Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Installare Slackware 13.0 con Raid Software: differenze tra le versioni

Da Slacky.eu.
(Installare Slackware 12.2 con Raid Software)
(Installare Slackware 12.2 con Raid Software)
Riga 72: Riga 72:
<br>
<br>
Usciamo da chroot e riavviamo il sistema<br>
Usciamo da chroot e riavviamo il sistema<br>
  +
===Assemblaggio di un array già esistente===
  +
Nel caso in cui si faccia partire il sistema da una qualsiasi distribuzione live e si abbia la necessità di assemblare un array già esistente si può utilizzare il comando: <br>
  +
'''mdadm --assemble /dev/md0 /dev/sd[ab]1 '''<br>
  +
In questo caso si è dato il via al funzionamento di md0 sulle partizioni sd[ab]1, quelle di /boot
==Conclusioni e note==
==Conclusioni e note==

Versione delle 15:00, 3 giu 2009

Indice

Installare Slackware 12.2 con Raid Software

Come installare Slackware 12.2 in un sistema RAID Software..

Prerequisiti

Per il corretto funzionamento è necessario disattivare (se presente) la gestione RAID hardware.
CD o DVD di installazione della Slackware 12.2
Due HD (/dev/sda e /dev/sdb) di dimensioni identiche

Installazione

Dopo l'avvio dal CD/DVD e il login come root la prima cosa da fare è partizionare un HD

Partizionare un HD

In questo esempio creerò (con fdisk o cfdisk) tre partizioni più la partizione di swap
la prima per il boot, una di swap, una per la / e l'ultima per la home /
boot e home saranno RAID 1 la / sarà RAID 0
Ulteriori informazioni sul RAID
Assegnamo come tipo Linux raid autodetect tutte le partizioni (tranne a quella di swap)
Alla fine dovremmo avere una struttura del genere


Disco /dev/sda: 500.1 GB, 500106780160 byte

255 testine, 63 settori/tracce, 60801 cilindri
Unità = cilindri di 16065 * 512 = 8225280 byte
Identificativo disco: 0xa3baa3ba

Dispositivo Boot Start End Blocks Id System
/dev/sda1 * 1 243 1951866 fd Autorilevamento raid di Linux
/dev/sda2 244 486 1951897+ 82 Linux swap
/dev/sda3 487 43038 341798940 fd Autorilevamento raid di Linux
/dev/sda4 43039 60801 142681297+ fd Autorilevamento raid di Linux



Dopo aver salvato le partizioni su /dev/sda replichiamo la struttura in /dev/sdb con il comando
sfdisk -d /dev/sda |sfdisk /dev/sdb

Creazione degli array RAID

Una volta che abbiamo i due HD partizionati in maniera identica passiamo alla creazione degli array RAID
con il comando mdadm,

mdadm --create /dev/md0 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sd[ab]1
partizione boot
mdadm --create /dev/md1 --level=0 --raid-devices=2 /dev/sd[ab]3
partizione /
mdadm --create /dev/md2 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sd[ab]4
partizione home
come si può facilmente intuire il l'opzione level definisce il tipo di RAID
raid-device definisce il numero di partizioni da associare all'array
mentre l'ultima opzione /dev/sd[ab]1 definisce quali sono le partizioni associate all'array

Setup

Creati tutti gli array che ci servono possiamo proseguire con l'installazione della nostra slack con il comando setup facendo attenzione a formattare /dev/md0 come ext2 e ad assegnare le partizioni come segue
/dev/md0 alla boot
/dev/md1 alla /
/dev/md2 alla home

Prima di riavviare

Abbiamo quasi finito ma prima di riavviare dobbiamo compiere ancora due operazioni

Configurare mdadm

Copiamo le informazioni dei nostri array in mdadm.conf così che al riavvio vengano riconosciuti /dev/md0, /dev/md1, /dev/md2
mdadm -D --scan >> /mnt/etc/mdadm.conf
alla fine il nostro mdadm.conf dovrebbe essere simile a


ARRAY /dev/md0 level=raid1 num-devices=2 UUID=43489988:a74e7474:ee48a48b:c4e6bda9
ARRAY /dev/md1 level=raid0 num-devices=2 UUID=6cce71e2:a11d0e67:4b68893f:06b4dbbf
ARRAY /dev/md2 level=raid1 num-devices=2 UUID=d5cd0d2b:b70ddbda:b3219451:c8fab6c3


Installazione Lilo

Ora non ci resta che configurare lilo per finire l'installazione.
Usiamo chroot /mnt per andare in chroot sulla nuova installazione ed editiamo il file /etc/lilo.conf con jed o un altro editor
facendo attenzione ad inserire e/o cambiare le seguenti voci:
boot = /dev/md0
raid-extra-boot= "/dev/sda,/dev/sdb"

eseguiamo lilo -v per installare il boot loader

Usciamo da chroot e riavviamo il sistema

Assemblaggio di un array già esistente

Nel caso in cui si faccia partire il sistema da una qualsiasi distribuzione live e si abbia la necessità di assemblare un array già esistente si può utilizzare il comando:
mdadm --assemble /dev/md0 /dev/sd[ab]1
In questo caso si è dato il via al funzionamento di md0 sulle partizioni sd[ab]1, quelle di /boot

Conclusioni e note

Per il corretto funzionamento di lilo è necessario assegnare alla partizione di boot il RAID1 e formattarla come ext2 o almeno io non sono riuscito a far funzionare lilo se non in questa maniera.
Con il costo degli HD sempre più in calo è un peccato non usufruire della possibilità di installare un sistema operativo in RAID sia per la velocità di in sistema in configurazione 0 sia per ridurre la possibilità di perdita dati in modalità 1



Sustuso

Strumenti personali
Namespace

Varianti