Pagina 3 di 5

Re: bitcoin

Inviato: gio mag 10, 2012 16:05
da Loris

Re: bitcoin

Inviato: lun apr 15, 2013 9:47
da Paoletta

Re: bitcoin

Inviato: mer apr 24, 2013 12:02
da masalapianta
Paoletta ha scritto:http://www.ilpost.it/2013/04/14/il-crollo-di-bitcoin/

era anche ora, purtroppo, per troppo tempo bitcoin è stato usato per fare speculazione spicciola (ed ultimamente come bene rifugio per la crisi di Cipro), ora con l'assestamento a quote di cambio più realistiche, si spera che si riesca ad usarla come moneta (cosa poco praticabile quando le quote di cambio fluttuano in continuazione a causa di speculazioni)

Re: bitcoin

Inviato: sab ott 07, 2017 23:29
da Procopio

Re: bitcoin

Inviato: mar ott 10, 2017 16:23
da ZeroUno
Purtroppo i bitcoin sono ancora sottovalutati, completamente conosciuti ai più e poco capiti dai pochi che li hanno sentiti nominare perchè - bitcoin a parte - la _vera_ informatizzazione informatica almeno in italia è ancora bassa.
Inoltre per la sua intracciabilità sono spesso usati da pirati informatici.

Tuttavia ho cominciato a vedere qualche negozio online che accetta pagamenti in bitcoin.
Ma credo che dovremo aspettare la prossima generazione per vedere gli sviluppi.
La moneta tradizionale ha una storia mooooolto più lunga di quella elettronica, ed è quindi entrata nella cultura.

Credo che lo stesso problema ci sia stato qualche millennio fa quando si è passato dal baratto alla moneta, e qualche decennio fa quando si è passati dalla moneta al bancomat, e recentemente dal bancomat (in quanto prelievo) alla carta di credito (in quanto unico metodo di pagamento) e agli acquisti online.
La strada è lunga ancora

Re: bitcoin

Inviato: mer ott 11, 2017 7:57
da rik70
The Rise and Rise of Bitcoin.

Se non l'avete ancora visto, non perdetevelo.

Re: bitcoin

Inviato: mer ott 11, 2017 10:45
da joe
È stato doppiato in italiano?

Re: bitcoin

Inviato: mer ott 11, 2017 10:50
da rik70
joe ha scritto:È stato doppiato in italiano?
No, ma trovi i sottotitoli in inglese.
Io avevo iniziato a tradurlo in ita, poi per mancanza di tempo non l'ho finito. Se interessa posso mettere il .srt da qualche parte e ve lo finite :) .

Comunque ne vale la pena.

Re: bitcoin

Inviato: gio ott 12, 2017 22:15
da Linpassion
Parlando con un mio amico ho sentito che in genere è usato nel deppweb. Per quanto riguarda il cambio, dovrebbero esserci due bancomat al nord che lo permette.
in fin dei conti anche il bancomat è digitale. Comunque per produrli serve un pc potente, e la crittografia è cosi alta da non permetterne la copia..
il potere sta nel fatto che non è prodotta da un ente, come BCE ad esempio, perciò è sgrava da tasse ecc...

Re: bitcoin

Inviato: gio ott 12, 2017 22:29
da ZeroUno
A causa della sua natura di non tracciabilità è una manna per i pirati informatici.
Un'amica si è presa un cryptolocker e chiedevano il pagamento in bitcoin.
Chi ha avuto l'idea di questa moneta non ha pensato all'altro lato della medaglia.

Re: bitcoin

Inviato: lun nov 06, 2017 13:14
da ZeroUno
Ecco, questo si porterebbe alla diffusione del bitcoin

Se veramente Amazon apre le porte allora è fatta.

Io personalmente ho cominciato a fare davvero acquisti con carta di credito solo su Amazon.

https://www.macitynet.it/pagare-amazon- ... possibile/

Re: bitcoin

Inviato: lun dic 11, 2017 19:30
da Paoletta
Se il bitcoin ha successo è anche perchè è un ottimo mezzo nelle mani di chi vuole riciclare denaro sporco.
Ultimamente in molti paradisi fiscali è finito il segreto bancario per i non residenti (ad esempio, fino a qualche
anno fa un residente in italia poteva depositare il "nero" in Svizzera, adesso non puo' piu') e chi ha bisogno
di riciclare capitali lo deve fare in altro modo. Indicativo il fatto che gli ex paradisi fiscali si buttino a capofitto
nell'affare delle criptovalute:

http://valutevirtuali.com/2017/03/08/sa ... e-bitcoin/

Re: bitcoin

Inviato: lun dic 11, 2017 23:11
da joe
Premettendo che di bitcoin sono davvero ignorante:

- tempo fa avevo letto, non ricordo più dove, che in realtà andando a ritroso sulla blockchain, si riesce a raggiungere il "punto" in cui bitcoin che spendo sono stati a mia volta acquistati sul mio wallet. E lì, l'autorità può collegare la mia carta di credito e arrivare alla mia identità.
Qualcuno diceva che l'escamotage per anonimizzarsi sarebbe acquistare un altro tipo di valuta predisposta proprio con lo scopo dell'anonimia tipo se no ricordo male zcash: compro zcash con carta di credito, uso questi zcash per acquistare bitcoin e da lì in avanti sembrerebbe che non sia più possibile collegare la mia persona alle transazioni che effettuo con quel wallet di bitcoin...
O qualcosa del genere.

- Però la cosa che mi fà pensare più di tutte è il numero finito dei bitcoin che possono essere creati. Non significa questo che ad n certo punto, raggiunto il massimo numero di bitcoins creabili, se la diffusione resta alta, il singolo bitcoin dovrebbe sicuramente apprezzarsi?
abbiamo 10 bitcoins e basta
abbiamo molte persone che li usano
se ancora più persone li vogliono utilizzare (vista la scarsità) il prezzo (in euro diciamo, o in dollari) del singolo bitcoin non può che salire.
Certo, c'è anche il rischio che questa criptovaluta venga soppiantata da un'altra di più recente concezione che magari possa scalzarne la diffusione riducendone di fatto la domanda e di conseguenza il valore in termini di cambio...

Re: bitcoin

Inviato: mar dic 12, 2017 0:37
da ZeroUno
joe ha scritto:abbiamo 10 bitcoins e basta
abbiamo molte persone che li usano
se ancora più persone li vogliono utilizzare (vista la scarsità) il prezzo (in euro diciamo, o in dollari) del singolo bitcoin non può che salire.

Non sono un esperto quindi non ti rispondo in merito alla prima domanda, ma anche se non sono un economista ci vuole poco a capire che il bitcoin segue le regole della borsa. Al pari di tutte le altre monete ha un valore di cambio. Il valore lo decide l'andamento della domanda/offerta.
Infatti chi crede in questa moneta e si sente di buttarsi può usarla come investimento. Di sicuro chi ha comprato bitcoin nel 2016 ora ha svoltato visto che il cambio è salito esponenzialmente nel 2017

https://www.money.it/+Bitcoin-BTC-USD-quotazione+
.


A mio parere (potrei sbagliare) un motivo di questa crescita estrema è dovuto agli attacchi informatici con criptolocker di grossa portata di cui si è parlato pochi mesi fa.
In verità ci ho pensato i giorni successivi all'attacco e non è impossibile pensare che tale mossa non sia stata per far soldi in quel momento o a mettere in difficoltà una nazione quanto piuttosto una mossa economica che costringa una forte movimentazione di criptomoneta e il conseguente aumento di valore.


Edit: quest'anno la crescita è stata grossa, da 1000 a 17000 dollari per bitcoin, ma il più c'è stato nell'ultimo mese. Un mese fa era a 5000. Una settimana fa a 11000, ieri a 15000 e in altre 24ore e passato a 17000. Chissà i prossimi giorni.
Quindi gli attacchi potrebbero non avere il grosso impatto che pensavo, anche se un certo impatto credo l'abbia avuto visto che la crescita è cominciata a metà anno circa. Ma il vero motivo è questo :

L'ondata odierna di acquisti resta alimentata dalla decisione dei due principali mercati mondiali regolamentati dei derivati, il chicago mercantile exchange e il chicago board options exchange, di lanciare i contratti future sul bitcoin. Anche il nassdaq sta lavorando al lancio di contratti derivati sul bitcoin.

http://www.repubblica.it/economia/finan ... 183342111/
http://www.corriere.it/economia/17_dice ... 9ac2.shtml

Credo che chi ha inventato il bitcoin ed ha stabilito che prima o poi la generazione terminasse abbia anche immaginato uno scenario del genere (quello di crescita, non quello di esplosione).

Re: bitcoin

Inviato: mar dic 12, 2017 16:27
da joe
ZeroUno ha scritto:Non sono un esperto quindi non ti rispondo in merito alla prima domanda, ma anche se non sono un economista ci vuole poco a capire che il bitcoin segue le regole della borsa. Al pari di tutte le altre monete ha un valore di cambio. Il valore lo decide l'andamento della domanda/offerta.


Però il concetto di moneta, almeno nel significato moderno comprende anche un aspetto... diciamo politico decisionale: infatti il valore di una moneta, dipende anche dalle decisioni della Banca Centrale che la emette (e la può emettere in quantità potenzialmente illimitata, come ente "istituzionale" legittimato dalla presenza di uno Stato, o al limite da una unione monetaria tipo l'UE), e non solo dal "sentimento" dei mercati monetari. Questo mi fa pensare al bitcoin più che ad una moneta, ad un bene tipo oro, argento ecc, una commodity insomma, ma con in più anche la funzione di "mezzo di pagamento" diretto, proprio perchè accettato come tale da chi vende qualcosa...

L'ondata odierna di acquisti resta alimentata dalla decisione dei due principali mercati mondiali regolamentati dei derivati, il chicago mercantile exchange e il chicago board options exchange, di lanciare i contratti future sul bitcoin. Anche il nassdaq sta lavorando al lancio di contratti derivati sul bitcoin.


Ho sentito...
Quindi la cripto-valuta sarebbe aumentata di prezzo in quanto l'emissione di questo "derivato" avrebbe "infiammato" la fiducia degli speculatori sulla affidabilità di questo investimento... Oppure chi ha emesso questo strumento derivato, che sale se sale il suo sottostante cioè il bitcoin, dopo averlo emesso si è assicurato l'acquisto massiccio di bitcoin (grandi investitori, banche d'affari e società del genere), in modo così da farne salire il prezzo e lucrare sull'effetto leva del future derivato.
In ogni caso penso che questo diverga parecchio dall'idea che stava dietro agli sviluppatori del bitcoin. Del quale sinceramente, l'idea di scarsità implicita non rende ai miei occhi molto innovativa la criptovaluta in questione, tenuti in conto soprattutto gli sforzi di calcolo per il mining: una poco utile spesa energetica e impiego di risorse hardware. Era quasi più intelligente il gold-standard, o almeno era stato più facile da aggirare, almeno fino a quando non hanno bussato ai forzieri di fort knox.

Credo che chi ha inventato il bitcoin ed ha stabilito che prima o poi la generazione terminasse abbia anche immaginato uno scenario del genere (quello di crescita, non quello di esplosione).


Questo è sicuramente plausibile. Come è sicuro che anche io non ci abbia capito ancora granchè.