Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Compilare KDE4 su Slackware 12: differenze tra le versioni

Da Slacky.eu.
m
(new poppler release)
Riga 134: Riga 134:
l'installazione di KDE4.
l'installazione di KDE4.
Installiamo poppler-0.6.4 (serve per visualizzare i file PDF in okular):
+
Installiamo poppler-0.8 (serve per visualizzare i file PDF in okular):
<pre>wget http://poppler.freedesktop.org/poppler-0.6.4.tar.gz
+
<pre>wget http://poppler.freedesktop.org/poppler-0.8.tar.gz
tar xfzv poppler-0.6.4.tar.gz
+
tar xfzv poppler-0.8.tar.gz
cd poppler-0.6.4
+
cd poppler-0.8
./configure --prefix=$KDEDIR --enable-zlib
./configure --prefix=$KDEDIR --enable-zlib
make
make

Versione delle 21:20, 27 mar 2008

Indice

Compilare KDE4 su Slackware 12.0

Premessa

Anche se la versione 4.0 di KDE è stata dichiarata stabile, non se ne consiglia una installazione per un utilizzo quotidiano, in quanto è ancora un ambiente incompleto e immaturo (dichiarato dagli stessi sviluppatori di KDE). I cambiamenti sono stati troppi che alla fine non si è riuscito a ottenere il massimo. E molte applicazioni ancora non sono state aggiornate/completate con le nuove librerie (k3b, amarok, i moduli kdepim, kdevelop, koffice sono in fase di completamento del porting e dell'aggiunta di nuove funzioni). Il desktop presenta in forma abbastanza incompleta i suoi nuovi concetti che solo tra qualche anno saranno usabili in ambito quotidiano, o comunque non prima di KDE 4.1. Infatti lo stesso Pat non pacchettizzerà KDE4 prima della versione 4.1 .

Ho inizato a scrivere questa guida perché nella comunità slacky.eu molti si chiedevano come poter provare KDE4 su Slackware. Certo vi sono i Live CD di OpenSuSE, ma se siamo su Slackware allora operiamo in tutto e per tutto con questa distribuzione, anche perché avendo una installazione SVN (come spiegato in questo documento) si possono seguire le modifiche più facilmente. Al momento della stesura del presente documento si illustra sia l'installazione dell'ultima versione di KDE 4.0 (denominata da ora in avanti come 4.0.x), sia del ramo di sviluppo (futura versione 4.1).

Le operazioni riportate di seguito saranno meno invasive possibile, preferendo installare l'ambiente software in 2 cartelle separate (/opt/kde4-devel e /opt/qt4-devel) che in qualsiasi momento potranno essere rimosse senza produrre alcun tipo di problema alle applicazioni e al sistema stesso su cui si effettua la compilazione e l'installazione, in quanto non si tocca alcun file di sistema.

Preparazione

Per seguire il seguente documento vi serve avere installato cmake e il compilatore gcc C/C++ . Tali pacchetti sono disponibili direttamente nel DVD della distribuzione. Accedere al sistema come utente root e aggiungere la seguente riga in /etc/sudoers :

kdedev ALL=NOPASSWD:/usr/bin/make

Installare i seguenti pacchetti tgz dal deposito di slacky.eu:

  1. clucene 0.9.20
  2. enchant 1.3.0
  3. jasper 1.900.1
  4. libarchive 2.4.13
  5. libvncserver 0.9.1
  6. libzip 0.8

Ovvero:

mkdir pacchetti-kde4
cd pacchetti-kde4
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/office/clucene/0.9.20/clucene-core-0.9.20-i486-1as.tgz
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/libraries/enchant/1.3.0/enchant-1.3.0-i486-1ms.tgz
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/libraries/jasper/1.900.1/jasper-1.900.1-i486-1sl.tgz
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/libraries/libarchive/2.4.13/libarchive-2.4.13-i486-1sl.tgz
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/libraries/libvncserver/0.9.1/libvncserver-0.9.1-i486-1as.tgz
wget http://repository.slacky.eu/slackware-12.0/libraries/libzip/0.8/libzip-0.8-i486-1gv.tgz
upgradepkg --install-new *.tgz

Le varie applicazioni per KDE4 e Qt4 installate di seguito, come già anticipato, possono in qualsiasi momento essere completamente rimosse dal sistema non lasciando alcuna traccia perché verranno installate nelle due directory /opt/qt4-dev e /opt/kde4-dev

Creare un utente specifico per la versione compilata di KDE4:

su -c "adduser kdedev"

Accedere all'utenza:

su - kdedev

In $HOME/.bashrc aggiungere le seguenti righe con il vostro editor preferito:

# KDE 4
export REPOSITORY=svn://anonsvn.kde.org/home/kde
export KDEDIR=/opt/kde4-dev
export KDEHOME=$HOME/.kde4
export KDEDIRS=$KDEDIR
export PKG_CONFIG_PATH=$KDEDIR/lib/pkgconfig
export KDE40=$REPOSITORY/branches/KDE/4.0
export KDE41=$REPOSITORY/trunk/KDE

# Qt
export QTDIR=/opt/qt4-dev
export QT_PLUGIN_PATH=$KDEDIR/lib/kde4/plugins:$QT_PLUGIN_PATH
export PKG_CONFIG_PATH=$QTDIR/lib/pkgconfig:$PKG_CONFIG_PATH
export MANPATH=$QTDIR/doc/man:$MANPATH

export PATH=$QTDIR/bin:$KDEDIR/bin:/usr/local/bin:/usr/bin:/bin:/usr/games:/usr/lib/java/bin:/usr/lib/java/jre/bin:/usr/share/texmf/bin:.
export YACC='byacc -d'

# XDG
unset XDG_DATA_DIRS # to avoid seeing kde3 files from /usr
unset XDG_CONFIG_DIRS

# This will make the debug output prettier
export KDE_COLOR_DEBUG=1
export QTEST_COLORED=1

# Define some comode alias
alias ck='mkdir build && cd build && cmake -DCMAKE_INSTALL_PREFIX=$KDEDIR .. && make && sudo make install'
alias ck1='svn up && cd build && cmake -DCMAKE_INSTALL_PREFIX=$KDEDIR .. && make && sudo make install'

Aggiungete a $HOME/.profile (sempre con l'editor preferito), se non già presente:

test -s ~/.bashrc && . ~/.bashrc

Uscire dall'utenza e riaccedere con:

exit
su - kdedev

Prelevare i sorgenti da SVN e compilare

Creare una cartella in cui sistemare tutti i sorgenti relativi a KDE4:

mkdir kde4-sources

Se ci interessa installare KDE 4.0.x proseguiamo nella lettura, se invece voglio installare la versione di sviluppo di KDE (solo per sviluppatori, per persone che hanno intenzione di contribuire a KDE 4.1 o per veri duri o temerari insaziabili di novità) saltiamo al paragrafo 3.3.

Installare KDE 4.0.x

Se vogliamo compilare KDE 4.0.x allora compiliamo Qt 4.3.x:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $REPOSITORY/branches/qt/4.3
cd 4.3
./apply_patches
./configure -qt-gif -no-exceptions -fast -prefix $QTDIR -confirm-license
make
sudo make install
cd ..

Il comando "./apply_patches" non è d'obbligo e si può omettere, anche perché con un successivo aggiornamento del deposito SVN delle librerie Qt potrebbero verificarsi degli errori di compilazione a causa delle patch applicate precedentemente e che con la nuova versione risultano già applicate, ma in maniera differente o comunque in modo da andare in conflitto con le modifiche. In tal caso bisogna cancellare la cartella qt-copy e riscaricare per intero il deposito SVN delle qt-copy. Oppure molto più semplicemente date un:

cd $HOME/kde4-sources/qt-copy
svn revert

Che riporta i sorgenti allo stato del prelievo da SVN. Il mio consiglio è di non applicare le patch se si desidera aggiornare KDE4 con questo documento e non ci si vuole perdere in un "svn revert". Ho riportato l'infomazione solo per rendervi nota la cosa e per darvi la possibilità di decidere in autonomia.

Installiamo QCA 2.0.0:

wget http://delta.affinix.com/download/qca/2.0/qca-2.0.0.tar.bz2
tar xfjv qca-2.0.0.tar.bz2
cd qca-2.0.0
./configure --prefix=$QTDIR
make
sudo make install
cd ..

Installiamo qca-ossl-2.0.0-beta3 (serve, insieme a QCA2, per avere il supprto al protocollo Jabber in kopete):

wget http://delta.affinix.com/download/qca/2.0/plugins/qca-ossl-2.0.0-beta3.tar.bz2
tar xfjv qca-ossl-2.0.0-beta3.tar.bz2
cd qca-ossl-2.0.0-beta3
./configure
make
sudo make install
cd ..

A questo punto abbiamo installato le Qt4 con i relativi plugin in /opt/qt4-dev . Ora installiamo altre applicazioni di supporto per l'installazione di KDE4.

Installiamo poppler-0.8 (serve per visualizzare i file PDF in okular):

wget http://poppler.freedesktop.org/poppler-0.8.tar.gz
tar xfzv poppler-0.8.tar.gz
cd poppler-0.8
./configure --prefix=$KDEDIR --enable-zlib
make
sudo make install

Passiamo a kdesupport:

cd $HOME/kde4-sources
svn co -N $REPOSITORY/trunk/kdesupport
cd kdesupport
svn up akode chrpath eigen gmm qimageblitz taglib
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Passiamo a strigi:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $REPOSITORY/tags/strigi/strigi/0.5.8/
cd 0.5.8
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Passiamo a soprano:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $REPOSITORY/branches/soprano/2.0/
cd 2.0
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Ora possiamo installare KDE4 vero e proprio.

kdelibs4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE40/kdelibs
cd kdelibs
ck

kdepimlibs4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE40/kdepimlibs
cd kdepimlibs
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

kdebase4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE40/kdebase
cd kdebase
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Prima di passare all'installazione dei vari moduli installiamo la lingua italiana:

Per KDE 4.0.x:

cd $HOME/kde4-sources
svn co -N $REPOSITORY/branches/stable/l10n-kde4/
cd l10n-kde4
svn up scripts it
./scripts/autogen.sh it
cd it
ck
Il resto dei pacchetti

A questo punto possiamo installare sulla stessa falsariga:

  • kdeadmin
  • kdenetwork
  • kdegraphics
  • kdemultimedia
  • kdeedu
  • kdegames
  • kdeutils

Se si vuole si possono considerare anche questi altri:

  • kdesdk
  • kdewebdev
  • kdeartwork
  • kdetoys

E KDE 4.1?

Se fossimo inpazienti di vedere le modifiche che man mano vengono apportate nel ramo di sviluppo di KDE possiamo installare la versione di sviluppo.

La compilazione del futuro KDE 4.1 richiede le Qt 4.4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $REPOSITORY/trunk/qt-copy
cd qt-copy
./apply_patches
./configure -qt-gif -debug -fast -no-exceptions -no-separate-debug-info \
  -system-libpng -system-libjpeg -system-zlib -qdbus -webkit -no-phonon \
  -nomake examples -nomake demos -prefix $QTDIR -confirm-license
make
sudo make install
cd ..

pico è un editor di testo. Slackware lo installa di default.

Il comando "./apply_patches" non è d'obbligo e si può omettere, anche perché con un successivo aggiornamento del deposito SVN delle librerie Qt potrebbero verificarsi degli errori di compilazione a causa delle patch applicate precedentemente e che con la nuova versione risultano già applicate, ma in maniera differente o comunque in modo da andare in conflitto con le modifiche. In tal caso bisogna cancellare la cartella qt-copy e riscaricare per intero il deposito SVN delle qt-copy. Oppure molto più semplicemente date un:

cd $HOME/kde4-sources/qt-copy
svn revert

Che riporta i sorgenti allo stato del prelievo da SVN. Il mio consiglio è di non applicare le patch se si desidera aggiornare KDE4 con questo documento e non ci si vuole perdere in un "svn revert". Ho riportato l'infomazione solo per rendervi nota la cosa e per darvi la possibilità di decidere in autonomia.

Installiamo QCA 2.0.0:

wget http://delta.affinix.com/download/qca/2.0/qca-2.0.0.tar.bz2
tar xfjv qca-2.0.0.tar.bz2
cd qca-2.0.0
./configure --prefix=$QTDIR
make
sudo make install
cd ..

Installiamo qca-ossl-2.0.0-beta3:

wget http://delta.affinix.com/download/qca/2.0/plugins/qca-ossl-2.0.0-beta3.tar.bz2
tar xfjv qca-ossl-2.0.0-beta3.tar.bz2
cd qca-ossl-2.0.0-beta3
./configure
make
sudo make install
cd ..

A questo punto abbiamo installato le Qt4 con i relativi plugin in /opt/qt4-dev . Ora installiamo altre applicazioni di supporto per l'installazione di KDE4.

Installiamo poppler-0.6.4 (serve per visualizzare i file PDF in okular):

wget http://poppler.freedesktop.org/poppler-0.6.4.tar.gz
tar xfzv poppler-0.6.4.tar.gz
cd poppler-0.6.4
./configure --prefix=$KDEDIR --enable-zlib
make
sudo make install

Passiamo a kdesupport:

cd $HOME/kde4-sources
svn co -N svn://anonsvn.kde.org/home/kde/trunk/kdesupport
cd kdesupport
svn up akode chrpath eigen gmm qimageblitz soprano strigi taglib
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Ora possiamo installare KDE4 vero e proprio.

kdelibs4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE41/kdelibs
cd kdelibs
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

kdepimlibs4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE41/kdepimlibs
cd kdepimlibs
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

kdebase4:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE41/kdebase
cd kdebase
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Prima di passare all'installazione dei vari moduli installiamo la lingua italiana:

cd $HOME/kde4-sources
svn co -N svn://anonsvn.kde.org/home/kde/trunk/l10n-kde4/
cd l10n-kde4
svn up scripts it
./scripts/autogen.sh it
cd it
ck

ck è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi.

Il resto dei pacchetti

A questo punto possiamo installare sulla stessa falsariga:

  • kdeadmin
  • kdenetwork*
  • kdegraphics
  • kdemultimedia
  • kdeedu
  • kdegames
  • kdeutils
  • kdepim
  • kdevelop**

Se si vuole si possono considerare anche questi altri:

  • kdesdk
  • kdewebdev**
  • kdeartwork
  • kdetoys

* se si desidera includere l'estensione per i torrent in KGet, bisogna installare le librerie di KTorrent 3.0 e solo dopo sarà possibile procedere con il modulo kdenetwork. Vediamo come installare l'intera applicazione:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE41/extragear/network/ktorrent/
cd ktorrent
ck

** se si desidera istallare kdevelop e/o kdewebdev è necessario istallare prima kdevplatform. Vediamo come fare:

cd $HOME/kde4-sources
svn co $KDE41/kdevplatform
cd kdevplatform
ck

Come aggiorno KDE 4 man mano?

La versione installata di KDE è una versione prelevata da SVN, ovvero dall'archivio di codice sorgente che modifica di ora in ora (la versione di sviluppo anche di minuto in minuto) nell'arco delle 24 ore. Se vogliamo aggiornare l'installazione di KDE4 a una versione più recente come procediamo? Basta entrare nella directory del modulo da aggiornare e ridare il comando "ck". Per esempio, si desidera aggiornare kdelibs:

cd $HOME/kde4-sources
cd kdelibs
ck1     (questo è l'alias su definito che raggruppa sempre la stessa sequenza di comandi)

Se ci sono problemi nella nuova compilazione si può rimuovere la cartella build e riprovare:

cd $HOME/kde4-sources
cd kdelibs
rm -rf build
mkdir build
ck1

Se ancora non compila allora non c'è che aspettare che qualche sviluppatore corregga la cosa e riprovare 2-3 ore dopo, oppure il giorno dopo. Se la cosa persiste (difficile) si può segnalarla sulla mailing list kde-devel@kde.org


Provare KDE4

Tutto l'ambiente

Come si prova KDE4? Per provare l'intero ambiente basta loggarsi da root da una console premendo per esempio i tasti CTRL + ALT + F6 e poi dare il comando:

init 3
exit

loggarsi con l'utente creato (kdedev) e dare:

startx

Una singola applicazione

Se volessi provare una delle applicazioni direttamente da KDE3 si può fare? Certamente. Basta aprire konsole (K-menu / Sistema / Applicazione a terminale (konsole) e dare:

xhost +localhost
su - kdedev

dare la password scelta per l'utente, poi:

export DISPLAY=:0.0

e avviare l'applicazione, per esempio:

konqueror

Crediti

Autore: Giovanni Venturi
Sito Web: http://kslacky.wordpress.com/ - http://www.ksniffer.org/
Versione: 0.1.7
Prima versione: 24 febbraio 2008
Ultima versione: 19 marzo 2008

Strumenti personali
Namespace

Varianti