Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

curiosita´

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

curiosita´

Messaggioda giuppy » dom mag 30, 2004 21:52

Ciao a tutti, <BR>questi giorni ho letto qualche articolo su BSD. <BR> <BR>Mi chiedevo che differenza esiste tra le varie versioni OpenBSD, FreeBSD, netBSD. <BR> <BR>Inoltre mi sembra di aver letto che BSD utilizza un kernel differente da quello utilizzato su Slackware (spero di non avere letto/capito male). <BR>Per quale motivo dovrebbe utilizzare un kernel differente ? <BR> <BR>Un saluto <BR> Giuppy<br>
giuppy
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 23
Iscritto il: mar mag 11, 2004 23:00

curiosita´

Messaggioda Santo » dom mag 30, 2004 23:42

Salute a te! :-) <BR> <BR>Forse gli articoli che hai letto non son stati molto chiari, almeno su un principio basilare: gli OS *BSD <!-- BBCode Start --><B>non</B><!-- BBCode End --> sono delle distribuzioni Linux e non hanno nulla a spartire col pinguino (kernel compreso), a parte l´essere dei cosiddetti "unix-like". <BR> <BR>Gli OS *BSD derivano direttamente dallo Unix originale della AT&T. Non mi dilungo nella storia di questi OS, in rete puoi trovare fonti ben più autorevoli della storiella che potrei raccontarti io. <BR>Fatto stà che oggi ci troviamo di fronte a tre grosse branche di sistemi operativi *BSD. <BR>Riporto la caratteristica basilare per ognuno di essi (non vuole essere esaustiva come descrizione ovviamente) <BR>NetBSD -> orientato alla portabilità (è probabilmente il sistema operativo che gira sul maggior numero di piattaforme) <BR>FreeBSD -> orientato alle prestazioni con una attuale limitata portabilità <BR>OpenBSD -> orientato alla sicurezza <BR>(questo non significa che ad esempio netbsd e freebsd non siano sicuri, o che netbsd ed openbsd non abbiano buone prestazioni, quella è la caratteristica col quale son "nati", ma al giorno d´oggi tutti e tre possono essere considerati un mix delle caratteristiche stesse). <BR> <BR>Differenza sostanziale poi rispetto a Linux è che quest´ultimo risulta essere un kernel e basta, mentre invece un OS *BSD risulta essere un kernel + vari applicativi che vanno a formare un OS completo. <BR> <BR>Altra differenza è la licenza sotto la quale vengono rilasciati... come dice il nome stesso, gli OS *BSD vengono rilasciati sotto licenza BSD, licenza che è molto meno restrittiva della GPL, sotto la quale è rilascito il kernel Linux. <BR>Aggiungo poi che, almeno per FreeBSD che conosco meglio, esiste anche una sostanziale differenza per quanto riguarda l´organizzazione e la filosofia di sviluppo del sistema operativo. <BR> <BR>Insomma, sono dei sistemi operativi completamente differenti da Linux. <BR>Esistono diverse alternative opensource a Linux e probabilmente i *BSD rientrano tra le più autorevoli. <BR>Per maggiori informazioni ti rimando ai siti ufficiali dei 3 OS: <BR><!-- BBCode Start --><A HREF="http://www.netbsd.org" TARGET="_blank">NetBSD</A><!-- BBCode End --> <BR><!-- BBCode Start --><A HREF="http://www.freebsd.org" TARGET="_blank">FreeBSD</A><!-- BBCode End --> <BR><!-- BBCode Start --><A HREF="http://www.openbsd.org" TARGET="_blank">OpenBSD</A><!-- BBCode End --> <BR> <BR>Nel caso in cui volessi provarli, ti consiglio di avvicinarti ad essi come se conoscessi solo basi generiche di unix, ma senza il sentirti forte dal conoscere Linux, perchè come detto sopra, sono molto diversi dal pinguino. <BR> <BR>Se ti servono altre info o sono stato poco chiaro, risponderò volentieri :-) <BR> <BR>A presto <BR> <BR>Santo<br>
Santo
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 10
Iscritto il: sab mag 29, 2004 23:00

curiosita´

Messaggioda giuppy » mar giu 01, 2004 10:08

<BR>Volevo ringraziarti per avermi risposto con tanta precisione (sono rimasto veramente contento). <BR> <BR>Forse un giorno installero´ BSD ma ora rimango attaccato alla mia Slackware (che mi da tante soddisfazioni). <BR> <BR>Di nuovo Grazie <BR> Giuseppe <BR><br>
giuppy
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 23
Iscritto il: mar mag 11, 2004 23:00

curiosita´

Messaggioda giuppy » ven giu 04, 2004 21:15

Oggi ho comprato Linux & C. <BR> <BR>Con la rivista ho trovato il CD di FreeSBIE 1.0 (una distribuzione live basata su FreeBSD). <BR> <BR>Arrivato a casa ho deciso di provarla e, con stupore, ho notato una certa fluidita´ del sitema (Celeron 500). <BR> <BR>Capisco che questo forum non e´ dedicato a BSD ma spero che capiate la mia curiosita´. <BR> <BR>Volevo precisare che mi trovo molto bene con Linux (in particolare con Slackware) ma, da quache giorno, mi sono incuriosito a BSD. <BR> <BR>Pensate valga la pena installare FreeBSD ? <BR>Quale sono i pro e i contro ? <BR> <BR>Un saluto & Grazie <BR> Giuseppe<br>
giuppy
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 23
Iscritto il: mar mag 11, 2004 23:00

curiosita´

Messaggioda useless » sab giu 05, 2004 2:09

premetto che le mie conoscenze a livello bsd sono un po´ ridotte, sebbene l´abbia installato su un mio pc non ho ancora avuto tempo di smanettarci a dovere, quindi parlo molto per sentito dire. <BR> <BR>il contro principale è un supporto hardware più ridotto di quello di linux, in quanto bsd non ha nessuna velleità commerciale e non gliene frega niente di supportare le schede video a cinque dimensioni o l´audio su 74 canali. in sostanza ti faccio un esempio: i driver nvidia esistono anche x bsd, quelli ati no. <BR> <BR>il pro principale è una gestione del sistema e soprattutto dei pacchetti assolutamente impeccabile ed organizzatissima. chi di voi conosce l´emerge di gentoo... be´, sappia che è un tentativo di portare su linux l´organizzazione tipica dei pacchetti BSD. <BR>un altro vantaggio di bsd è che la licenza bsd sotto cui è rilasciato ti dà moooolta + libertà della GPL sotto cui è rilasciata la maggior parte del software per linux (in sostanza la licenza bsd ti permette di fare quello che vuoi col codice as long as citi da dove l´hai preso. puoi venderlo senza il vincolo della disponibilità dei sorgenti che invece ti impone la gpl, ad esempio). <BR> <BR>insomma, secondo me è un sistema da provare, ne vale sicuramente la pena. anch´io ho visto freesbie e sono rimasto piacevolmente sorpreso (+ di knoppix/stux a dirla tutta). un mio amico ha invece avuto problemi col dhcp, ma non credo fosse niente di non risolvibile. <BR>senza contare che, nella REMOTISSIMA possibilità che sco vinca la causa contro linux e si trovi in grado di ESTORCERE soldi a chi lo usa, bsd rimane l´unica alternativa degna. <BR> <BR>comunque sia rigiro la domanda a santo che ne sa sicuramente + di me :-].<br>
Avatar utente
useless
Staff
Staff
 
Messaggi: 3896
Iscritto il: sab ott 11, 2003 23:00
Località: A place where the streets have no name

curiosita´

Messaggioda useless » sab giu 05, 2004 2:11

ah volevo approfittarne x aggiungere che slackware adotta qualche aspetto tipico di bsd +ttosto che i corrispondenti un*x. uno su tutti: la sequenza di boot!<br>
Avatar utente
useless
Staff
Staff
 
Messaggi: 3896
Iscritto il: sab ott 11, 2003 23:00
Località: A place where the streets have no name

curiosita´

Messaggioda giuppy » sab giu 05, 2004 12:30

<BR>Purtroppo non conosco molte persone con cui parlare di Linux o BSD. <BR> <BR>Volevo ringrazziarvi per essere sempre disponibili ed avermi fornito delle indicazioni, a me preziose, su BSD. <BR> <BR>Un saluto <BR> Giuseppe<br>
giuppy
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 23
Iscritto il: mar mag 11, 2004 23:00

curiosita´

Messaggioda Santo » dom giu 06, 2004 14:43

Approfitto per aggiungere qualcosina (non sarò breve :-] ) <BR>Specifico ancora che quello che riporto di riferisce a FreeBSD. Gli altri due OS BSD non ho ancora avuto il piacere di provarli e quindi non so se presentino più o meno similitudini con FreeBSD. <BR> <BR>Inizio con indicare i contro di FreeBSD. <BR>- Come ha già detto useless, l´hardware supportato è più limitato rispetto a Linux, mi riferisco soprattutto a quelle che possono essere le schede "multimediali" (schede audio, video, tv, radio ecc...), dovuto soprattutto al fatto che l´OS è orientato al mondo server (per contro diversi driver per controller di alto livello, son stati sviluppati prima per i BSD e poi per Linux). Questo ovviamente non significa che l´hardware supportato sia poco... tutte le periferiche più comuni funzionano egregiamente. In ogni caso è possibile trovare una lista completa dell´hardware supportato nell´handbook (spiego dopo cos´è). <BR>- Il supporto per le piattaforme multiprocessore (SMP) è ancora abbastanza limitato, anche se la situazione dovrebbe cambiare a breve, con il ramo 5 di FreeBSD. <BR>- Potrebbero non essere disponibili tutti i programmi per Linux o comunque non sempre le ultime versioni disponibili (anche questo spiego sotto). <BR>- In FreeBSD bisogna mettersi in testa di compilare le applicazioni... i pacchetti precompilati esistono, ma la norma è compilare (non è detto che sia un contro, ma a quanto pare in molti preferiscono installar cose precompilate). <BR>- non me ne vengono in mente altri... nel caso aggiungerò qualcosa, o se avete qualche domanda e/o confronto da fare :-) <BR> <BR>Passiamo ai pro (o almeno i pro che ci vedo io personalmente :-) ) <BR>- L´estrema organizzazione dell´intero OS, dei pacchetti, delle procedure da seguire per aggiornare, installare, disinstallare. Per non rischiare di incontrare inconvenienti, ogni procedura deve essere eseguita in un determinato modo (<!-- BBCode Start --><B>molto ben descritto</B><!-- BBCode End -->) e solo quel sistema è giusto. Così facendo non si rischia quasi mai di destabilizzare il sistema e si ottiene sempre la massima efficienza. Moltissime di queste procedure sono completamente automatizzate, bastano un paio di comandi per aggiornare l´intero sistema, installare o disinstallare pacchetti (le cui dipendenze vengono risolte automaticamente ed in modo impeccabile! ogni volta che installo o aggiorno qualcosa rimango a bocca aperta nel vedere come svolga l´intero lavoro tutto da solo :-D ). <BR>- La documentazione ufficiale di cui gode credo sia unica. L´handbook è lettura indispensabile se ci si avvicina a FreeBSD, in essa è contenuta una spiegazione dettagliata per l´amministrazione dell´OS (ricordo che FreeBSD non è un kernel, ma un OS completo e quindi attorno al kernel vi sono tutta una serie di applicazioni per l´amministrazione dello stesso). Se poi non dovesse bastare l´handbook, esistono i man (ma va? :-] ) e tutta una serie di esempi oltre che di file di configurazione "preconfezionati" e commentati nel minimo dettaglio. <BR> <BR>Passiamo ora a qualche caratteristica di FreeBSD: <BR>- netta divisione tra il ramo cosiddetto STABLE (versione 4.x) e il ramo cosiddetto CURRENT (5.x). Il ramo CURRENT è il ramo di sviluppo nel quale vengono testate nuove funzionalità ecc... è altamente sconsigliato utilizzarlo se non da parte degli sviluppatori, questo perchè tendenzialmente non è stabile, capita non di rado di trovarsi di fronte a problemi che non vengono "supportati" ufficialmente e che quindi bisogna sapersi sbrogliare da soli ecc... capita sovente di vedere gente proveniente dal mondo Linux che aggiorna subito FreeBSD a CURRENT e incappa immediatamente in problemi che poi non sa risolvere e che lo fanno desistere dal provare questo OS. Per chi è alle prime armi (o per sistemi di produzione), è bene utilizzare il ramo STABLE oppure, eventualmente, la versione 5.2.x che si sta dimostrando già abbastanza stabile. <BR>- i port, che sono una struttura di directory ordinate, permettono di installare dai sorgenti tutte le applicazioni disponibili per FreeBSD... ora come ora ci sono circa 11000 applicazioni disponibili, praticamente tutte o quasi le applicazioni disponibili per Linux, quindi come parco software i due OS più o meno si somigliano. Eventualmente, se una applicazione fosse supportata solo da Linux, può essere possibile farla girare in FreeBSD con un layer di compatibilità Linux. Questo significa che in FreeBSD è possibile far girare le applicazioni compilate in modo nativo per Linux (e da alcuni test effettuati le prestazioni non ne risentono, al limite da far girare le applicazioni Linux in FreeBSD più velocemente che su Linux stesso :-o ). Può anche capitare che i port non contengano le ultimissime versioni disponibili dei vari applicativi, perchè chi si occupa della gestione degli stessi deve aggiornare diversi file ecc... generalmente tutto avviene comunque in tempi brevi. Come detto sopra, i package (cioè la versione precompilata delle applicazioni), sono tendenzialmente molto meno aggiornati rispetto ai port, quindi se si vogliono avere le ultime versioni, bisogna per forza compilare. <BR> <BR>Mmm... forse è meglio che mi fermo qui, ho scritto questa risposta in 5 tempi, e sicuramente mi son dimenticato qualcosa... per non dilungarmi troppo e ripetere le cose, se ci son domande è meglio :-) <BR> <BR>Buonsalut :-) <br>
Santo
Linux 1.0
Linux 1.0
 
Messaggi: 10
Iscritto il: sab mag 29, 2004 23:00


Torna a Libera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite