Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Installare Slackware tramite pen drive USB: differenze tra le versioni

Da Slacky.eu.
(Setup della pen drive che conterrà i pacchetti da installare)
Riga 74: Riga 74:
[''INVIO'']
[''INVIO'']
… oppure, per chi ha fretta e vuole ''«lavorare sporco»'':
+
… oppure, per chi ha fretta e vuole ''«lavorare sporco»'' :
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/* /mnt/usb
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/* /mnt/usb

Versione delle 15:22, 5 ott 2009


Indice

Installare Slackware tramite pen drive USB

Prefazione

Questa guida vuole essere un esempio di come sia possibile installare GNU/Linux, senza l'aiuto di lettori CD o DVD. Il Free Software e l'Open Source ci consentono di battere molte strade per poter raggiungere i nostri obbiettivi: questa è soltanto una delle tante possibili.

Requisiti

Ciò che occorre avere a portata di mano è:

  • Un PC dove sia utilizzabile GNU/Linux
  • Una pen drive USB da 256 MB o superiore
  • Una pen drive USB da 2 GB o superiore
  • Il DVD d'installazione di Slackware 13.0 o una connessione Internet attiva

I passi che compiremo saranno pochi e particolarmente semplici: formatteremo le chiavette, ci copieremo dei file, e le utilizzeremo per far fare il bootstrap alla macchina sulla quale andremo ad installare il sistema facendo partire il classico programma d'installazione di Slackware.
Utilizzeremo una delle due pen drive per poter far fare il boot al sistema e far partire l'installer, l'altra, come archivio dei pacchetti da installare; il PC con GNU/Linux ci serve alfine di riuscire ad "organizzare" le pennette prima di poterle utilizzare, mentre il DVD d'installazione, ci tornerà utile per ottenere alcuni file e le directory che contengono i pacchetti da installare, a meno che, non scegliamo di scaricarci tutto il software che occorre tramite una connessione Internet attiva.

Setup della pen drive che conterrà i pacchetti da installare

Iniziamo formattando le due pennette (almeno quella che conterrà i pacchetti da installare) con un qualsiasi filesystem di nostra preferenza; nel mio esempio userò il filesystem ext2 e considererò che il sistema riconosca la pen drive come /dev/sdb (ovviamente, adattate il tutto alle vostre esigenze ed al vostro hardware laddove necessario). Iniziamo inserendo la pennetta che conterrà le directory d'installazione nel nostro PC dove GNU/Linux sarà già in esecuzione e, senza montarla, digitiamo:

# mk.ext2fs -v -l boot_pen /dev/sdb
[INVIO]

Adesso, utile anche come riprova che tutto sia andato a buon fine, montiamo la pennetta nella directory dove usiamo solitamente montare questo tipo di dispositivi, ad esempio:

# mount /dev/sdb1 /mnt/usb
[INVIO]

Ovviamente assicuratevi che la vostra pen drive sia riconosciuta come /dev/sdb e che la directory dove la montate esista (/mnt/usb/), altrimenti createla:

# mkdir /mnt/usb
[INVIO]

A questo punto, inseriamo il DVD d'installazione nel lettore, montiamolo, e copiamoci in maniera ricorsiva tutte le subdirectory contenute all'interno della directory /slackware/ (solo le directory, i file non ci interessano ai fini dell'installazione); quindi:

# mount /mnt/dvd
[INVIO]

… e con un po’ di pazienza:

# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/a /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/ap /mnt/usb	        
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/d /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/e /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/f /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/k /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/kde /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/kdei /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/l /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/n /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/t /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/tcl /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/x /mnt/usb		
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/xap /mnt/usb
[INVIO]
# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/y /mnt/usb
[INVIO]

… oppure, per chi ha fretta e vuole «lavorare sporco» :

# cp -r -v /mnt/dvd/slackware/* /mnt/usb
[INVIO]

Quest'ultimo comando, copierà tutto ciò che c'è all'interno della directory /slackware/, anche i vari file; andrà comunque bene.

Setup della pen drive che utilizzeremo per il boot

Passiamo adesso ad occuparci della pen drive che utilizzeremo per fare il bootstrap; in questo device, in realtà, non abbiamo bisogno di creare alcun filesystem in quanto faremo in modo che diventi, il dispositivo stesso, il nostro device di boot. Per fare questo, utilizzeremo il file usbboot.img che possiamo trovare sul DVD d'installazione nella directory /usb-and-pxe-installers/ (o prelevarlo da qui). Per il nostro fine ultimo, non è sufficiente copiare il file nella pennetta, ma ciò che dovremo andare a fare è far si che il nostro dispositivo, diventi il file usbboot.img, appunto. Inseriamo quindi la pen drive in una delle porte USB (Universal Serial Bus) a disposizione e spostiamoci nella directory dove abbiamo il file usbboot.img (N.B.: la directory da dove impartire il comando, deve necessariamente essere quella dove si trova il file):

# cd /mnt/dvd/usb-and-pxe-installers/
[INVIO]

Dopodiché, eseguiamo il comando che ci permetterà di trasformare il nostro dispositivo di storage in un dispositivo d'avvio:

# dd if=usbboot.img of=/dev/sdb bs=512
[INVIO]

Fatto ciò, possiamo dire di aver terminato tutte le operazioni preliminari; siamo pronti ad installare la nostra Slackware senza bisogno né di connessione Internet, né di altri dispositivi di boot. Possiamo togliere le pen drive dal PC che ci ha assistito finora e spegnerlo.

Inizio e processo d'installazione

A questo punto, assicuriamoci che il computer dove andremo ad effettuare l'installazione abbia la possibilità di fare il boot dalle porte USB; accediamo quindi al BIOS della macchina in oggetto e modifichiamone la sequenza di boot in maniera che il primo device di avvio che andrà a cercare sia, appunto, l'USB. A computer spento, inseriamo entrambe le chiavette in due porte USB ad accendiamo l'elaboratore. Terminato il POST, verrà trovata la pen drive di boot ed il sistema inizierà a caricare kernel ed installer. Al solito, arriveremo al punto in cui l'installer ci permette di scegliere la tipologia di tastiera e ci presenta il prompt per effettuare il login; non appena ottenuta la linea di comando, possiamo formattare come meglio crediamo il nostro hard-disk (o SSD che sia…) col sempre utile fdisk:

# fdisk /dev/sda
[INVIO]

… supponendo che il device di storage dove vogliamo installare il sistema sia riconosciuto come tale (potrebbe anche essere /dev/hda, /dev/sdb ecc. ecc.).

Facciamo adesso qualche considerazione sui prossimi passi da compiere; ciò che abbiamo in mano è un sistema perfettamente funzionante caricato in RAM, un programma d'installazione in esecuzione ed i pacchetti da installare su una chiavetta USB. Viene da se che la prima azione da compiere sarà creare un mount point per la pennetta:

# mkdir /tmp/usb_pen
[INVIO]

Ovviamente potete scegliere un qualsiasi nome a voi congeniale per la directory dove montare la chiavetta, nell'esempio, ho scelto usb_pen. Adesso che abbiamo una directory dove innestare la pen drive, andiamo a montarla per rendere quest'ultima parte dl nostro filesystem (supponendo che la chiavetta sia riconosciuta come /dev/sdc, in caso di dubbi utilizziamo dmesg per scoprire come viene vista facendo attenzione a non sbagliarci con l'altra, quella di boot):

# mount /dev/sdc1 /tmp/usb_pen
[INVIO]

Bene, fatto ciò, proseguiamo nell'installazione col solito comando:

# setup
[INVIO]

L' installer proseguirà come al solito permettendoci di identificare e formattare una partizione di swap, se ne abbiamo prevista una e, di seguito, ci farà stabilire quale sarà la nostra partizione di root (/, non /root). Fondamentalmente, l'unica differenza rispetto al metodo classico d'installazione con CD/DVD, viene ora. Nel momento in cui l'installer ci chiederà dove trovare la sorgente dei pacchetti da installare, dovremo indicargli la directory creata in precedenza, quella nella quale abbiamo montato la pen drive coi pacchetti. Quindi, una volta giunti a questa schermata:

Medium installation.png



… selezioneremo l'opzione "4 Install from a pre-mounted directory". Indicheremo il percorso da seguire (/tmp/usb_pen/) ed il gioco è fatto! Andiamo avanti completando l'installazione come meglio crediamo e godiamoci la nostra bella Slackware 13.0.

P.S.: vi prego di segnalarmi qualsiasi errore e/o inesattezza, grazie.

Ciao!

Autore : Juri Carlini

e-mail : eth0@slacky.it

Altri link

OpenMosix

Wake On LAN

Strumenti personali
Namespace

Varianti