Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Slackware e versioni per altre architetture

Forum dedicato ai Porting ufficiali e non di Slackware, vedi Slack/390, ARMedslack, Slamd64, Slackintosh, Ocsid, Sloox, Zenwalk, How-Tux, Slax etc etc

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Specificare nome e versione del porting.
2) Specificare se discussione/suggerimento o richiesta d'aiuto.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.

Slackware e versioni per altre architetture

Messaggioda Vlk » mar nov 01, 2005 12:29

Non vi rode il fatto che Slackware sia compilata solo per x86 e le versioni per macintosh PPC e Amd64 siano portate avanti in modo non ufficiale? A me dispiace molto perchè Slack è una distro ottima, l'unica con la quale mi trovo a mio agio, anche se riesco a sfruttarla solo al 10%, ma se per caso volessi comprare un iBook oppure farmi un computer con un Amd X2 64 sarei costretto ad utilizzare versioni non ufficiali. Capisco che così Slack copra il 95% del mercato e capisco anche che Pat voglia essere l' "uomo" di Slackware e capisco anche che non può compilare i pacchetti per tutte le architetture esistenti in questo mondo, ma non credo che gli costi nulla aiutare o supportare ufficialmente i porting alle altre architetture e magari ospitare le relative iso nel sito ufficiale. Così facendo si potrebbero creare dei team di persone che utilizzano una data architettura e che riuscirebbero a tenere le versioni per altre architetture aggiornate e altrettanto stabili quanto quella ufficiale. Voi che ne pensate?
Vlk
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 671
Iscritto il: mer feb 09, 2005 0:00

Messaggioda hendrixiano » mar nov 01, 2005 12:45

E' quello che dico anche io, infatti mia intenzione era proprio prendere un ppc però viste come stanno le cose dovrò passare ad un'altra distrubuzione perchè utilizzare una versione non ufficiale (che presumo sia molto più instabile rispetto la Slackware ufficiale) e la cosa mi fa veramente incavolare! Comunque almeno la slam64 potrebbero farla diventare ufficiale, ormai i prossimi processori saranno quasi tutti a 64 bit.
Avatar utente
hendrixiano
Linux 2.4
Linux 2.4
 
Messaggi: 482
Iscritto il: mer mar 16, 2005 0:00
Località: Pavia

Messaggioda sid77 » mar nov 01, 2005 21:44

la slack390 è l'unico port ufficiale :)

Noi abbiamo avuto il benestare da parte di pat per l'uso della parte slack* del termine (slackware è marchio registrato), ma non credo diventeremo mai un port ufficiale, volkerding è sempre stato molto conservativo e la slackware è sempre stata una "one man" distro, certo ci farebbe molto piacere, ma lo considero ancora utopia (almeno per il momento :D )

Poi parlare di instabilità mi rode un pò... cosa intendete per distribuzioni instabili?

ciao
Avatar utente
sid77
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 568
Iscritto il: mar mag 31, 2005 23:00
Località: PowerPC
Slackware: 12.0/12.1/curr (ppc)

Messaggioda masalapianta » mer nov 02, 2005 12:16

per portare avanti il supporto d'una distro a piu' piattaforme serve gente (che sicuramente si troverebbe), bisogna organizzare il lavoro di queste persone, una volta che si avrebbe un gruppo nutrito di mainteiner si comincerebbe a pacchettizzare piu' software, a quel punto servirebbe un sistema di gestione pacchetti e formato pacchetti piu' avanzato per gestire la complessita' delle dipendenze che si verrebbe a creare, ecc..
cosa ottieni? debian; il punto e' che slackware e' quello che e' (una distro poco complessa) proprio perche' lo sviluppo e' portato avanti perlopiu' da una persona.

Botte piena o moglie ubriaca?
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian

Messaggioda Vlk » mer nov 02, 2005 12:47

masalapianta ha scritto:per portare avanti il supporto d'una distro a piu' piattaforme serve gente (che sicuramente si troverebbe), bisogna organizzare il lavoro di queste persone, una volta che si avrebbe un gruppo nutrito di mainteiner si comincerebbe a pacchettizzare piu' software, a quel punto servirebbe un sistema di gestione pacchetti e formato pacchetti piu' avanzato per gestire la complessita' delle dipendenze che si verrebbe a creare, ecc..
cosa ottieni? debian; il punto e' che slackware e' quello che e' (una distro poco complessa) proprio perche' lo sviluppo e' portato avanti perlopiu' da una persona.

Botte piena o moglie ubriaca?

Mah, non capisco il tuo discorso. Peraltro io vorrei semplicemente che Pat riconoscesse un gruppo per una architettura e lo tenesse aggiornato sui programmi da compilare ed inserire nella distro o meno e che ospitasse iso e relativi pacchetti sul sito ufficiale. Nulla di più. E non capisco come in questo modo la Slack possa diventare una Debian che ha una filosofia abbastanza diversa, ad iniziare dalla suddivisione in testing, stable etc etc che Slackware non ha. Se poi avere più software pacchettizzato è un difetto, beh, allora aboliamo tutti i .tgz non inclusi nella distro..
Vlk
Linux 2.6
Linux 2.6
 
Messaggi: 671
Iscritto il: mer feb 09, 2005 0:00

Messaggioda masalapianta » mer nov 02, 2005 12:57

Vlk ha scritto:Mah, non capisco il tuo discorso. Peraltro io vorrei semplicemente che Pat riconoscesse un gruppo per una architettura e lo tenesse aggiornato sui programmi da compilare ed inserire nella distro o meno e che ospitasse iso e relativi pacchetti sul sito ufficiale. Nulla di più. E non capisco come in questo modo la Slack possa diventare una Debian che ha una filosofia abbastanza diversa, ad iniziare dalla suddivisione in testing, stable etc etc che Slackware non ha. Se poi avere più software pacchettizzato è un difetto, beh, allora aboliamo tutti i .tgz non inclusi nella distro..


il punto e' che fisiologicamente quando la comunita' di mainteiner di una distro aumenta, aumenta anche la sua complessita'; avere piu' software pacchettizzato non e' un difetto ma aumenta la complessita' delle cose da gestire e quindi richiede strumenti adeguati; mi potresti citare una distro, con una comunita' di mainteiner medio/grande, che non sia complessa?
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: dom lug 24, 2005 23:00
Località: Roma
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian


Torna a Porting Slackware

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti