Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

Muovere il cursore in X senza il mouse: differenze tra le versioni

Da Slacky.eu.
 
Riga 27: Riga 27:
==Considerazioni finali==
==Considerazioni finali==
La configurazione di X è estremamente flessibile, è possibile cambiare a piacimento le funzionalità associate ai tasti del mouse e gli effetti della pressione di qualsiasi tasto della tastiera, in questa sede ci siamo limitati a considerare quelle che sono le impostazioni largamente più diffuse.
La configurazione di X è estremamente flessibile, è possibile cambiare a piacimento le funzionalità associate ai tasti del mouse e gli effetti della pressione di qualsiasi tasto della tastiera, in questa sede ci siamo limitati a considerare quelle che sono le impostazioni largamente più diffuse.
  +
Il materiale di questo breve articoletto è fortemente ispirato a:
Il materiale di questo breve articoletto è fortemente ispirato a:
[http://www.faqs.org/faqs/x-faq/part2/section-19.html]
[http://www.faqs.org/faqs/x-faq/part2/section-19.html]

Versione attuale delle 15:10, 28 gen 2007

Lo scopo di questo breve articolo è spiegare come usare il tastierino numerico per muovere il cursore sullo schermo ed accedere ai menu ed alle funzioni associati alla pressione dei tasti del mouse.

Indice

[modifica] Cosa occorre

E' sufficiente disporre dell'estensione XKB, che dovrebbe di default essere presente e abilitata su tutte le recenti versioni di X (XKB viene abilitata di default compilando i sorgenti da X11R6.1 in poi).

[modifica] Come funziona

Per attivare il tastierino come manovratore del cursore occorre premere Shift + NumLock , intendendo con tale dizione la pressione del tasto Shift seguita dalla pressione del tasto NumLock mentre ancora si tiene premuto Shift (sulle tastiere italiane il tasto è chiamato BlocNum); per disabilitarlo basta ripremere gli stessi tasti.

Le funzionalità di default dei tasti sono le seguenti:

  • i tasti numerici, escluso il 5, muovono il cursore, per essere più precisi i tasti 8,9,6,3,2,1,4,7 muovono il cursore rispettivamente in alto, in alto a destra, a destra, in basso a destra, in basso, in basso a sinistra, a sinistra, in alto a sinistra, come è probabilmente intuitivo e come indicano le freccette presenti in alcuni modelli di tastiera
  • il tasto 5 equivale alla pressione del tasto del mouse, quale (sinistro, destro, centrale) è determinato dai tasti /,*,- di cui ora vedremo l'uso. Praticamente è come se si avesse un solo tasto, il cui comportamento è equivalente a quello di uno dei consueti tre tasti del mouse a seconda della scelta che abbiamo fatto in precedenza. Di default la pressione del tasto 5 equivale a quella del bottone 1 del mouse, che di solito è il tasto sinistro
  • il tasto / rende equivalente la pressione del tasto 5 a quella del bottone 1 del mouse, che di solito è il tasto sinistro
  • il tasto * rende equivalente la pressione del tasto 5 a quella del bottone 2 del mouse, che di solito è il tasto centrale (per i mouse a due tasti è la pressione contemporanea dei due)
  • il tasto - rende equivalente la pressione del tasto 5 a quella del bottone 3 del mouse, che di solito è il tasto destro
  • il tasto 0 mantiene premuto il tasto equivalente del mouse selezionato in quel momento, ovvero, dopo aver premuto 5, il tasto 0 fa sì che il tasto 5 risulti sempre premuto mentre si usano i tasti di movimento; in questo modo, ad esempio, si possono trascinare le icone
  • il tasto . rilascia il bottone del mouse che si era mantenuto premuto con il tasto 0
  • il tasto + equivale al 'doppio clik'

Basta fare un po' di prove per prendere rapidamente dimestichezza con il sistema.

[modifica] Risoluzione possibili problemi

Se la pressione di Shift+NumLock non funziona, provare ad abilitarla con:

#  xmodmap -e "keysym Num_lock = Num_Lock Pointer_EnableKeys" 

[modifica] Considerazioni finali

La configurazione di X è estremamente flessibile, è possibile cambiare a piacimento le funzionalità associate ai tasti del mouse e gli effetti della pressione di qualsiasi tasto della tastiera, in questa sede ci siamo limitati a considerare quelle che sono le impostazioni largamente più diffuse.

Il materiale di questo breve articoletto è fortemente ispirato a: [1] [2]

Ringrazio Loris e Ninobi per avermi aiutato a prendere confidenza con la scrittura di un articolo nella sezione wiki.

Autore: albatros

Strumenti personali
Namespace

Varianti