Mandriva ci lascia?

Postate qui per tutte le discussioni legate a Linux in generale.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Citare sempre la versione di Slackware usata, la versione del Kernel e magari anche la versione della libreria coinvolta. Questi dati aiutano le persone che possono rispondere.
2) Per evitare confusione prego inserire in questo forum solo topic che riguardano appunto Gnu/Linux in genere, se l'argomento è specifico alla Slackware usate uno dei forum Slackware o Slackware64.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2775
Iscritto il: lun 25 lug 2005, 0:00
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian
Località: Roma
Contatta:

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da masalapianta »

fgcl2k ha scritto: Ma io sono prefettamente d'accordo con i tuoi concetti, sulla necessità di avere i sorgenti, sull'audit del codice, ecc. Tutte ottime cose. La compatibilità binaria è una possibilità in più; mettiamo che io produca una nuova scheda e sia disponibile a fornire i sorgenti. Che faccio? La metto sul mercato con un CD con i sorgenti e spero che tutti gli utenti di tutte le distribuzioni siano in grado di compilarli? Produco script di compilazione per tutte le distribuzioni esistenti (sperando che gli utenti abbiano installato i pacchetti necessari per compilare un driver)? Aspetto che uno sviluppatore abbia introdotto nel kernel ufficiale i miei sorgenti (e tutti gli utenti devono aggiornare il kernel oppure applicare una patch e ricompilarselo)?
Anche con Solaris se non ricordo male c'erano un paio di versioni dell'ABI per i driver e bastava scegliere il driver giusto sul CD e fine della storia.
il problema è più complesso: attualmente l'unica cosa che spinge i mercanti di ferraglia a rilasciare i sorgenti dei driver è l'assenza di una compatibilità binaria quindi, volendo supportare le loro periferiche su linux o si mettono a compilare i loro driver per N distribuzioni e tutte le loro versioni, oppure rilasciano i sorgenti, in modo che vengano integrati nel kernel (se la licenza lo permette e il codice non è scritto con i piedi) oppure creando archivi autoestraenti e autocompilanti alla nvidia.
Se esistesse una compatibilità binaria, probabilmente buona parte dei driver si sposterebbe dal kernel ai siti dei produttori del ferro, senza sorgenti, il che renderebbe linux molto più instabile e insicuro (che è quello che è successo con windows).
Quindi a mio a avviso la compatibilità binaria e il discorso sicurezza/stabilità sono legati a doppio filo, non è possibile avere la botte piena e la moglie ubriaca.

Avatar utente
fgcl2k
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 137
Iscritto il: gio 29 ott 2009, 10:14
Nome Cognome: Federico
Slackware: 14.1 (64bit)
Kernel: 3.10.17
Desktop: KDE 4.13.3

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da fgcl2k »

masalapianta ha scritto: il problema è più complesso: attualmente l'unica cosa che spinge i mercanti di ferraglia a rilasciare i sorgenti dei driver è l'assenza di una compatibilità binaria quindi, volendo supportare le loro periferiche su linux o si mettono a compilare i loro driver per N distribuzioni e tutte le loro versioni, oppure rilasciano i sorgenti, in modo che vengano integrati nel kernel (se la licenza lo permette e il codice non è scritto con i piedi) oppure creando archivi autoestraenti e autocompilanti alla nvidia.
Se esistesse una compatibilità binaria, probabilmente buona parte dei driver si sposterebbe dal kernel ai siti dei produttori del ferro, senza sorgenti, il che renderebbe linux molto più instabile e insicuro (che è quello che è successo con windows).
Quindi a mio a avviso la compatibilità binaria e il discorso sicurezza/stabilità sono legati a doppio filo, non è possibile avere la botte piena e la moglie ubriaca.
E' vero, però il problema a monte rimane. E' improponibile un modello di installazione basato sugli archivi autoestraenti data la quantità di kernel, distribuzioni e la loro diversità. Secondo me bisogna che si inventino un qualche modo standardizzato di aggiungere driver al kernel partendo dai sorgenti, senza che ogni produttore sia obbligato a crearsi la propria soluzione più o meno funzionante. Debian, per esempio, ha una specie di framework per la compilazione di moduli del kernel e la creazione automatica dei relativi pacchetti.

Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2775
Iscritto il: lun 25 lug 2005, 0:00
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian
Località: Roma
Contatta:

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da masalapianta »

fgcl2k ha scritto:
masalapianta ha scritto: il problema è più complesso: attualmente l'unica cosa che spinge i mercanti di ferraglia a rilasciare i sorgenti dei driver è l'assenza di una compatibilità binaria quindi, volendo supportare le loro periferiche su linux o si mettono a compilare i loro driver per N distribuzioni e tutte le loro versioni, oppure rilasciano i sorgenti, in modo che vengano integrati nel kernel (se la licenza lo permette e il codice non è scritto con i piedi) oppure creando archivi autoestraenti e autocompilanti alla nvidia.
Se esistesse una compatibilità binaria, probabilmente buona parte dei driver si sposterebbe dal kernel ai siti dei produttori del ferro, senza sorgenti, il che renderebbe linux molto più instabile e insicuro (che è quello che è successo con windows).
Quindi a mio a avviso la compatibilità binaria e il discorso sicurezza/stabilità sono legati a doppio filo, non è possibile avere la botte piena e la moglie ubriaca.
E' vero, però il problema a monte rimane. E' improponibile un modello di installazione basato sugli archivi autoestraenti data la quantità di kernel, distribuzioni e la loro diversità. Secondo me bisogna che si inventino un qualche modo standardizzato di aggiungere driver al kernel partendo dai sorgenti, senza che ogni produttore sia obbligato a crearsi la propria soluzione più o meno funzionante.
esiste gia, basta non far scrivere il codice alle scimmie e rilasciarlo sotto una licenza gpl-compatibile; di li a pochissimo verrebbe incluso in mainline e quindi automaticamente incluso in tutte le distro.
Debian, per esempio, ha una specie di framework per la compilazione di moduli del kernel e la creazione automatica dei relativi pacchetti.
vabbè, debian è debian \:D/

ilmich
Master
Master
Messaggi: 1548
Iscritto il: lun 16 lug 2007, 17:39
Slackware: 14.2 64bit
Kernel: 4.19.46
Desktop: dwm
Località: Roma

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da ilmich »

per quanto possa dispiacere, leggendo qui mi pare di assistere ad una rianimazione forzata quando il paziente ha l'encefalogramma piatto da un mese :(

fortuna che slackware essendo praticamente una one-man-distro forse non avrà mai problemi di budget & co..
ho visto cose che voi astemi non potete immaginare
https://github.com/ilmich

Avatar utente
fgcl2k
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 137
Iscritto il: gio 29 ott 2009, 10:14
Nome Cognome: Federico
Slackware: 14.1 (64bit)
Kernel: 3.10.17
Desktop: KDE 4.13.3

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da fgcl2k »

miklos ha scritto:fortuna che slackware essendo praticamente una one-man-distro forse non avrà mai problemi di budget & co..
Di budget forse no, ma anche Slackware ha i suoi problemi: http://www.linuxquestions.org/questions ... me-926188/

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da Meskalamdug »

Aggiornamenti: Mandriva è purtroppo fallita e il sistema operativo è dichiarato discontinuo da distrowatching
http://www.chimerarevo.com/linux/addio- ... d=noscript

Ovviamente restano i vari forks

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: Mandriva ci lascia?

Messaggio da Meskalamdug »

Ecco il fork principale

https://www.openmandriva.org/

Giustamente fa notare un utente su punto informatico mandriva da tempo vendeva solo prodotti server,
e l'ultima mandriva risaliva al 2011.

Rispondi