Home
Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Modifiche

Slackware Linux initrd HOWTO

71 byte aggiunti, 12:02, 23 apr 2008
m
Nozioni di Base
'''3.2) esecuzione di uno pseudo-init presente all'interno dell'initrd'''
'''3.3) montaggio del reale root filesystem'''
4) caricamento di init dal filesystem root ''da parte del kerneldello pseudo-init dell'initrd'', con conseguente inizializzazione del sistema
A questo punto, dovrebbe essere chiaro lo scopo dell'avere un initrd image e la sua collocazione nel sistema GNU/Linux. Come fare quindi per creare e gestire un initrd image?
=mkinitrd=
Come detto precedentemente, un initrd image altro non è che un archivio compresso contenente una replica minimale del filesystem reale. Detto in parole povere, si tratta di creare in una directory una copia del filesystem linux con solo ciò che necessità allo scopo dell'initrd e di comprimerlo con cpio+gzip. Su Slackware linux questa directory è genericamente collocata in /boot/initrd-tree e l'immagine risultante è solitamente in /boot/initrd.gz
Come è lecito aspettarsi, nel tempo tutte le distribuzioni hanno iniziato a fornire uno o più tool di gestione dell'immagine initrd. Slackware GNU/Linux non fa certo eccezione ed il suo tool è chiamato "mkinitrd". Con mkinitrd è possibile creare ex-novo directory initrd-tree con al suo interno tutto ciò che necessita alla creazione di un initrd, con tanto di script scritti ad-hoc per lo scopoimage, modificarne il contenuto e comprimerle in modo da ottenere le immagini, tutto con pochi parametri di command line.
Analizziamone il funzionamento:
E' bene ricordarsi che il flag -c causa l'eliminazione del precedente initrd-tree. Se si desidera semplicemente variare opzioni di un initrd-tree esistente è quindi sufficiente ometterlo.
 
Imputando il comando privo di qualsiasi opzione, si aggiornerà l'immagine esistente lasciando invariato il contenuto del tree.
==Attivazione dei supporti speciali==
Purtroppo, come accennato il tool mkinitrd nella versione di Slackware 12 non include un supporto automatico alla configurazione di RAID. E' però possibile aggirare l'ostacolo eseguendo l'operazione manualmente con pochi semplici passaggi.
'''NB:''' La configurazione di RAID esula dallo scopo di questo articolo, si presume che sia presente un array RAID sia già stato configurato e sia funzionante.
Innanzitutto, è necessario creare un initrd-tree come specificato precedentemente, passando tutte le dovute opzioni. Ad esempio, supponendo che la partizione di root abbia filesystem ext3 e si trovi sulla periferica raid /dev/md0
-rw-r--r-- 1 root root 9 2008-03-14 15:18 rootdev
-rw-r--r-- 1 root root 5 2008-03-14 15:18 rootfs
drwxr-xr-x 2 root root 1024 2008-03-14 16:03 sbin
drwxr-xr-x 2 root root 1024 2007-06-03 03:22 sys
414
contributi