Megaupload chiuso dal fbi.

Area di discussione libera.

Moderatore: Staff

Regole del forum
1) Rispettare le idee altrui.
2) Evitare le offese dirette.
3) Leggere attentamente le risposte ricevute
4) Scrivere i messaggi con il colore di default, evitare altri colori.
5) Scrivere in Italiano o in Inglese, se possibile grammaticalmente corretto, evitate stili di scrittura poco chiari, quindi nessuna abbreviazione tipo telegramma o scrittura stile SMS o CHAT.
6) Appena registrati è consigliato presentarsi nel forum dedicato.

La non osservanza delle regole porta a provvedimenti di vari tipo da parte dello staff, in particolare la non osservanza della regola 5 porta alla cancellazione del post e alla segnalazione dell'utente. In caso di recidività l'utente rischia il ban temporaneo.
Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Megaupload chiuso dal fbi.

Messaggio da Meskalamdug »

Uno dei migliori siti,dalle velocità supersoniche ci lascia,capisco in parte le ragioni delle major che producono dvd per venderne uno e vederne duplicati(gratis)
10000000000,ma mi schiero con chi giustamente protesta.
Era meglio la vecchia era analogica,quando le cassette le compravi e magari le duplicavi passandole ad amici,contente le major e contenti noi :badgrin:

Avatar utente
Blallo
Packager
Packager
Messaggi: 3298
Iscritto il: ven 12 ott 2007, 11:37
Nome Cognome: Savino Liguori
Slackware: 14.2 / 12.2
Kernel: 4.4.14-smp
Desktop: DWM
Località: Torino / Torremaggiore (FG)
Contatta:

Re: È morto!

Messaggio da Blallo »

Devono cambiare il sistema.
Non possono pretendere che un individuo acquisti 30.000 articoli a 20€ l'uno.
Io, personalmente, lo ammetto: scaric(av)o un sacco da megaupload.
Perché sono il tipo che prima prova, poi acquista.

Iniziassero a ripensare a come fare il mercato.

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 505
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 14.2
Kernel: 4.4.172
Desktop: KDE4
Località: Montecatini
Contatta:

Re: È morto!

Messaggio da brg »

Bah, ho smesso di scaricare roba illegale 10 anni fa (film, musica, applicazioni...) e sono convinto che la pirateria informatica sia un problema non solo per l'industria, ma anche per l'open source. Tuttavia mi dispiace che si debbano prendere misure così drastiche, mi è capitato di dover spedire per email allegati di centinaia di MB e l'unica soluzione era affidarsi a siti come megaupload. Così come bittorrent lo uso per un sacco roba legale...

elendil
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 103
Iscritto il: sab 9 ago 2008, 12:39
Nome Cognome: Valerio
Slackware: 14
Kernel: 3.2.29
Desktop: xfce
Distribuzione: SalixOS
Località: Carpineto Romano (RM)

Re: È morto!

Messaggio da elendil »

Se un CD musicale costasse 10 euro invece di 20 la gente non lo scaricherebbe. E questo stesso discorso vale per tanti altri "prodotti" piratabili.
"In wars boy, fools kill other fools for foolish causes." (R. Jordan, The Wheel of Time book 1)

Avatar utente
targzeta
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 6563
Iscritto il: gio 3 nov 2005, 14:05
Nome Cognome: Emanuele Tomasi
Slackware: 64-current
Kernel: latest stable
Desktop: IceWM
Località: Carpignano Sal. (LE) <-> Pisa

Re: È morto!

Messaggio da targzeta »

elendil ha scritto:Se un CD musicale costasse 10 euro invece di 20 la gente non lo scaricherebbe. E questo stesso discorso vale per tanti altri "prodotti" piratabili.
Ma voi siete proprio così sicuri di questo? Alla fine se un film/album musicale lo puoi trovare sempre e quando vuoi comodamente da casa tua, siamo sicuri che lo compreresti? Ad esempio, se stasera abbiamo voglia di vederci quel particolare film e fuori piove, lo scarichiamo o scendiamo alla videoteca sottocasa (se va bene)? E anche se non piove?

Secondo me la rivoluzione è proprio nel modo di relazionarci verso questi oggetti. Da una parte ci sono le major o il modello di consumismo attuale che ci spinge verso l'accumulare roba che magari usiamo solo una volta, dall'altra c'è un modello di condivisione che mi permette di scaricarmi un film, guardarlo e poi cancellarlo, oppure magari non scaricarlo affatto ma semplicemente guardarlo online.

Emanuele
Linux Registered User #454438
Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara -- Dalai Lama
20/04/2013 - Io volevo Rodotà 

Avatar utente
Eberoth
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 403
Iscritto il: lun 24 ago 2009, 9:22
Slackware: -current
Kernel: 3.13.6
Desktop: KDE4
Distribuzione: Slackel64

Re: È morto!

Messaggio da Eberoth »

Beh, riorganizzando le cose in modo intelligente sicuramente si combatterebbe la pirateria in modo più efficace che perseguitando siti come megavideo/upload.

Se per i film, per esempio, esistessero cose simili a quello che è steam.com per i videogiochi, il discorso del dover uscire di casa cadebbre automaticamente.
Io ho da poco acquistato 2 splendidi videogame su steam, ad un prezzo onesto, e questo nonostante potessi benissimo scaricarli via torrent "gratis"...

Avatar utente
EmaDaCuz
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 877
Iscritto il: sab 28 gen 2006, 15:47
Slackware: 12.0 - ma a Trieste
Kernel: 2.6.25
Desktop: Fluxbox
Distribuzione: Debian e Arch
Località: Nijmegen, NL
Contatta:

Re: È morto!

Messaggio da EmaDaCuz »

Il noleggio film online e' la soluzione.

Amazon gia' lo fa (e a prezzi ottimi), Apple anche (a prezzi altini). Netflix e company offrono valide alternative. In certi paesi (come l'Inghilterra) Sky offre pacchetti specifici per essere consumati online (sia dirette che on demand) a prezzi MOLTO piu' bassi rispetto al satellite.

Purtroppo in Italia queste opportunita' ve le sognate.

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: È morto!

Messaggio da Meskalamdug »

brg ha scritto:Bah, ho smesso di scaricare roba illegale 10 anni fa (film, musica, applicazioni...) e sono convinto che la pirateria informatica sia un problema non solo per l'industria, ma anche per l'open source. Tuttavia mi dispiace che si debbano prendere misure così drastiche, mi è capitato di dover spedire per email allegati di centinaia di MB e l'unica soluzione era affidarsi a siti come megaupload. Così come bittorrent lo uso per un sacco roba legale...
È un discorso complesso.
Premetto che stai parlando con un collezionista di dvd di film anni 70 e sopratutto vhs :D roba che non sempre si trova nel mercato illegale
dei vari muli,megaupload,etc e che quindi non mi ha mai portato a usufruire(a parte i vhsrip che essendo decedute le case produttrici sono sul filo della legalità,una sorta
di abandonware) di questi servizi.
Che però ho usato per file grossi,legali proprio per la velocità che era seriamente alta,a differenza della lumaca che trovi di solito.
Capisco benissimo le ragioni dell'industria,e invito a riflettere su come la pirateria informatica abbia alla fine favorito le grosse case,non so se ricordate la storia del CD
,delle cartucce e della prima PS1.

Meskalamdug
Iper Master
Iper Master
Messaggi: 3925
Iscritto il: ven 14 mag 2004, 0:00

Re: È morto!

Messaggio da Meskalamdug »

EmaDaCuz ha scritto:Il noleggio film online e' la soluzione.

Amazon gia' lo fa (e a prezzi ottimi), Apple anche (a prezzi altini). Netflix e company offrono valide alternative. In certi paesi (come l'Inghilterra) Sky offre pacchetti specifici per essere consumati online (sia dirette che on demand) a prezzi MOLTO piu' bassi rispetto al satellite.

Purtroppo in Italia queste opportunita' ve le sognate.
Lo so,noi siamo sempre indietro :evil:
Quanto mi piacerebbe un sito che noleggia gli introvabili del 70 80..I padroni della terra,She,Crema cioccolata e Paprika,etc,etc...
pagherei volentieri 10€ a film.

idefix
Linux 1.x
Linux 1.x
Messaggi: 191
Iscritto il: gio 19 giu 2008, 1:48
Nome Cognome: stefano
Slackware: slack64-14.2
Kernel: 4.4.19
Desktop: tde 14.0.3

Re: È morto!

Messaggio da idefix »

stavo leggendo questa discussione e volevo condividere una idea diversa:

1 è appurato che il p2p aumenta le vendite
2 i supoporti digitali le major li han introdotti perche a loro costano molto meno
quindi ora di che si lamentano ? che la loro tecnologia li ha travolti ?
3 pur costadogli infinitamente menoa loro, a noi costano sempre di piu.
4 dall' analogico al digitale han moltiplicato le vendite x100, quanto vogliono guadagnare ?
5 producono film di qualita sempre piu bassa e cloni di film vecchi a prezzi assurdi poi si lamentano.
6 perche devono per forza incassare di piu ? perche dei ragazzi/e siano miliardari prima dei 16 anni ?
non è obbligatorio viaggiare in limousine e strafarsi di coca.
7 laura pausini (non una star americana) ha veduto 70 milioni di cd, quanto fa a 20 euro l'uno ? troppo poco ?
8 si sono accorti che tutto il mondo è in recessione ? tutti stringono la cinghia, loro non possono.

non so voi, ma quando sento dei miliardari piangere miseria mi inquieto.

Avatar utente
-sf
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 209
Iscritto il: ven 15 lug 2011, 1:20
Slackware: 13.37
Kernel: 2.6.37.6-smp
Desktop: KDE

Re: È morto!

Messaggio da -sf »

Meskalamdug ha scritto:
EmaDaCuz ha scritto:Il noleggio film online e' la soluzione.

Amazon gia' lo fa (e a prezzi ottimi), Apple anche (a prezzi altini). Netflix e company offrono valide alternative. In certi paesi (come l'Inghilterra) Sky offre pacchetti specifici per essere consumati online (sia dirette che on demand) a prezzi MOLTO piu' bassi rispetto al satellite.

Purtroppo in Italia queste opportunita' ve le sognate.
Lo so,noi siamo sempre indietro :evil:
Quanto mi piacerebbe un sito che noleggia gli introvabili del 70 80..I padroni della terra,She,Crema cioccolata e Paprika,etc,etc...
pagherei volentieri 10€ a film.
Ma anche meno di 10€!
Se ci fosse un servizio che permetta la visione di un film in streaming, in tutta legalità, secondo me prenderebbe piede facilmente.

Immagina poter pagare una cifra simbolica di 1 euro per guardarti un film, ti viene fornito un indirizzo a cui visionarlo, una volta sola, come se andassi al cinema.
Considerato il numero delle persone che fruiscono di contenuti in streaming (e parliamo di milioni di persone) le cifre diventano interessanti, anche per le major cinematografiche!
Immaginiamo che oggi esca un film al cinema, solo in Italia almeno 1 milione di persone che guarderebbero tale film ci sarebbero. Se ognuno pagasse un euro per vederlo (una volta) la cifra diventa 1milione di euro, in un sol giorno, che non sono proprio noccioline considerato anche quanto costerebbe distribuire tale film!
Se si aggiungono tutti gli altri fruitori nel mondo le cifre in ballo diventano assai interessanti!

Come ha detto qualcuno soluzioni di questo tipo esistono, il prossimo passo secondo è me semplificare i metodi di pagamento.. non tutti si fidano a lasciare il numero della propria carta di credito ad un sito qualunque, ma se ad esempio il costo dei "contenuti online" venisse calcolato dal proprio provider e aggiunto in bolletta, le cose si semplificherebbero!

Ma forse sto solo sognando... :doubt:

Avatar utente
brg
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 505
Iscritto il: sab 12 mar 2011, 14:20
Slackware: 14.2
Kernel: 4.4.172
Desktop: KDE4
Località: Montecatini
Contatta:

Re: È morto!

Messaggio da brg »

idefix ha scritto:stavo leggendo questa discussione e volevo condividere una idea diversa:

1 è appurato che il p2p aumenta le vendite
Più che altro è un fatto di correlazione, i prodotti più piratati sono quelli che piacciono di più al pubblico e quindi quelli più venduti. Semmai il p2p uccide i prodotti di nicchia, sia che si tratti di film/musica sia che si tratti di software (il 99% della gente non capisce perché dovrebbe usare GIMP invece che piratare Photoshop).
idefix ha scritto: 5 producono film di qualita sempre piu bassa e cloni di film vecchi a prezzi assurdi poi si lamentano.
La cosa che trovo assurda è che vengano comunque piratati, mi pare che certa gente guardi ogni porcheria solo per sentirsi "al passo" con gli amici, il che è assurdo. Se non ti piace, non vai al cinema a vederlo, né lo scarichi illegalmente.
idefix ha scritto:7 laura pausini (non una star americana) ha veduto 70 milioni di cd, quanto fa a 20 euro l'uno ? troppo poco ?
8 si sono accorti che tutto il mondo è in recessione ? tutti stringono la cinghia, loro non possono.
Laura Pausini i miei soldi non li ha mai presi, tuttavia non ho nemmeno mai piratato nessuna delle sue creazioni, per coerenza per lo meno. Se a della gente piace Laura Pausini, non ci trovo niente di male che lei ci guadagni pure.

Vorrei far notare che con quei 70 milioni di CD non è che ci s'è arricchito qualcuno, ci sono sopravvissute migliaia di persone nell'industria musicale. Semmai il problema è lo squilibrio con cui vengono redistribuiti i ricavi di questa industria tra "manager" e dirigenti da una parte e lavoratori a progetto e operai dall'altra, ma questo è un problema generale della nostra società e non ha niente a che fare con questo argomento. Tuttavia la moria di case di produzione di videogiochi in questi ultimi anni ha a che fare anche con questo.

Avatar utente
EmaDaCuz
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 877
Iscritto il: sab 28 gen 2006, 15:47
Slackware: 12.0 - ma a Trieste
Kernel: 2.6.25
Desktop: Fluxbox
Distribuzione: Debian e Arch
Località: Nijmegen, NL
Contatta:

Re: È morto!

Messaggio da EmaDaCuz »

-sf ha scritto: Se ci fosse un servizio che permetta la visione di un film in streaming, in tutta legalità, secondo me prenderebbe piede facilmente.

Immagina poter pagare una cifra simbolica di 1 euro per guardarti un film, ti viene fornito un indirizzo a cui visionarlo, una volta sola, come se andassi al cinema.
Ripeto, il fatto che non esista niente di simile in Italia non vuol dire che non esista nel resto del mondo. Ho fatto l'esempio di Netflix, ma c'e' Hulu, Amazon, Apple... qua in Olanda ci sono almeno 3-4 grandi compagnie specializzate nel noleggio online di film. Il problema, a parer mio, e' che i film sono ancora troppo costosi, talmente costosi che qualche volta il film a noleggio costa piu' del relativo BluRay/DVD.
Ma pian piano ci arriveremo.

Concludo dicendo, senza volermi accanire gratuitamente sull'Italia, che non e' nell'interesse di nessuna compagnia investire on line in un Paese che non sa cosa sia la banda larga... a meno che non metta a prezzi vantaggiosissimi film in 240p.

Avatar utente
-sf
Linux 2.x
Linux 2.x
Messaggi: 209
Iscritto il: ven 15 lug 2011, 1:20
Slackware: 13.37
Kernel: 2.6.37.6-smp
Desktop: KDE

Re: È morto!

Messaggio da -sf »

EmaDaCuz ha scritto:
-sf ha scritto: Se ci fosse un servizio che permetta la visione di un film in streaming, in tutta legalità, secondo me prenderebbe piede facilmente.

Immagina poter pagare una cifra simbolica di 1 euro per guardarti un film, ti viene fornito un indirizzo a cui visionarlo, una volta sola, come se andassi al cinema.
Ripeto, il fatto che non esista niente di simile in Italia non vuol dire che non esista nel resto del mondo. Ho fatto l'esempio di Netflix, ma c'e' Hulu, Amazon, Apple... qua in Olanda ci sono almeno 3-4 grandi compagnie specializzate nel noleggio online di film. Il problema, a parer mio, e' che i film sono ancora troppo costosi, talmente costosi che qualche volta il film a noleggio costa piu' del relativo BluRay/DVD.
Ma pian piano ci arriveremo.

Concludo dicendo, senza volermi accanire gratuitamente sull'Italia, che non e' nell'interesse di nessuna compagnia investire on line in un Paese che non sa cosa sia la banda larga... a meno che non metta a prezzi vantaggiosissimi film in 240p.
Si si ho letto il tuo post, ma il mio era riferito alla situazione italiana.

Per il resto non posso fare altro che quotarti!
Il giorno che capiremo (noi italiani) l'importanza e le potenzialità della rete sarà sempre troppo tardi; oggi come oggi per la maggior parte delle persone internet è "facebook, contenuti pirata e porno" :roll:

Avatar utente
SIV
Linux 3.x
Linux 3.x
Messaggi: 921
Iscritto il: mer 25 apr 2007, 14:07

Re: È morto!

Messaggio da SIV »

Mi trovo d'accordo con la linea di pensiero del noleggio online. Concordo, però, sul fatto che i prezzi sono ancora non totalmente accessibili nel senso che se con poco più mi porto a casa il dvd originale, compro quello.
Vedere film in streaming legalmente per me sarebbe l'ideale (sempre con prezzi accessibili ai comuni mortali) perchè, per quanto riguarda i film, penso che il non-possesso del supporto fisico sia quello che mi serva perchè non vedo quasi mai due volte lo stesso film (a parte quelli che mi sono davvero piaciuti).

Detto questo, lungi da me voler fare il falso, ammetto che anche io usavo pesantemente megavideo/upload #-o

Rispondi