCUTERE CONFRONTANDO DUE SISTEMI COSI' DIVERSI DEVI STUDIARLI UN MINIMO TECNICAMENTE

Da ex utente di windows (più di 6 anni)
ti accontenti finchè hai pazienza. E finchè non hai intenet (caso personale di sclero virus)

Gio

* un po ironica, scusa ma explorer non lo ritengo molto fatto bene. Soprattutto per la difficoltà di personalizzazione. :S


Concordo quasi su tutto, apparte su fdisk. L'hai detto tu stesso, che devo imparare a utilizzare la shell. Io so che esistono programmi per le partizioni ma a volte bisogna andare dietro l'aspetto grafico, ho tirato in ballo "fdisk" perchè proprio ieri stavo provando a installare gOS linux su usb, ma qualcosa non funziona (se avete tempo di provare vi mando al sito http://www.pendrivelinux.com e guardate il tutorial "Come installare gOS su usb con livecd").

Comunque hai ragione non mastico ancora abbastanza linux, ma ho masticato windows per parecchio. Sto cercando un vecchio pc ma non ne trovo per questo uso la usb, io uso linux quasi fisso perchè la usb ha uno spazio limitato, ma è abbastanza per imparare ;) "Uso" (cerco di usare) SLAX 6, derivata da Slackware 12.

Grazie per la spiegazione di ANSI C ma penso di darmi al Java se riesco.

P.S.: Per explorer intedi IE? Se sì concordo. Faceva schifo sia la versione 5 che la 6. Con la 7 hanni rimediato un po', ma la 6 mi faceva piangere. Infatti fiero della Volpe ma ancora più fiero di Opera ;)

P.P.S: Sì, in fondo allo style.css c'è daisy bell. Su internet non ho trovato documentazioni nemmeno su siti come eeggs.com o egggheaven.com quindi pensavo fosse poco conosciuta. Comunque quella è un easter egg (almeno così dovrebbe essere)

P.P.P.S: Era un esempio che forse come dici tu non ci azzecca molto, ma essendoci ormai Thunderbird e simili nessuno usa telnet per leggere la posta, troppo lento e scomodo. E il terminale è sempre meno usato per fare determinate cose (ad esempio su ubuntu il terminale io l'ho usato pochissimo soprattutto dalla versione 7 in avanti dove il beryl lo preinstallavano).
luigi91
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 37
Iscritto il: mar set 30, 2008 11:58
Kernel: 2.6.24.4
Desktop: KDE 3.5.9
Distribuzione: Slax Linux 6.0.6

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda Mario Vanoni » gio ott 02, 2008 16:11

Qualunque linguaggio/OS usi,
troverai sempre concetti vecchi riciclati.

Esempio molto banale: RE che ti dice?

Regular Expression, creato con ed(1)
nella prima versione di UNIX, scritto in C.

E non esiste linguaggio moderno senza RE.
Mario Vanoni
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 3174
Iscritto il: lun set 03, 2007 20:20
Località: Cuasso al Monte (VA)
Nome Cognome: Mario Vanoni
Slackware: 12.2
Kernel: 3.0.4 statico
Desktop: fluxbox/seamonkey

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda Blizzard » gio ott 02, 2008 16:24

luigi91 ha scritto:Concordo quasi su tutto, apparte su fdisk. L'hai detto tu stesso, che devo imparare a utilizzare la shell. Io so che esistono programmi per le partizioni ma a volte bisogna andare dietro l'aspetto grafico, ho tirato in ballo "fdisk" perchè proprio ieri stavo provando a installare gOS linux su usb, ma qualcosa non funziona (se avete tempo di provare vi mando al sito http://www.pendrivelinux.com e guardate il tutorial "Come installare gOS su usb con livecd").

Ti ponevo solo alternative grafiche. Ce ne sono tante. Ma ovviamente ritengo migliori le versioni da terminale.

luigi91 ha scritto:P.S.: Per explorer intedi IE? Se sì concordo. Faceva schifo sia la versione 5 che la 6. Con la 7 hanni rimediato un po', ma la 6 mi faceva piangere. Infatti fiero della Volpe ma ancora più fiero di Opera ;)

No non intendevo InternetExplorer ma explorer.exe, il desktop grafico di windows. Gestore delle finestre, barra di avvio, maggior parte dei servizi, tutto dipendente da explorer.exe.
Per personalizzare, ad esempio, il menu File di una vista di directory (ad esempio per aggiungere "Apri cmd qui") devi intervenire sul registro di sistema aggiungendo una voce fatta in un certo modo in quella specie di mega "Garbage log" (lo chiamo così :D).
Questo è un esempio di mia definizione di "difficilmente personalizzabile con gli strumenti standard" (non so se c'è un programma rilasciato con il cd di windows che ti permette di fare queste aggiunte ecc..).

Anche per la personalizzazione grafica un amico doveva ricorrere a strani programmi di terzi che intervenivano sulle DLL (come diceva lui... questo fatto mi è sembrato abbastanza preoccupante, intervenire su una DLL che è una libreria dinamica compilata significa crackarla a casa mia).

Ecco perchè ho definito explorer difficilmente personalizzabile. Però non sono un esperto di windows, queste pratiche le ho solo viste fare da un amico che di windows era *diciamo* esperto. Preciso non per sentito dire ma viste con i miei occhi.

Gio
Avatar utente
Blizzard
Master
Master
 
Messaggi: 1509
Iscritto il: mar gen 02, 2007 22:53
Nome Cognome: Giovanni Santostefano
Slackware: 12.2
Kernel: 2.6.27.7-smp
Desktop: Fluxbox

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda luigi91 » gio ott 02, 2008 19:41

Ci sono programmi di terza parti che intervengono sulle DLL (modificandone i contenuti grafici) oppure che ne creano di nuovo (ad esempio Bump Top, se hai tempo guardati un video su YouTube perchè merita, molti lo considerano il rivale numero 1 del Beryl, punto di forza degli effetti grafici in Ubuntu e generalizzando in Linux).

Per quanto riguarda la personalizzazione attraverso il registro è vero. Sinceramente non ci trovo gravi difficoltà, seguendo le guide è facile, più difficile se si parte da 0.
Il registro è una grande differenza da Linux, perchè su linux ho tutti i file in directory e la mancanza del registro effettivamente mi disorienta non sapendo come devo fare, ad esempio, per ricavare informazioni su un programma installato.

L'ambiente grafico di Windows non è brutto, basilarmente secondo me è semplice e facile da utilizzare, ma alla fine sono tutti simili Gnome, KDE e XP (sotto l'aspetto grafico).
Unica cosa, come hai fatto notare, è che per modificarne l'aspetto a volte si ricorre a programmi di terze parti, molto complessi (ma anche molto belli, sinceramente ti riconsiglio ciò che ho detto sopra, cerca Bump Top su youtube ;) )

Io ad esempio mi trovo molto bene con il KDE, un po' meno con Gnome. Magari per te è il contrario.
luigi91
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 37
Iscritto il: mar set 30, 2008 11:58
Kernel: 2.6.24.4
Desktop: KDE 3.5.9
Distribuzione: Slax Linux 6.0.6

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda davide77 » gio ott 02, 2008 20:20

Bello, non c'è che dire. Forse il pc del futuro potrebbe essere una sorta di "casa" virtuale, ma, per ora, il computer è un mezzo per ottenere uno scopo, se il mezzo diventa lo scopo c'è qualcosa che non và (almeno IMHO).

Io la vedo così: quello che oggi sembra un qualcosa di superfluo non è detto che le tecnologie del futuro non lo facciano diventare il modo migliore di lavorare; nel caso di bump top penso alla realtà virtuale e agli analizzatori di onde cerebrali, tra 10 anni potrebbe essere l'ufficio virtuale perfetto, quello che faresti nella realtà lo fai anche sul computer. Il che porta virtualmente ogni persona a saper usare un "ambiente", non un aggeggio con tastiera, mouse e chissà quali altri marchingegni.

Però, allo stato attuale, ribadisco che il computer è un mezzo, né più né meno come la macchina e se ti compri un Hummer H7 per fare 15km al giorno in città c'è qualcosa di fondamentalmente sbagliato nella scelta del mezzo.
Avatar utente
davide77
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 358
Iscritto il: lun apr 25, 2005 23:00
Località: Bergamo
Desktop: xfce
Distribuzione: XUbuntu

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda luigi91 » gio ott 02, 2008 21:14

Sì vero, però volevo anche far notare un programma carino ;)
Comunque il pc non è un mezzo da poco in questa vita, ovvio che non hai bisogno di un supercomputer per scrivere con word ma allora basterebbe un solo OS, eppure la gente vuole la scelta.
Anche nelle macchine, non esistono solo Hummer ;)

Comunque per me può bastare così, ho finito le idee e i pareri. Ho letto i vostri e mi sono piaciuti, ora non avrei molto da dire, almeno finchè non conosco meglio SLAX.
Posso solo dirvi di guardare bene BumpTop, perchè è carino (ma intanto mi godo il Compiz Fusion :D )
luigi91
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 37
Iscritto il: mar set 30, 2008 11:58
Kernel: 2.6.24.4
Desktop: KDE 3.5.9
Distribuzione: Slax Linux 6.0.6

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda Blizzard » gio ott 02, 2008 21:34

ho visto qualche immagine (video normalmente pesanti per la mia connessione) di bump top e sembra un bel programma. Il mio discorso era comunque sul fatto che molti (non so questo) intervengono sulle DLL o su altri componenti "compilati" che è una cosa IMHO orrenda.
Poi per quanto riguarda il registro (altra cosa che reputo rovinosa per quel sistema... senza offesa ovviamente. A qualcuno piace la pizza al pomodoro a qualcuno la quattro formaggi) se ti trovi bene ad usarlo sarà questione di abitudine.
Comunque oggettivamente è una struttura di mantenimento delle impostazioni caotica e difficile da gestire che tende ad ingrandirsi e ad essere poco controllabile nel tempo, causando sovente dei rallentamenti generali nel sistema che, uniti all'alta frammentabilità del filesystem NTFS di certo possono rendere la formattazione periodica una realtà molto vicina all'utente che non decide di dedicare cure particolari al sistema in se (come la deframmentazione oppure l'intervento sul registro tramite tools di pulizia come lo C-Cleaner, ancora una volta un "programma esterno").

luigi91 ha scritto:Io ad esempio mi trovo molto bene con il KDE, un po' meno con Gnome. Magari per te è il contrario.

In generale mi trovo male su DE che mostrano la clessidra quando lancio un programma ;) .
Uso fluxbox ed open office (quando lo usavo) mi partiva in 3 secondi di orologio, circa 7/8 al primo avvio. Con KDE ci voleva una diecina di secondi, più di trenta al primo avvio.
Tra fluxbox e windowmaker l'apertura di programmi come KWrite o KMail è quasi istantanea (e pensa che la prima volta deve caricare le librerie di KDE :D ). Praticamente istantanei i programmi della serie X.
Ho visto sempre nel pc "più potente" la possibilità di velocizzare il lavoro. Se ci piazzo un DE pesante e i programmi me li carica alla stessa velocità del vecchio pc i soldi non li spendevo affatto.
Non so se la slax te lo consente ma fai qualche prova con il cronometro appena puoi tra KDE e fluxbox/windowmaker/icewm ecc... rimarrai piacevolmente sorpreso dalla velocità di questi ultimi.

Comunque per me può bastare così, ho finito le idee e i pareri. Ho letto i vostri e mi sono piaciuti, ora non avrei molto da dire, almeno finchè non conosco meglio SLAX.
Posso solo dirvi di guardare bene BumpTop, perchè è carino.

miraccomando! scrivi presto quando avrai domande e dubbi sull'utilizzo del sistema, troverai nel 99.9% dei casi risposte valide che ti guideranno nella comprensione del mondo *nix. Poi potrai risponderti da solo a molti dubbi esistenziali sui SO :D

Fatti una lettura divertente (ma riflessiva sotto certi aspetti)
http://www.culturahacker.it/documenti/koans.html
Cerca inoltre in rete documenti storici per avere una formazione su quella che è l'etica hacker e UNIX. Ti aiuteranno in parte a formare un po la mente.

Poi leggi documenti tecnici e manuali, S4D (italiano) e lo slackbook sono utilissimi per capire come è organizzato un sistema GNU/Linux.
Se vuoi vedere come avviene la programmazione di sistema leggi il GAPIL http://gapil.truelite.it/ (italiano)
Se hai la voglia di spendere un po di soldi e soprattutto di apprendere tecnica e programmazione di un kernel *nix allora puoi acquistare il Tanembaum (Operating Systems) se non sbaglio esiste anche in italiano.

Ovviamente le maggiori conoscenze si acquisiscono con l'utilizzo ma se vuoi sapere come è fatto il pistone di un motore non ti basta guidare molto!

Gio
Avatar utente
Blizzard
Master
Master
 
Messaggi: 1509
Iscritto il: mar gen 02, 2007 22:53
Nome Cognome: Giovanni Santostefano
Slackware: 12.2
Kernel: 2.6.27.7-smp
Desktop: Fluxbox

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda slucky » ven ott 03, 2008 0:41

non c'è paragone tra linux e windows, anni fa quando usavo windows ogni 3-4 mesi ero costretto a formattare tutto per blocchi di sistema o malfunzionamenti vari, l'impossibilità poi di modificarlo o di metterci mano se non in superficie essendo un sistema commerciale proprietario non ti dava che questa soluzione a quel punto: format :lol:
e vedo che anche ora dando un'occhiata ogni tanto alle riviste per win....gli esperti rispondono: clicca qui o clicca lì....se non risolvi format :lol: :lol:
insomma la differenza è notevole, con linux a meno che si tratti di una rottura hardware, puoi sempre sistemare e risolvere il problema e cosa più importante crescere imparando....avendo sempre il controllo più totale sul tuo sistema, non solo di un'interfaccia grafica come succede con win.....
Insomma, alla fine Gates e compagni un'abilità l'hanno avuta, scopiazzando un pò qui e un pò lì ( vedi mac os apple) hanno creato un os molto commerciale e facile da usare e reinstallare :badgrin: che gli ha fatto guadagnare molti soldini....ma l'informatica seria è un'altra cosa.
Detto questo, benvenuto su Slacky.eu :)

saluti a tutti
"...and what exactly is a dream....and what exactly is a joke."

"Jugband Blues" ( Syd Barrett )
Avatar utente
slucky
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2379
Iscritto il: mar mag 01, 2007 14:30
Slackware: 14.1
Kernel: default
Desktop: xfce

Re: Slackware e l'etica Linux

Messaggioda luigi91 » ven ott 03, 2008 12:08

Di nuovo grazie del benvenuto.
Allora non so sce slax mi fa provare FluBox o altri ambienti, ma ci posso provare solo che mi sembra "leggermente" complicato, vedrò sul sito di slax.

Per quato riguarda i link leggero volentieri ma ogni volta che sento la parola "hacker" evito il discorso.

Non so voi, ma a 14 avevo come "aspierazione" di diventare un "hacker". Peccato che non sia come lo descrivono in stupidi forum online, che ormai ho smesso di frequentare da tempo. Sono passato a Linux per "non essere un hacker", perchè ormai tutti quelli che si definiscono "hacker" (notare le virgolette) usano windows.

Ovviamente le conoscenze di un esperto informatico, quali gli hackers, permettono anche di saper usare bene un qualunque sistema tra cui Windows, Linux, MAC OS X(che sinceramente non sopporto) e magari di dare anche un occhio alle nuove tecnologie.

P.S.: Io non ho mai formattato XP dai 5 anni che lo uso. L'uniche volte che ho formattato era perchè io stesso avevo voglia di farlo (per liberare magari l'hard disk). Concordo sul fatto che windows è molto veloce da installare, ma ritengo che se l'utente avesse un po' più di cervello saprebbe che forse è bene sempre avere un hard disk esterno con il backup dei dati e magari anche un file immagine del OS con i programmi che usa di più già installati e configurati :roll:
luigi91
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 37
Iscritto il: mar set 30, 2008 11:58
Kernel: 2.6.24.4
Desktop: KDE 3.5.9
Distribuzione: Slax Linux 6.0.6

PrecedenteProssimo

Torna a Porting Slackware

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 2 ospiti