opensolaris.org decommissioned

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Avatar utente
fgcl2k
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 137
Iscritto il: gio ott 29, 2009 10:14
Nome Cognome: Federico
Slackware: 14.1 (64bit)
Kernel: 3.10.17
Desktop: KDE 4.13.3

Re: opensolaris.org decommissioned

Messaggioda fgcl2k » lun ott 12, 2015 23:50

Non è che non ci capiamo: ho già scritto che non voglio smentire ciò che scrivi. Semplicemente la morte di BSD è una delle più antiche e ben note storielle di Internet. Intanto c'è sempre chi riesce a usarlo con (grande) profitto (beato lui). Giusto come precisazione: non è che FreeBSD gestisca una piccola porzione di Netflix: gestisce il cuore del business e cioè lo streaming video: ci sono varie presentazioni dell'architettura reperibili su Internet. Se poi i web server aziendali sono sotto Linux non può che farmi piacere; sarebbe stato sorprendente se avessero usato IIS.

D'altronde anche Slackware, che uso dalla versione 1.x installata da un CD Walnut Creek, mi dicono essere morta da un pezzo :-)

Giusto a titolo di nota e senza voler essere scortese, visto che mi piace frequentare i forum di Slackware, solitamente amichevoli, vorrei sottolineare che non mi sembra simpatico scrivere frasi del tipo "e se non hai ancora capito quel che ti dico..." anche se magari ritieni che il tuo interlocutore sia, diciamo così, "poco brillante".

hashbang
Packager
Packager
Messaggi: 1972
Iscritto il: ven giu 04, 2010 10:27
Nome Cognome: Luca De Pandis
Distribuzione: macOS
Località: Lecce / Bergamo / Milano
Contatta:

Re: opensolaris.org decommissioned

Messaggioda hashbang » mar ott 13, 2015 0:29

fgcl2k ha scritto:Non è che non ci capiamo: ho già scritto che non voglio smentire ciò che scrivi. Semplicemente la morte di BSD è una delle più antiche e ben note storielle di Internet. Intanto c'è sempre chi riesce a usarlo con (grande) profitto (beato lui).
Non importa se due persone lo usano. Importa quanto si investe nello sviluppo e nell'innovazione. È questo ciò che sto cercando di dirti.
E BSD non è un target di questo tipo di investimenti. Quando si usa BSD lo si fa per lo più perché si ha bisogno di basi di codice da usare. Non per altro.
Non è una storiella. È la realtà delle cose.

È lo stesso discorso di Linux sul desktop.
Noi lo usiamo con profitto e soddisfazione, ma questo non lo rende rilevante agli occhi del mercato.
Difatti quando si sviluppano applicativi commerciali (o anche spesso semplici driver) il target principale è sempre lo stesso: Windows e a volte OSX.

Giusto come precisazione: non è che FreeBSD gestisca una piccola porzione di Netflix: gestisce il cuore del business e cioè lo streaming video: ci sono varie presentazioni dell'architettura reperibili su Internet. Se poi i web server aziendali sono sotto Linux non può che farmi piacere; sarebbe stato sorprendente se avessero usato IIS.
Non è questione di web server aziendale.
È questione che l'infrastruttura è mista con Linux in back-end e FreeBSD in front-end.
Esattamente come quando si usa Linux come back-end per poi usare Windows Server in front-end.
Ecco perché ti ho messo il link di netcraft. Era per farti capire che non basta dire: "ho messo FreeBSD nello stack! L'infrastruttura deve essere per forza basata su FreeBSD!". Bisogna anche capire COME lo si è messo.
D'altronde non a caso, quando mi hai scritto di Netflix, io ti ho risposto con Linux in Azure. Proprio perché erano due deploy simili.

Giusto a titolo di nota e senza voler essere scortese, visto che mi piace frequentare i forum di Slackware, solitamente amichevoli, vorrei sottolineare che non mi sembra simpatico scrivere frasi del tipo "e se non hai ancora capito quel che ti dico..." anche se magari ritieni che il tuo interlocutore sia, diciamo così, "poco brillante".
Non ritengo mai i miei interlocutori dei cretini.
Io parto sempre dall'idea che se l'interlocutore non mi capisce è perché io non mi so spiegare bene.
Se avessi la presunzione che sei poco brillante, mi limiterei a dirti che non capisci e stop. Non sprecherei tempo a scrivere post in cui cerco di argomentare.