Home
Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Modifiche

Slackware LVM2 HOWTO

74 byte aggiunti, 10:39, 24 ott 2007
Lo scenario standard
si può pensare all'operazione di partizionamento come alla suddivisione logica di uno spazio fisico. In pratica, si andranno a definire uno o più spazi "geometrici" al cui interno il sistema operativo potrà immagazzinare i dati. Se un disco fosse un edificio, le partizioni sarebbero gli appartamenti.
L'utilità delle partizioni risiede nel fatto che si possono creare spazi differenti all'interno dello stesso dispositivo fisico per usi e consumi diversi, magari addirittura per sistemi operativi differenti, impostando limiti fisici che non possono essere prevaricati. Anche nel caso in cui non si desideri suddividere un hard disk in più parti, è normalmente necessario comunque creare una partizione che ne occupi la sua totalità perchè i sistemi operativi possano farne uso, dato che normalmente non possono lavorare al di fuori delle partizioni.
Ogni partizione può avere differenti caratteristiche. Senza scendere troppo in dettagli tecnici, si può dire che ogni partizione ha, quantomeno, un punto d'inizio ed un punto di fine. Inoltre, ogni partizione ha un tipo, definito tramite un codice numerico. Tipi comuni di partizioni possono essere "Linux", "Linux Swap", "NTFS/HPFS", etc. L'alterazione delle partizioni è, in se, un operazione non distruttiva. Questo significa che ripristinando al loro stato originale tabelle di partizioni alterate o corrotte, è possibile recuperare i dati in esse contenuti, se nel mentre non ne è stato modificato o corrotto il contenuto.
Perchè un sistema operativo possa utilizzare una partizione, non basta crearla. E' necessario anche creare un filesystem all'interno della partizione stessa, operazione comunemente detta "formattazione". Siccome (dato che uno degli effetti secondari della formattazione è la cancellazione dei dati contenuti nella partizione stessa, è errore comune pensare che formattare significhi cancellare i dati).
Per filesystem s'intende un metodo di memorizzazione ed ordinamento dei dati. Il tipo di filesystem utilizzato determina un insieme di fattori, quali lo spazio effettivo che potrà essere utilizzato della partizione, le prestazioni, l'affidabilità in caso di crash, le features e via dicendo. Il tipo di filesystem che è possibile utilizzare dipende dal sistema operativo. Ben pochi sistemi operativi supportano così tanti tipi di filesystem diversi quanto il kernel linux. Tipi comuni di Filesystem possono essere ext2, ext3, reiserfs, ntfs, etc.
414
contributi