Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Vecchi PC, consigli per l'uso

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » mer giu 20, 2012 9:50

Come ho già scritto in altri topic... ne ho già aperti fin troppi per chiedervi consigli su aspetti differenti che però alla fine riguardano la stesso argomento...
Sto mettendo in piedi una microscopica LAN in una stanzaetta sede di una pubblica assistenza, poco frequentata a dire il vero quindi lo scopo non è così cruciale, cioè andrebbe già benissimo così probabilmente.
Per chiarezza ripropongo la situazione... ma anticipo che sarò lungo per cui metto tutto in offtopic in modo poi da venire alla domanda che volevo chiedervi. Ecco allora l'antefatto:

Offtopic: C'è una postazione con un PC nuovo che monta windows-7 su cui si sbrigano faccende da ufficio, quindi documenti vari, compilazione fatture, mail, web ecc... le solite cose insomma. Il PC che è a piano terra si collega ad un router collocato al terzo piano nel sottotetto via ethernet, dico inoltre che il router è anche wireless... Vi si collegano altri "uffici" collocati a piano terra, sempre via ethernet, almeno due penso. Mentre col wifi possono collegarvisi i piani alti dell'edificio (non è detto che il segnale non arrivi anche a piano terra però, infatti volevo anche fare una prova col mio portatile, sempre che riesca a capire come si fà a manovrare la scheda wifi del mio vecchio portatile... ma questa è un'altra storia).
Poi c'è una multifunzione samsung CLX-3175, che ha unicamente interfaccia usb ed è al momento collegata al PC nuovo.

Tuttavia avanza dell'hardware, infatti il nuovo PC che attualmente rappresenta l'unica postazione, ha soppiantato un vecchio cassone, chiamiamolo old1.
Abbiamo pensato con altri che si potrebbe appunto creare una piccola LAN sperimentale, nel senso che poi l'utilità che avrebbe è tutta da verificare a posteriori. Di conseguenza il budget per eventuali acquisti di materiale necessario dovrà essere strettissimo...

In prima battuta abbiamo pensato di riutilizzare "old1" come seconda postazione, installandovi linux, in modo che nella rara eventualità che vi siano due persone contemporaneamente nell'ufficio, sia possibile sbrgare delle faccende contemporaneamente lavorando su due pc differenti.
Poi viene da se che si vogliano ottenere due postazioni che vadano autonomamente in internet e che siano collegabili l'una all'altra in modo da poter scambiare files all'occorrenza ecc ecc, per comodità via LAN, anche se si potrebbe usare la solita pennina usb volendo, ma già che si vogliono mandare in internet entrambi...

In questo contesto l'acquisto minimo da fare sembra essere quello di uno switch di rete. E se ne trovano a prezzi più che abbordabili.
Ma l'appetito viene mangiando e allora emergono alcune carenze che avrebbe così la LAN e si intravedono nuove possibilità utili:
1- il PC attualmente risulta in rete con gli altri PC presenti negli altri uffici.
2- impiegando uno switch e basta la situazione non cambierebbe e sarebbe preferibile (parlando teoricamente più che per una reale necessità) creare una sottorete chiusa. Per questo però lo switch non basta e serve un router.
3- E se volessi stampare o fare una scansione dallla postazione old1? Ecco che salta fuori che la soluzione migliore sarebbe mettere in rete anche la multifunzione, ma per questo servirebbe un "multifunction printserver" e qua i costi salgono parecchio, non vale la candela spendere quei soldi per una utilità ancora da verificare come ho detto sopra.
4- E allora già che ci siamo, se arriva qualcuno col notebook sarebbe comodo se potesse collegarsi col wifi. Ma per fare questo occorre che il router della sottorete sia anche wifi....
5- Il PC nuovo ha una scheda di rete Gbit, perchè non dotare l'intera LAN di questa velocità. Però occorre acquistare almeno una scheda Gbit per il pc old1. che adesso ne ha una 10/100.

Insomma per come la vedo, e per quello che ho capito informandomi un attimo (anche grazie ai vosti suggerimenti) posso dire che sempre parlando in teoria, la LAN ottimale in vista anche di eventuali utilizzi futuri più spinti dovrebbe soddisfare i seguenti punti:
1- essere chiusa quindi usare un router proprio, non quello condominiale
2- avere il wifi... utilizzare il wifi del router condominiale potrebbe esser un'opzione (devo provare fisicamente per capire se il segnale wifi arriva al piano terra), ma da lì sarebbe poi più difficile accedere alla rete interna se non predispongono servizi appositi sul router privato che consenta l'accesso dall'esterno a utenti autorizzati.... In linea di massima per quanto ne so adesso diciamo che potenzialmente serve un router wifi.
3- comprendere un printserver in grado di supportare la multifunzione ottenendo il dispositivo accessibile in rete.
4- supportare velocità Gbit nei collegamenti tra i PC, verso il router che ci collega poi ad internet non serve.
5- possibilità di qualche accesso ethernet in più per ogni evenienza, tipo se si vorrà aggingere qualche postazione o se arriva qualcuno col portatile e vuole collegarsi via ethernet.

Ok. Questi mi sembrano i punti da soddisfare per ottenere una situazioone ottimale.
Per realizzarli per esempio ci sarebbero diverse configurazioni:

1- router wifi Gbit con MF-printserver integrato che supporti contemporaneamente la multifunzione che abbiamo e sia compatibile con linux. serve almeno con 4 porte eth + porta wan (per collegarvi 1 il router condominiale via wan, PC nuovo, old1 e ne restano due libere).
Soluzione all in one ma un router del genere costa parecchio.

2- router wifi Gbit 4 porte + printserver separato

3a- router wifi 10/100 + printserver separato + switch Gbit
3b- router wifi 10/100 con printserver integrato + switch Gbit

4- router ethernet + acces point + printserver + switch

Indomma, non vado oltre, le possibilità sono parecchie.
Il problema sono i costi soprattutto non è facile trovare un MP-printserver capace di supportare anche lo scanner e far stere il tutto in un budget ristretto.
Per il momento, visto che la cosa è per ora solo un test ho pensato di rinunciare ad alcune possibilità:
1- printserver: all'occorrenza si stacca e attacca l'usb al PC che deve usare la multifunzione e tanti saluti.
2- velocità Gbit, mi spiace rinunciare a questa possibilità perchè sono convinto che quando poi si dovranno trasferire dei files, anche per backup o altro, impiegare 10 volte meno tempo tornerebbe comodo, ma rinunciando a questo si può risparmiare qualcosa su uno switch gbit e sul cambio di scheda ethernet su old1.

Con queste rinunce basterebbe poi acquistare un router, e tanto vale prenderlo wifi che costa praticamente uguale. Per ottenere:
1- LAN 10/100 ethernet con 2 porte in più libere per ulteriori accessi saltuari di notebooks o altre postazioni future.
2- Wlan interna a disposizione di ipads iphones e altre chincaglierie, nonchè di altri notebooks di passaggio. Utilità secondo me assai dubbia... insomma, penso che in un ufficio del genere il wifi sia un sovrappiù non molto usato, almeno ora come ora.
3- Si ottiene così una LAN chiusa indipendente dagli altri uffici connessi al router condominiale.
A parte il wifi, mi sembra anche una soluzione più espandibile in futuro, soprattutto visti i dubbi attuali sull'utilità della faccenda:
1- se un domani servirà più velocità nella LAN, basterà uno switch Gbit cui collegare gli accessi delle postazioni fisse e saltuarie via ethernet.
2- se un domani servirà un printseerver sia acquisterà o in alternativa si cambierà multifunzione prendendone una di rete
3- se l'iniziativa si rivelerà inutile, si sarà comunque spesa una cifra ridotta


Scusate la lunghezza, ma ho voluto essere esplicito su quelle che sono le idee che ho in testa e su quella che è la situazione, gli scopi, ecc.
Ora il punto.
Un'amico mi ha consegnato un altro vecchio PC chiamiamolo old2, per utilizzarlo in quelche modo nella sede dell'ufficio di cui sopra. Quindi abbiamo old1 e old2:
Codice: Seleziona tutto
old1:
RAM = 1GB
CPU = amd duron 1.2Ghz
HD = 40GB

Codice: Seleziona tutto
old2:
RAM = 186 Mb
CPU = amd-k6 (tm) 3d power (uname -p, non ho preso la frequenzaprecisa ma da quanto ho visto in rete dovrebbe essere sui 450MHz)
HD = 6GB


Cosa potrei farci con questi 2 PC? Tenuto presente che in primis vorremo allestire una seconda postazione?
Grazie in anticipo e scusate per la lunghezza.
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Blallo » mer giu 20, 2012 10:01

old2 puoi adibirlo a server per condividere una stampante e uno scanner.
Con il demone saned puoi condividere uno scanner qualsiasi via rete.
Oddio, dipende anche dal fatto se old2 abbia una porta usb o meno...
old1 lo destini a seconda postazione.
Io sono il detective Arsenio Magret, e porto sempre la camicia TATUATA!
Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
 
Messaggi: 3234
Iscritto il: ven ott 12, 2007 10:37
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.1 / 12.2
Kernel: 3.12.2-ck
Desktop: Openbox

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » mer giu 20, 2012 10:18

Avevo pensato a questa possibilità... Le usb ci sono... anzi devo controllare se sono già 2.0 perchè old1 le ha solo 1.0, eventualmente si potrebbe dotare quello che ne fà più uso (di trasferimenti usb) del controller più veloce.
Mi lasciava un po' perplesso il fatto di dover lasciare acceso il PC. In pratica quell'ufficio non è presidiato costantemente, cioè non c'è dentro un impiegato che ci sta 10 ore.
L'addetto alla compilazione di un certo documento vaà nell'ufficio accende il PC (quello nuovo) svolge le faccende che deve fare immagino stia lì anche qualche ora, dipende e poi se ne và e magari non va nell'ufficio per diversi giorni. Oppure gli serve fare una stampa di un documento, e allora entra accende il PC stampa spegne e via.
Con l'impiego di "old2" come print/scan-server dovrà accendere 2 PC e soprattutto attendere che old2 si avvii, perchè non avrebbe esenso lasciarlo acceso sempre.
Non vorrei che alla lunga fosse scomodo.
Non ti pare? Magari ci sono distribuzioni ad hoc rapisdissime ad avviarsi.
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Blallo » mer giu 20, 2012 10:43

Potresti pensare al Wake On Lan per accendere il pc.
In più si può pensare a qualche cosa tipo "live persistant", come fa backtrack: parte in live,ma salva le impostazioni su hd.
Una live così minimale non credo impieghi così tanto ad avviarsi..
Io sono il detective Arsenio Magret, e porto sempre la camicia TATUATA!
Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
 
Messaggi: 3234
Iscritto il: ven ott 12, 2007 10:37
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.1 / 12.2
Kernel: 3.12.2-ck
Desktop: Openbox

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » mer giu 20, 2012 11:09

Su wake on LAN, siamo sicuri che vista l'anzianità del PC sia veramente supportata?
Comunque... wake on lan lo proporresti per evitare all'impiegato di premere il pulsante power del printserver dico bene?

Invece non capisco come una live possa avere un avvio più rapido di un sistema installato su HD... questo non lo sapevo proprio.
Perchè mai live è più veloce add avviarsi? avrei detto il contrario....
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Blallo » mer giu 20, 2012 11:27

joe ha scritto:Su wake on LAN, siamo sicuri che vista l'anzianità del PC sia veramente supportata?
Comunque... wake on lan lo proporresti per evitare all'impiegato di premere il pulsante power del printserver dico bene?

Esatto.
joe ha scritto:Invece non capisco come una live possa avere un avvio più rapido di un sistema installato su HD... questo non lo sapevo proprio.
Perchè mai live è più veloce add avviarsi? avrei detto il contrario....

Infatti ho detto una castroneria, scusami :p
Non so a cosa stessi pensando.
Io sono il detective Arsenio Magret, e porto sempre la camicia TATUATA!
Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
 
Messaggi: 3234
Iscritto il: ven ott 12, 2007 10:37
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.1 / 12.2
Kernel: 3.12.2-ck
Desktop: Openbox

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » mer giu 20, 2012 11:53

Bè in teoria non dovrebbe servire molta roba.
Un sistema minimale ottimizzato in qualche modo per fare un boot super-rapido.
CUPS e driver della stampante installati così si potrà gestire la coda di stampa direttamente via interfaccia web.
Saned che sinceramente non conosco, cioè io uso xsane per pilotare il mio scanner, ma non ho idea di come avvenga la faccenda se lo scanner sta in remoto... spero solo che come drivers non ci siano problemi per la gestione dello scanner.
Quindi una volta messi i pacchetti necessari per dipendenza dovremmo essere apposto.
Peccato che un PC di quell'epoca non avrà sicuramente opzioni di suspend to ram per esempio, che risulterebbe comodissima per lasciare la macchina sempre in standby e riesumarla alla bisogna lanciando una stampa o acquisendo un documento con lo scanner.
Detto questo, magari c'è già qualche sistema precotto per uso printserver, farò una ricerca. Se qui ci fosse qualcuno con esperienze in merito dite pure eh! ;)

Altra domanda, come fare per capire se wake on lan è supportato da quel vecchio PC, la funzionalità deve essere supportata dalla scheda madre giusto? è lei che comanda dico bene?
Da quello che ho letto sugli amd-k6 siamo all'epoca dei pentium-III... non saprei.
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Blallo » mer giu 20, 2012 11:56

Devi cercare nel setup del Bios.
Dovrebbe essere "Enable turn on via PCI" o una roba affine.
Io sono il detective Arsenio Magret, e porto sempre la camicia TATUATA!
Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
 
Messaggi: 3234
Iscritto il: ven ott 12, 2007 10:37
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.1 / 12.2
Kernel: 3.12.2-ck
Desktop: Openbox

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » gio giu 21, 2012 9:09

Siccome non sono riuscito a mettere le mani su quel PC, non è che c'è una lista di compatibilità dei bios/motherboards che supportano WOL?
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Akito » gio giu 21, 2012 9:28

Devi sapere il modello e la marca della scheda madre e poi sul sito del produttore ti scarichi
il manuale.

http://it.wikipedia.org/wiki/Wake_on_LAN

Ho un pc del 1997 con wake on lan tramite cavetto. Quando compri la scheda di rete
assicurati che suppporti lo WOL con il cavetto, io per esempio ho comprato una scheda Zyxel
con più o meno 15 €, nuova. Nel bios trovi una voce con scritto proprio Wake-On-Lan, generalmente.
Prima di comprare qualcosa assicurati che ci sia il supporto.

Se invece rientri tra quelli più recenti allora non ti serve il cavetto e basta una scheda di rete che supporti
lo wol. Ho due computer, uno del 2001, l'altro del 2002, che nel bios hanno qualcosa come "Wake
on PCI/PME event".

Non so se è un fatto generale, ma quando attivo quella voce nel bios la scheda di rete (non integrata nella scheda
madre, ma su pci) mantiene acceso un led verde.

Per la sveglia su linux in rete locale io ho usato etherwake. Da Windows uso: http://magicpacket.free.fr/
che uso anche per svegliare un pc in ufficio da casa mia (quello del 1997).
Akito
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 285
Iscritto il: dom set 03, 2006 12:12
Località: Limite sull'Arno (FI)
Nome Cognome: Alessandro Bianconi
Slackware: 13.1
Desktop: XFCE

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Akito » gio giu 21, 2012 9:34

Dimenticavo, in altre situazioni sempre in ufficio mi è tornato utile poter
far svegliare un pc da spento senza dover usare lo wol, ma semplicemente
programmando l'ora dell'accensione a computer accesso (con cron o a mano).

In pratica il pc si sveglia da solo alla 8 di mattina e si spenge verso le 10 di sera.

Ti rimando a: http://sourceforge.net/projects/nvram-wakeup/

anche se devo dire che da quando ho messo in piedi questo sistema sono
passati quasi tre anni.
Akito
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 285
Iscritto il: dom set 03, 2006 12:12
Località: Limite sull'Arno (FI)
Nome Cognome: Alessandro Bianconi
Slackware: 13.1
Desktop: XFCE

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » ven giu 22, 2012 9:57

Caro akito, ti ringrazio per le risposte intanto.
Vi aggiorno sulla situazione dopo aver fatto una scappata nell'ufficio, anticipo che ho avviato il PC col CD di Slax-6.1.2:

1- old2 ha un processore amd-k6 da 400MHz.

2- il bios sotto power management ha la voce wake on lan settata si enabled quindi direi che a livello di scheda madre la funzionalità è supportata.

3- ho provato ad interrogare la scheda di rete (presente come eth0 e visibile da ifconfig) ma ottengo un errore, che però non mi sono annotato a dire il vero. Mi pare di ricordare qualcosa del genere: "Cannot get driver information: No such device" ma non ci posso giurare. Quindi non ho conferme del fatto che anche la scheda ethernet disponga del wake on lan.

4- c'è qualche problema col controller usb: lsusb non restituisce alcun output e inserendo la mia chiavetta non succede nulla e non compaiono nuovi records nel /var/log/messages. Quindi non sono riuscito neanche a salvare sulla chiavetta l'output di altri comandi tipo lspci, così da poterveli pstare per dare più info sull'hardware in questione...

Potrebbe anche essere che la lavie di slax abbia qualche limitazione con quel controller usb, ma mi pare strano.
Non metterei mano sul fuoco che tutto sia collegato correttamente all'interno.
Su quel PC avevamo installato (sempre con l'amico che ha donato la ferraglia) una current pre slackware 13.1, quella con il diavolo della tasmania al posto del pinguino nel framebuffer di avvio. Poi questo PC era stato praticamente inutilizzato... mi pare però che l'usb funzionasse così come pure la rete.
Il problema è che l'amico non ricord la password di root, per questo mi sto muovendo via slax live. Al limite posso anche insstallarvi una slack-13.37 non è un problema, ma forse sarebbe più rapido fare qualche altra prova tipo con clonezilla.
Farò sapere.

Mettiamo che il siscorso printserver on-demand via wake on lan funzioni e risulti efficente per le esigenze dell'ufficio.
Cosa ne pensate se lo utilizzassi anche come router?
Rallenterebbe la connessione dell'intera LAN sia nei trasferimenti interni che nello scambio dati verso internet, oppure non costituirebbe assolutamente un collo di bottiglia?
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Akito » sab giu 23, 2012 0:47

Non ho ben capito: usi Salix solo perché non ricordi la password di root?
In questo caso puoi cambiarla, prova a cercare nel forum o attendi altre risposte.
Ecco la prima cosa che ho trovato: http://www.slacky.eu/forum/viewtopic.ph ... ta#p276487
Anche io avevo pensato alla soluzione presentata dall'utente danix.
Akito
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 285
Iscritto il: dom set 03, 2006 12:12
Località: Limite sull'Arno (FI)
Nome Cognome: Alessandro Bianconi
Slackware: 13.1
Desktop: XFCE

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda joe » sab giu 23, 2012 1:15

Ah sì ho capito, praticamente avvio con Slax (che non è non slaix ;) ) monto la partizione che contiene la "/" del sistema installato e poi ci entro in chroot. In quella situazione a livello di permessi è come se fossi loggato nel sistema installato come root... Poi da posso usare "passwd" e cambiare la password di root.
A quel punto se riavvio il sistema non più con la live dovrei poter fare il login come root immettendo la nuova password.

In quel modo posso usare il sistema installato in toto eliminando dubbi su eventuali limitazioni della live....
Ho capito bene?
Proverò! Grazie del consiglio. :D

PS.
Rinnovo l'ultima domanda circa l'uso del PC anche come router della LAN. ;)
Avatar utente
joe
Master
Master
 
Messaggi: 1979
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:21
Slackware: 14.0
Kernel: 3.2.29-smp
Desktop: KDE-4.8.5

Re: Vecchi PC, consigli per l'uso

Messaggioda Akito » sab giu 23, 2012 1:28

joe ha scritto:Ah sì ho capito, praticamente avvio con Slax (che non è non slaix)


Eheh forse devo andare a letto.

joe ha scritto:monto la partizione che contiene la "/" del sistema installato e poi ci entro in chroot. In quella situazione a livello di permessi è come se fossi loggato nel sistema installato come root... Poi da posso usare "passwd" e cambiare la password di root.
A quel punto se riavvio il sistema non più con la live dovrei poter fare il login come root immettendo la nuova password.

In quel modo posso usare il sistema installato in toto eliminando dubbi su eventuali limitazioni della live....
Ho capito bene?
Proverò! Grazie del consiglio. :D


Credo proprio di sì.

joe ha scritto:PS.
Rinnovo l'ultima domanda circa l'uso del PC anche come router della LAN. ;)


Ecco per questo devi attendere la risposta di altri più competenti di me.
Akito
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 285
Iscritto il: dom set 03, 2006 12:12
Località: Limite sull'Arno (FI)
Nome Cognome: Alessandro Bianconi
Slackware: 13.1
Desktop: XFCE


Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti