Slackware FAQ

Da Slacky.eu.

FAQ di Slackware v 0.1

Ovvero, risposte alle domande ricorrenti nel forum slacky.eu e consigli da CHANGES_AND_HITS

Questo documento è in fase di stesura, attendere che questo messaggio sia tolto prima di seguire le istruzioni di questo wiki

Introduzione

Queste FAQ sono state scritte per aiutare i nuovi e vecchi utenti del forum slacky.eu a trovare velocemente le risposte alle domande più comuni che vengono effettuate nel forum.

Le risposte sono brevi, in quanto con queste FAQ non si vuole sostituire la lettura dei testi canonici di Slackware, come i vari .TXT che si trovano nel DVD o la varia documentazione ufficiale. Per i lettori italiani c'è anche Slackware 4 Dummies, che sebbene si riferisca ad una vecchia versione di Slackware, spesso vi è possibile trovare le risposte alla maggior parte dei problemi che si riscontrano nell'installazione e nell'uso della Slackware.

Chiunque voglia aiutare nella stesura delle FAQ può lasciare il suo commmento nell'apposita discussione sul forum.

Revisioni

0.1 - 13/01/2009 Questa è la prima revisione delle FAQ di Slacky.eu, per adesso non c'è un ordine preciso e si tratta di una bozza.


Disclaimer

Gli autori di queste FAQ e slacky.eu non si riterranno responsabili di eventuali danni provocati al vostro computer.

Sezioni

Boot, shutdown e login

Errori durante le procedura di avvio, di arresto del sistema o subito dopo il login

Console in UTF8

Con i nuovi kernel la console di deafult è in UTF8. Quindi possono riscontrarsi problemi se stiamo utilizzando altre codifiche. La soluzione in questo caso è aggiungere la riga

append = "vt.default_utf8=0"

al file lilo.conf e tornare al proprio sistema di codifica. Per esempio it_IT@euro

Naturalmente se avete il sistema in UTF8 e non avete software che "soffrono" di questo problema, non avete bisogno di quel comando.

Partizioni criptate e tastiere USB

Se abbiamo una partizione criptata, soprattutto la partizione di root, dobbiamo accedere alla tastiera per immettere la password. Se la tastiera è USB bisogna caricare i moduli uhci-hcd e usbhid<tt>/ nell’immagine initrd

Se si sta utilizzando una tastiera non-US, si può utilizzare il parametro “-l” del comando <tt>mkinitrd al fine di aggiungere il supporto per questo tipo di tastiera nel file d’immagine initrd.

Non riesco a fare lo shutdown sul mio pc

Se si usa un pc con BIOS rilasciato prima del 2001 probabilmente la macchina non si spegnerà correttamente allo shutdown. Per ovviare si può provare ad aggiungere in lilo.conf la seguente riga

append = "acpi=force"


Sofware di sistema

Errori con gli scrit di avvio e con i demoni di gestione delle periferiche (HAL e UDEV)

Non riesco a fare l'automount

Come recita il ChangeLog dell’11 Settembre 2008

l/parted-1.8.8-i486-1.tgz: Moved from /extra (this is now a HAL dependency).

Parted, che adesso si trova nella directory l e non più in /extra, è diventato una dipendenza di HAL, il quale non funzionerà come dovrebbe senza l’installazione di tale pacchetto. In particolare non sarà più attivo l’automount. Quindi se si notano problemi con HAL controllare prima di tutto di aver installato parted

Cambiamenti di HAL

HAL ormai non è una novità per gli utenti Slackware, ma Pat ci tiene a precisare alcune cose

1. Gli utenti per avere il permesso di montare le periferiche removibili devono essere nel gruppo plugdev, e se devono eseguire lo shutdown ed il reboot via HAL è raccomandato inserire tali utenti anche nel gruppo power.

2. HAL tiene conto delle impostazioni in /etc/fstab se queste sono presenti. Quindi bisogna stare attenti a modificare il file /etc/fstab per le periferiche che vogliamo gestire tramite HAL. Per esempio se /etc/fstab non permette di montare le periferiche ai normali utenti (tramite le opzioni users o user) allora anche HAL/dbus non permetterà di farlo.

3. Se abbiamo bisogno di modificile i file .fdi, questi devono essere posizionati in /etc/hal e non in /usr/share/hal/ e bisogna dargli lo stesso nome di quelli presenti in /usr/share/hal/. Per esempio per modificare il file /usr/share/hal/fdi/policy/10osvendor/10-ntfs-3g-policy.fdi, che contiene le opzioni di default per il montaggio dei dispositivi con ntfs-3g, bisogna creare un file /etc/hal/fdi/policy/10osvendor/10-ntfs-3g-policy.fdi con le opzioni che desideriamo

Cambiamenti in UDEV

UDEV è stato aggiornato in modo evidente con le ultime versioni, quindi non dimenticatevi di controllare (oltre allo script di avvio come segnalato sopra) i file all’interno di /lib/udev/rules.d (nuova directory dove risiedono le regole di udev) e di /etc/udev/rules.d, questo perché vari programmi scrivono ancora in questa directory. In pratica adesso ci sono due directory dove controllare. Vi è un graduale spostamento delle regole “generali” in /lib/udev/rules.d, mentre le regole personali rimarranno in /etc/udev/rules.d. A questo proposito Pat ci suggerisce che non c’è nessuna ragione per cambiare le regole in /lib/udev/rules.d (se vi è questo bisogno c’è un errore a monte) e se vogliamo sovrascrivere un file, basta crearne uno con lo stesso nome sotto /etc/udev/rules.d, un po’ come succede per HAL.

   The system udev rules now reside in /lib/udev/rules.d/ instead of
   /etc/udev/rules.d/ in older versions. There should never be a reason
   to edit anything in /lib/udev/rules.d/, so if you think you have a case
   where this is required, either you’re wrong or it needs to be addressed
   in the upstream source. However, you can override default rules by
   placing one with an identical name inside /etc/udev/rules.d/
   The rules files in /etc/udev/rules.d/ are still intended to (maybe) be
   edited as needed by local system administrators.

I file più “importanti” da controllare, in quanto normalmente i più modificati, sono il file delle schede di rete e quello dei dispositivi ottici.

Soprattutto nel caso che si ha più di una scheda di rete va controllato bene il nuovo file.

Le regole sono sempre contenute in /etc/udev/rules.d/70-persistent-net.rules il quale è adesso però generato dal file /lib/udev/rules.d/75-persistent-net-generator.rules

Stesso discorso per i dispositivi ottici, le regole adesso si trovano nel file /etc/udev/rules.d/70-persistent-cd.rules a sua volta generato da </tt>/lib/udev/rules.d/75-cd-aliases-generator.rules</tt>.

Durante la fase di boot la Slackware controlla la presenza di questi file e se non li trova provvede a crearli automaticamente. Questo fa si che se in futuro vogliamo aggiornare una scheda di rete o un disco, o se stiamo clonando un sistema, basta cancellare questi due file per far ricreare le regole correttamente. Naturalmente potete modificarli voi stessi, se sapete come fare.


Xorg

Domande su Xorg e vari desktop/window manager

Il terminale ed altri programmi XFCE vanno molto lenti, cosa posso fare?

Il terminale di XFCE ed altre applicazioni XFCE, possono risultare molto lente se è abilitato il composite in Xorg. Quindi anche se non si usa esplicitamente il composite ma si ha il supporto attivato in xorg, cioè le righe: Section "Extensions"

Option "Composite" "Enable"

EndSection si posso avere tali problemi.

La soluzione consiste, o nel disabilitare il composite, cioè togliere quelle righe di cui sopra, o settare, prima di avviare X, la variabile XLIB_SKIP_ARGB_VISUALS ad 1, con il comando

export XLIB_SKIP_ARGB_VISUALS=1

Potreste usare ~/.profile, ./.bash_profile, esportarla da linea di comando o magari creare un apposito ~/.xinitrc con dentro la variabile, ma sempre prima dell'avvio di X. Dipende dal vostro ambiente e dal runlevel con cui partite.

un apposito ~/.xinitrc con dentro la variabile. Dipende dal vostro ambiente e dal runlevel con cui partite.

Per maggiori informazioni su questo bug vedere h ttp://bugzilla.xfce.org/show_bug.cgi?id=2792

Sistema di stampa

Problemi con le stampanti o il sistema di stampa

Dopo aver aggiornato i driver Gutenprint la stampante non va più, come posso fare?

Dopo aver aggiornato il pacchetto gutenprint, ogni stampante che utilizza con CUPS i driver gutenprint va reinstallata.


Come devo fare per far funzionare un stampante multifunzione HP

Per far funzionare le stampanti multifunzione HP (stampante/scanner) il vostro utente deve essere nel gruppo "lp", in modo da far funzionare correttamente hp-toolbox. Anche per far funzionare lo scanner devi essere nel gruppo "lp", questo perché le regole UDEV per HPLIP impostano ad "lp" il gruppo del device.

Software console

Problemi di software non grafici

Ho degli errori con cdrecord

Se sorgono errori di permessi quando si prova a masterizzare un cdrom o un dvd come questo:

/usr/bin/cdrecord: Operation not permitted. Cannot send SCSI cmd via ioctl

allora probabilmente c'è bisogno di aggiungere il suid root ai programmi cdrecord e cdrdao. Questo però può comportare grossi rischi di sicurezza, quindi Pat propone come soluzione alternativa quella di creare un gruppo apposito e dare i permessi di esecuzione (e di suid) solo al proprietario (root) e ai membri del gruppo.

Un esempio possibile potrebbe essere:

chown root:cdrom /usr/bin/cdrecord /usr/bin/cdrdao
chmod 4750 /usr/bin/cdrecord /usr/bin/cdrdao

Se non si vuole che tutti i membri del gruppo cdrom possano usare questi due programmi, come alternativa si può anche creare un gruppo apposito (come ad esempio burning, consigliato anche da k3b) ed aggiungere a quello gli utenti che possono masterizzare e quindi utilizzare cdrecord e cdrdao.

Hardware

Problemi con driver e firmware di periferiche hardware

Non riesco a far funzionare i driver synaptics, come posso fare?

I driver Synaptics sono entrati a far parte di Xorg con il nome xf86-input-synaptics e quindi sono stati inclusi nella Slackware. Questo fa sì che per chi ha un notebook con touchpad che usa il driver Synaptics non deve più scaricare i driver da repository extra o compilarli. Va ricordato che in alcuni sistemi, i driver xf86-input-synaptics richiedono che il modulo del kernel psmouse deve essere caricato senza nessuna opzione. Di default in Slackware è caricato con il protocollo imps, tramite il file /etc/modprobe.d/psmouse, quindi va modificato questo file per non caricare tale protocollo. Per fare questo basta commentare l’ultima riga, in modo che diventi

#options psmouse proto=imps

Dal prossimo riavvio il modulo psmouse sarà caricato senza opzioni. Per ricaricarlo senza riavviare basta eseguire da root questi due comandi

# modprobe -r psmouse
# modprobe psmouse

Ricordarsi che siccome ogni file presente nella directory /etc/modprobe.d/ viene processato, bisogna fare attenzione a non lasciare qualche file di backup nella stessa directory.


Blacklist ed opzioni dei moduli

Nella Slackware la versione dei module-init-tools rispetta i moduli blacklistati in /etc/modprobe.d/blacklist, anche se ci sono degli alias ad essi; quindi pcspkg ed altri moduli non dovrebbero essere più caricato automaticamente contro le richieste di /etc/modprobe.d/blacklist.

Il modulo del mouse non è più blacklistato di default, e viene caricato con il protocollo imps da /etc/modprobe.d/psmouse. Quindi se si necessita di altro protocollo o della sua disabilitazione va modificato il file /etc/modprobe.d/psmouse

Inoltre se vediamo che il file /etc/modprobe.d/blacklist è stato cambiato, con la presenza di un file chiamato /etc/modprobe.d/blacklist.new, bisogna rinominare il file /etc/modprobe.d/blacklist.new in /etc/modprobe.d/blacklist ed effettuare le modifiche necessarie.

Siccome ogni file presente nella directory /etc/modprobe.d/ viene processato, bisogna fare attenzione a non lasciare qualche file di backup nella stessa directory, altrimenti potremmo ritrovarci con moduli non caricati, o caricati erroneamente, senza volerlo.

Aggiornamento della Slackware

Dopo aver aggiornamento ho un errore al boot con le librerie Glibc

Se il sistema non si riavvia correttamente per un errore nelle glibc o si è fatto qualche danno durante la procedura di aggiornamento, niente drammi. Prima di formattare, come si usa in altri sistemi, è possibile sempre cercare di reinstallare sul sistema non funzionante la Slackware

Per fare questo bisogna per prima cosa ripristinare le glibc, solitamente il punto critico del sistema, e successivamente reinstallare l'intero sistema con la procedura preferita.


A cura di Conraid