canone rai

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Rispondi
Avatar utente
masalapianta
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 2775
Iscritto il: lun 25 lug 2005, 0:00
Nome Cognome: famoso porco
Kernel: uname -r
Desktop: awesome
Distribuzione: Debian
Località: Roma
Contatta:

canone rai

Messaggio da masalapianta »

sembra che finalmente si siano degnati di rispondere a quello che gli si chiede da anni:

http://punto-informatico.it/3449876/PI/ ... ui-pc.aspx

Avatar utente
brg
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 499
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 14.2
Kernel: 4.4.172
Desktop: KDE4
Località: Montecatini
Contatta:

Re: canone rai

Messaggio da brg »

C'era poco da chiedere, la sentenza del 2002 della Corte Costituzionale parla chiaro:
Sul piano costituzionale, ciò comporta che la legittimità dell’imposizione debba misurarsi non più in relazione alla possibilità effettiva per il singolo utente di usufruire del servizio pubblico radiotelevisivo, al cui finanziamento il canone è destinato, ma sul presupposto della sua riconducibilità ad una manifestazione, ragionevolmente individuata, di capacità contributiva. Ed è sotto tale profilo che questa Corte, chiamata a pronunciarsi in riferimento all’art. 53 della Costituzione, dichiarò non fondate le relative questioni, aventi ad oggetto gli articoli 1, 10 e 25 del r.d.l. n. 246 del 1938, ritenendo che l’indice di capacità contributiva consistente nella mera detenzione di un apparecchio radiotelevisivo non potesse considerarsi irragionevole (ordinanze n. 219 e n. 499 del 1989).
Quella della moratoria per pc, tablet e similia è una concessione temporanea dovuta alla congiuntura politica attuale: hanno dato il contentino di poter evadere l'imposta sulla RAI a chi proprio non riesce a farne a meno, mentre stringono sulla retribuzione delle tasse governative.

Rispondi