Repository 32bit  Forum
Repository 64bit  Wiki

WinModem sotto GNU/Linux ovvero LinModem

Da Slacky.eu.
Versione delle 16:37, 9 set 2006, autore: 5m0k3r (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice

WinModem sotto GNU/Linux ovvero LinModem

Cosa sono i WinModem

I WinModem (o SoftModem) sono dei modem software che per funzionare utilizzano le risorse del computer ospitante (solitamente CPU e RAM ma a volte anche le schede audio) anzichè utilizzare hardware dedicato a questi scopi (come nei modem tradizionali). I WinModem infatti sono dei modem a basso costo il cui hardware è davvero minimale. Solitamente questi modem sono associati a dei driver, ma se li associassimo a dei device GNU/Linux allora prenderebbero il nomer di LinModem.
Per funzionare occorrono i device drivers che simulino correttamente tali periferiche hardware (mancanti).

Vantaggi e svantaggi dei WinModem

Vantaggi:

  • I WinModem sono facilmente upgradabili in quanto si tratterebbe esclusivamente di un upgrade del software e non di hardware quindi tutti i modem potrebbero essere aggiornati agli ultimi standard
  • Basso costo
  • Watt richiesti
  • Dimensioni e peso ridotti

Svantaggi:

  • Hanno un certo "peso" sul sistema operativo
  • I driver solitamente contengono abbastanza bug
  • Dipende totalmente dal sistema operativo e dal driver
  • Non sono sempre utilizzabili su altri sistemi operativi per i quali non sono stati concepiti

PASSO 1: Scoprire il chipset del WinModem

Come prima cosa occorre scoprire quale sia il chipset del WinModem. Un sito molto utile che viu aiuterà a scoprire il vostro chipset (attenzione a non confonderlo con la marca!!) è questo :
http://modemsite.com/56k/chipset.asp
In questo sito oltre a trovare informazioni sul chipset troverete i link diretti ai driver del modem. Naturalmente servitevi di Google nel caso in cui il sito non contenga informazioni riguardo la vostra marca e il chipset del vostro WinModem.

PASSO 2: Installazione dei driver

Prenderemo in questo esempio l'installazione del modem Conexant Soft56 HSF Modem.
Per prima cosa scaricate i driver del modem nella vostra home directory. Aprite una shell e accedete alla vostra home directory:

$cd ~

Scompattate a questo punto l'archivio contenente i driver del WinModem:

$tar xvzf hsfmodem-<versione>.tar.gz

Si verrà a creare una cartella contenente i driver. Accediamo alla cartella:

$cd hsfmodem-<versione>

Ora ci servono i privilegi di root. Diventiamo quindi root in questo modo:

$su
[Inserite la password]

Dopo aver ottenuto i privilegi di root è venuto il momento di installare i driver. Installateli lanciando il comando:

#make install

Ora dobbiamo configurare il modem. Lanciamo quindi il comando:

#hsfconfig

Per assicurarci che tutto sia andato per il verso giusto lanciamo:

#dmesg | grep -i ttySHSF0

A questo punto dobbiamo creare uno script che avvii il modem ad ogni avvio del sistema. Apriamo quindi un editor di testo da shell in questo modo:

#pico -w modemlink.sh

Inserite quindi queste due righe:

#!/bin/bash
ln -sf /dev/ttySHSF0 /dev/modem

Salvate il tutto con:

CTRL+O (è una o e non uno zero)
[premete invio per confermare il salvataggio del file]

A questo punto (per fare un lavoretto pulito) spostiamo lo script in una zona inaccessibile a chi non possiede i diritti di root:

#mv ./modemlink.sh /usr/local/bin

Ora modifichiamo il file rc.local in modo da lanciare lo script ad ogni avvio. Lanciamo quindi:

#pico -w /etc/rc.d/rc.local

E aggiungiamo una riga al file che contenga:

/usr/local/bin/modemlink.sh

Ricordatevi che in caso di aggiornamento del kernel dovrete rieffettuare il make install dai sorgenti :->

Autore: Fabio Rubino

Strumenti personali
Namespace

Varianti