futuro slackware

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Avatar utente
lablinux
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1095
Iscritto il: gio nov 27, 2008 12:23
Desktop: Gnome
Distribuzione: Debian testing
Località: Rho

Re: futuro slackware

Messaggioda lablinux » lun dic 10, 2018 10:19

F4B1CK ha scritto:Se invece ci vogliamo riferire alle versioni dei pacchetti standard (browser, videoscrittura, video editing, ecc. ecc.) ormai devono essere considerati software di terze parti. Non posso pensare che debbano per forza essere in bundle con la distro (una distro che di suo nasce comunque minimale). Preferisco integrare repository di terze parti ed avere anche questi aggiornati.

Sicuro che i repository di terze parti siano sicuri (AlienBob a parte)?

Avatar utente
gigiobagiano
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 529
Iscritto il: dom mar 11, 2007 12:58
Nome Cognome: Filippo
Slackware: 14.2
Kernel: vanilla-4.4.38
Desktop: xfce
Distribuzione: SalixOS
Contatta:

Re: futuro slackware

Messaggioda gigiobagiano » lun dic 10, 2018 11:40

lablinux ha scritto:
F4B1CK ha scritto:Se invece ci vogliamo riferire alle versioni dei pacchetti standard (browser, videoscrittura, video editing, ecc. ecc.) ormai devono essere considerati software di terze parti. Non posso pensare che debbano per forza essere in bundle con la distro (una distro che di suo nasce comunque minimale). Preferisco integrare repository di terze parti ed avere anche questi aggiornati.

Sicuro che i repository di terze parti siano sicuri (AlienBob a parte)?

Quelli di salix e SBo mi sembrano piuttosto sicuri...o hai trovato qualcosa di oscuro?

Su server non userei sinceramente Slackware, ma questo è dettato di più dall'abitudine nell'utilizzare debian per questo scopo.

Avatar utente
lablinux
Linux 4.x
Linux 4.x
Messaggi: 1095
Iscritto il: gio nov 27, 2008 12:23
Desktop: Gnome
Distribuzione: Debian testing
Località: Rho

Re: futuro slackware

Messaggioda lablinux » lun dic 10, 2018 11:51

Niente di oscuro. L'aggiornamento è affidato a chi mantiene i repository e devi ricordari di aggiornare. Se fossero nei repo ufficiali un upgrade risolverebbe (oltre ad avere la garanzia della distro).
Alien (se sbaglio correggetemi) qualche mese fa perse il lavoro e interruppe il suo (impagabile) lavoro per la Slackware e i suoi pacchetti rimasero fermi. E' un caso ed è durato pochissimo tempo, si ricolloco in pochissimo tempo.
E' un caso, ma appoggiandosi a repo esterni (*)c'è questo rischio.
* motivo per cui non mi fido di snap o flatpack

F4B1CK
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 258
Iscritto il: dom gen 11, 2004 0:00
Slackware: current 64 bit
Kernel: 4.4.x
Desktop: KDE 5
Località: Cosenza
Contatta:

Re: futuro slackware

Messaggioda F4B1CK » lun dic 10, 2018 20:33

lablinux ha scritto:
F4B1CK ha scritto:Se invece ci vogliamo riferire alle versioni dei pacchetti standard (browser, videoscrittura, video editing, ecc. ecc.) ormai devono essere considerati software di terze parti. Non posso pensare che debbano per forza essere in bundle con la distro (una distro che di suo nasce comunque minimale). Preferisco integrare repository di terze parti ed avere anche questi aggiornati.

Sicuro che i repository di terze parti siano sicuri (AlienBob a parte)?


Utilizzando, come scrivevo, diverse distro, spesso mi capita di utilizzare repository di terze parti (chiamatele repository, PPA, yum.conf, o come vi pare....sempre di terze parti sono): è ovvio che non si è mai certi al cento per cento della sicurezza del software (tempo fa infettarono un server di Mint e fu distribuita una ISO che conteneva malware), ma con questi dubbi un po' ci si deve convivere, altrimenti esiste sempre il build dai sorgenti. Dipende da cose devi fare e quanto spesso ti serve aggiornare un determinato pacchetto.

Per un desktop, anche con repository esterni, ma mantenuti, mi posso sentire ragionevolmente sicuro.

Avatar utente
gigiobagiano
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 529
Iscritto il: dom mar 11, 2007 12:58
Nome Cognome: Filippo
Slackware: 14.2
Kernel: vanilla-4.4.38
Desktop: xfce
Distribuzione: SalixOS
Contatta:

Re: futuro slackware

Messaggioda gigiobagiano » mar dic 11, 2018 9:11

lablinux ha scritto:Niente di oscuro. L'aggiornamento è affidato a chi mantiene i repository e devi ricordari di aggiornare. Se fossero nei repo ufficiali un upgrade risolverebbe (oltre ad avere la garanzia della distro).
Alien (se sbaglio correggetemi) qualche mese fa perse il lavoro e interruppe il suo (impagabile) lavoro per la Slackware e i suoi pacchetti rimasero fermi. E' un caso ed è durato pochissimo tempo, si ricolloco in pochissimo tempo.
E' un caso, ma appoggiandosi a repo esterni (*)c'è questo rischio.
* motivo per cui non mi fido di snap o flatpack

Ah ok...c'è sempre questa possibilità che non vengano più mantenuti, ma questo lo si può dire anche di alcune distribuzioni o di qualsiasi altro software in cui la comunità che lo gestisce non si è strutturata nel tempo.